Narrativa straniera Racconti Le lune di Giove
 

Le lune di Giove Le lune di Giove

Le lune di Giove

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

In queste storie Alice Munro racconta di donne alle prese con una relazione sentimentale difettosa - una relazione, più precisamente, il cui immancabile difetto si va in quel momento manifestando, o si è già manifestato - e del loro tentativo di affrontarla senza illusioni ma contemporaneamente senza cinismo, con una conoscenza antica che però non vuole rinunciare al privilegio di farsi sorprendere appena un po'. Donne caparbie, spiritose, amare, sempre lucidissime, creature di un'autrice che non svia mai lo sguardo da ciò che pulsa e vive.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le lune di Giove 2017-03-24 07:48:11 Elena72
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Elena72 Opinione inserita da Elena72    24 Marzo, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vite come satelliti

Come le lune ruotano misteriosamente intorno ai loro pianeti, così le vite delle donne gravitano attorno agli affetti che determinano le traiettorie delle loro esistenze. Ne "Le lune di Giove" la Munro ci fa incontrare le protagoniste ad un bivio della loro esistenza, nel momento in cui prendono coscienza degli abbagli, dei fallimenti, delle insane relazioni con uomini prevaricanti ed insensibili ai quali hanno concesso troppo potere sulle loro vite. "C'è un limite alla quantità di sofferenze e di scombussolamento che si è disposti a sopportare in nome dell'amore, come c'è un limite al disordine che siamo disposti a ignorare in una casa. Non si può conoscere in anticipo, ma quando lo raggiungi, te ne ne accorgi" (p. 157). E quando una donna se ne accorge, scatta qualcosa e da quel momento la sua vita avrà il sapore dolce amaro della consapevolezza e del distacco. "Quando cominci veramente a lasciar perdere, succede così. Ti prende dentro una fitta di dolore segreta, inaspettata. E subito dopo un senso di leggerezza. Vale la pena rifletterci, sulla leggerezza" (p. 157).
In quasi tutti i racconti si respira un'aria di malinconica rassegnazione e aleggia l'ineluttabilità di un destino crudele. Emblematico a tal proposito "L'incidente", racconto nel quale due amanti vengono interrotti proprio nel momento in cui giunge la notizia che darà una svolta alle loro vite: la tragica morte del figlio di lui sara' l'occasione per legittimare la loro relazione.
Il racconto che ho preferito è stato l'ultimo, quello che dà il titolo alla raccolta. Parla di una donna che sta vivendo un momento di particolare crisi, come madre e come figlia. Suo padre deve infatti affrontare una delicata operazione al cuore dalla quale, molto probabilmente, non potrà risvegliarsi. Una delle sue figlie, la più amata ma anche la più ribelle, se n'è andata di casa e non ha mantenuto contatti stabili con la famiglia. A differenza della protagonista, sia il padre, sia la figlia sono figure forti che determinano in autonomia il loro destino. Il dialogo sul significato dei nomi dei satelliti di Giove è l'ultimo confronto che la protagonista ha con il padre prima del fatidico intervento. Il finale aperto lascia spazio alla speranza, alla possibilità di ritrovare la figlia e di rivedere il padre dopo l'operazione e fa chiudere il libro con un sospiro di sollievo.

Non è la prima opera della Munro che leggo e questa autrice di solito mi piace; "Le lune di Giove" però mi ha lasciata perplessa, con labili emozioni e poche pagine su cui avrei voluto ritornare. I racconti sono costruiti, come sempre, in modo impeccabile, i personaggi scandagliati nell'intimo, i luoghi descritti dettagliatamente; eppure l'ingranaggio della lettura gira a fatica, forse per un eccesso di virtuosismi, per un surplus, a mio parere, di elucubrazioni mentali. Consigliato comunque, perché la Munro, come tutti i grandi della letteratura, sa far emergere ciò che abbiamo dentro ma non riusciamo ad esprimere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
altre opere della Munro, o di Carver
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri