Narrativa straniera Racconti Mendel dei libri
 

Mendel dei libri Mendel dei libri

Mendel dei libri

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La storia di un uomo che forse non ha letto tutti i libri, ma che tutti li conosce. Il sovrano di un mondo parallelo - un mondo di carta.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 12

Voto medio 
 
4.7
Stile 
 
4.8  (12)
Contenuto 
 
4.6  (12)
Piacevolezza 
 
4.8  (12)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Mendel dei libri 2021-01-13 08:48:03 Valerio91
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    13 Gennaio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Accendere un fiammifero

Si può dire che Stefan Zweig sia un po' la versione austriaca del nostro Leonardo Sciascia. Non fraintendetemi però, non vi è assolutamente una comunanza di temi, ma entrambi gli autori riescono egregiamente a trasmettere un numero elevato di emozioni e messaggi in un limitatissimo numero di parole. "Mendel dei libri" è infatti un raccontino di cinquanta pagine, ma al suo interno possono trovarsi diversi spunti.
Il tutto è incentrato sulla figura di Jakob Mendel, nient'altro che un appassionato di libri che passa le sue giornate chino sui tomi, intento a memoriz­zarne ogni dettaglio: magari non li avrà letti tutti, ma tutti li sa identifi­care e citare: non sono infatti pochi le persone (anche di rango elevato) che si rivolgono a lui quando sono alla ricerca d'un libro introvabile, o di titoli che riguardino un deter­minato argomento.
Quell'uomo che se ne sta sempre nel suo angolo del caffè Gluck potrebbe sciorinar titoli all'infinito, meglio d'un qualsiasi bibliote­cario.
È una garanzia, un punto di riferimento, una figura che si veste d’un manto leggendario.
Eppure l'uomo è capace di distruggere anche la leggenda, ed ecco che a prendersi carico della distruzione di quest'uomo che non fa del male a nessuno, interviene la guerra. Anche in un uomo che ha dedicato l'intera sua vita ai libri, che non concepisce nulla al di fuori di essi e che non vi si distoglie neanche se gli crolla il tetto sulla testa, la guerra e la politica trovano un nemico. In una serie di eventi che ha del paradossale, Mendel viene brutalmente strappato da ciò che più ama al mondo, costretto senza alcun motivo a vivere anni vuoti che a loro volta lo svuoteranno.
Ecco come la cattiveria umana può privare l'innocente d'ogni scopo: lo sguardo perso nel vuoto di Jakob Mendel è una vera e propria metafora dell'incredulità che coglie un’anima pura di fronte a tanta cattiveria immotivata, testimone “dell'umana urgenza di prendere una cosa bella e accendere un fiammifero”.

“No, non era più lui, non era più il miraculum mundi, il magico archivio di tutti i libri; chi lo vide allora, mi ha raccontato con tristezza la stessa storia. Qualcosa sembrava essersi irrimediabilmente infranto nel suo sguardo un tempo tranquillo, come assopito nella lettura; qualcosa era andato in pezzi; nella sua folle corsa l’orrida cometa di sangue doveva essere entrata in violenta collisione anche con quell’astro remoto, pacifico, con la stella d’Alcione del suo universo libresco.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mendel dei libri 2020-04-23 16:01:31 archeomari
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    23 Aprile, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I libri sono fatti per legarsi agli uomini

Brevissimo, ma intenso ed emozionante.
Scritto in terza persona, è la storia di un ricordo. Il narratore ci porta in un caffè viennese detto Caffè Gluck, un locale alla buona, frequentato da “gente modesta che consumava più giornali che dolciumi”. Manca in quel caffè da molti anni e, appena si siede ad un tavolino, è sopraffatto dal ricordo di un uomo speciale, fuori dal comune, un bibliomane unico nel suo genere: Jackob Mendel, detto Mendel dei libri.
Sono passati così tanti anni, vent’anni, ma di lui ricorda le fattezze, come se ce lo avesse davanti agli occhi in quel momento: “lo sguardo dietro le lenti incollato in modo ipnotico a un libro”, salmodiando e dondolandosi avanti ed indietro come se fosse in una scuola talmudica, quale quella che aveva frequentato da ragazzo, essendo ebreo.

“Perché lui leggeva come altri pregano, come i giocatori giocano e gli ubriachi tengono lo sguardo fisso nel vuoto, storditi; il suo rapimento quando leggeva era così commovente che, da allora, il modo in cui gli altri leggono mi è sempre parso profano. In Jakob Mendel, in quel piccolo rivendugliolo galiziano con i suoi libri, avevo visto personificato per la prima volta – ero giovane allora – il grande mistero della concentrazione assoluta, che rende tali l’artista e lo studioso, il vero saggio e il perfetto monomane, la tragica ventura e sventura della piena possessione”.

Un uomo talmente preso dalla lettura e dai libri che non riusciva a concepire la vita al di fuori della carta stampata, al punto tale da non conoscere gli eventi e le conseguenze della guerra mondiale in corso mentre lui, seduto al caffè Gluck, memorizzava titoli, prezzi, edizioni...
Anche se Mendel è un personaggio estremo, “più unico che raro”, chi ama i libri troverà qualche pezzo di se stesso nella storia del bibliomane galiziano. Non sarà la sua memoria prodigiosa, non sarà il suo profondo livello di concentrazione, ma la devozione sì. Chi ama i libri non è mai sazio di letture, accumula libri su libri, non ne ha mai abbastanza. Chi ama i libri fa di tutto per trovare spazio nella giornata da consacrare a un libro. Leggere non è un’attività opzionale, leggere è respirare.

Un libro piccolo e denso, che racchiude dentro di sé almeno due lezioni: quella dell’unicità di ognuno di noi, che rimane nonostante gli eventi esterni e quella del ricordo, che unisce le persone e fa rivivere quelle che non ci sono più . In questo senso il libro è uno scrigno e al tempo stesso uno strumento del ricordo:

“i libri si fanno solo per legarsi agli uomini al di là del nostro breve respiro e difendersi così dall’inesorabile avversario di ogni vita: la caducità e l’oblio”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I libri di Zweig

Per chi ama trovare libri che parlano del piacere della lettura “Trance. Autobiografia di un lettore” di Alan Pauls
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mendel dei libri 2019-10-19 12:36:28 joannes88
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
joannes88 Opinione inserita da joannes88    19 Ottobre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Il mondo non era più il mondo"

Siamo ai primi del ‘900 e a un tavolino del caffè Gluck di Vienna siede quotidianamente Jakob Mendel, “persona senza eguali e uomo leggendario”, capace di scovare il libro più strano nella più sperduta libreria antiquaria esistente. Non c'è un volume che sfugga alla sua conoscenza enciclopedica, maturata in decenni di maniacale lettura, l’unica attività a cui abbia dedicato la sua esistenza. Oltre ai libri, però, Mendel non sa nulla del mondo ed è proprio questo innaturale distacco a giocargli un terribile scherzo, da cui non sarà più in grado di riprendersi, divenendo l’ombra di se stesso.
Pubblicato nel 1929, Mendel dei libri è il racconto di un uomo travolto dalla Storia, la metafora di un mondo che inconsapevolmente viaggia spedito verso la propria fine, lasciando di sé solo un ricordo sfocato. Una novella malinconica, dal sapore amaro, esempio di una celebre letteratura austriaca successiva alla Grande Guerra, capeggiata da Stefan Zweig e Joseph Roth, orfani della “belle epoque” asburgica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La Marcia di Radetzky, Joseph Roth
Novella degli scacchi, Stefan Zweig
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mendel dei libri 2017-02-21 19:22:26 siti
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
siti Opinione inserita da siti    21 Febbraio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La profezia


È la prima volta che uno scritto di Zweig mi delude e questo crea in me una difficoltà di esprimere le ragioni che sottendono a questa delusione. La prima alla quale mi appiglio è la brevità, ma – presa singolarmente- sarebbe ben poca cosa; unita ad essa una debole struttura narrativa se paragonata a quelle che animano altri suoi scritti brevi quali “Novella degli scacchi” o “Sovvertimento dei sensi”. In ultimo un’assenza quasi totale del suo spirito che ritrovo solo quando debolmente ci sussurra che il mondo procede per via diretta verso repentini cambiamenti:”..tutto ciò che è unico diventa sempre più prezioso in questo nostro mondo che va fortemente divenendo più uniforme”. Qui la delusione verso il cambiamento è resa attraverso il destino di un uomo di grande cultura, di grande capacità intellettiva che viene annientato dai tempi i quali, per natura, per scelta, con ostinazione, con rassegnazione, subisce nel momento in cui non li riconosce e non li vive. Mendel è totalmente assorbito dalla sua inumana capacità di accumulare dati e informazioni sui libri, dal Caffè Gluk, dove vive appartato dal mondo, è punto di riferimento per pochi eletti di Vienna, non perché scelti personalmente da lui ma perché naturalmente selezionati dalle loro attività intellettuali che li portano, quando si trovano in una qualche difficoltà di reperimento del testo, a farsi aiutare da questo alto ingegno. Saranno proprio loro poi a rappresentare all’uopo una momentanea ancora di salvezza in un periodo in cui la barbarie del nostro piccolo mondo sarà capace di generare campi di internamento in ogni Paese coinvolto nella prima guerra mondiale. È chiaro l’intento di denuncia , è emblematica la mestizia del personaggio, è inaccettabile il suo destino e con essa anche la triste profezia che essa racchiude : la vittoria della caducità e dell’oblio. I nostri tempi ne sono una triste conferma. Dov’è la cultura dei libri?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mendel dei libri 2017-01-28 08:19:33 lapis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    28 Gennaio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Custode della memoria

Ogni giorno al Caffè Gluck di Vienna un piccolo omino se ne sta seduto a un tavolino di marmo, fermo e impassibile, con lo sguardo ipnoticamente incollato a un libro, dondolandosi avanti e indietro e cantilenando, come alla scuola ebraica gli hanno insegnato. E’ Mendel, Mendel dei libri. La sua memoria è straordinaria, conosce ogni libro che sia stato pubblicato, consiglia titoli per ogni argomento gli venga proposto e riesce a procurarsi anche testi apparentemente introvabili. La sua conoscenza prodigiosa e leggendaria si accompagna ad una vita modesta, fatta di piccole abitudini. Non trasforma la sua passione in fonte di guadagno, non ne trae compensi, se non l’ingenua soddisfazione si riuscire a dare risposte dopo che esimi bibliotecari hanno alzato le braccia.

Un amore per la conoscenza libero da ambizioni. Una passione che si fa vita. Una concentrazione assoluta, al punto da non accorgersi di quanto accade intorno a sé, al punto da non accorgersi che la guerra sta trasformando il mondo rendendolo un posto dove non c’è più spazio per i sogni senza lucro, non c’è più devozione per la saggezza, non c’è più rispetto per gli antichi valori. E quando la realtà incombe, con la sua forza deflagrante e violenta, le lenti del piccolo omino si frantumeranno, e Mendel non sarà più Mendel, e il mondo non sarà più il mondo. Cosa rimane allora? Solo i libri, per “difendersi dall’inesorabile avversario di ogni vita: la caducità e l’oblio”.

La penna di Stefan Zweig si dimostra straordinariamente elegante e misurata. Senza calcare la mano sui toni del dolore, ci regala una figura di raro splendore, capace, con la sua personalità unica e la sua commovente dignità, di fare breccia nel cuore del lettore. Una storia delicata e malinconica. E un invito a farci anche noi, come Mendel, custodi della cultura e della memoria.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mendel dei libri 2016-09-21 07:33:26 Antonella76
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    21 Settembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Delicatezza e dignità



È il mio terzo Zweig nell'arco di pochi di giorni.
Direi che questo autore ha colpito nel segno.
Direi che leggere questo racconto è stato un vero piacere, balsamo per l'anima di un lettore appassionato.
È la storia di un ricordo...un ricordo dapprima sfuggente, che non prende forma, e poi, pian piano si fa strada nella memoria portando con sé tutto un patrimonio di emozioni.
Il protagonista del ricordo è Jakob Mendel, detto Mendel dei libri, uomo dalla straordinaria capacità di memorizzare tutti i cataloghi di libri, autori, pubblicazioni, costi...e della sua vita priva di senso al di fuori delle lettere stampate.
Non c'era posto per nient'altro, neanche per la guerra, quella guerra che lo priverà di tutto, anche del suo dono.
Mendel non sara più lo stesso, ma anche il mondo, dopo una guerra mondiale, non lo sarà piu...
Dentro queste poche pagine troviamo tanta dolcezza, tristezza, tenerezza, ma anche rispetto verso chi ha dedicato la propria vita ad una passione così totalizzante che, inconsapevolmente, è stata la sua rovina.

"I libri si fanno solo per legarsi agli uomini al di là del nostro breve respiro e difendersi così dall'inesorabile avversario di ogni vita: la caducità e l'oblio".

Forse a questa novella manca la suspance psicologica che ho respirato in "Paura", il dolore e lo struggimento di "Lettera di una sconosciuta", ma ho trovato una delicatezza, un contegno e una dignità che difficilmente mi faranno dimenticare quest'uomo e il suo mondo fatto solo di parole scritte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mendel dei libri 2016-02-09 11:53:26 C.U.B.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    09 Febbraio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pianeta Mendel

" Mendel dei libri " e' un lampo per la velocita' con cui si legge il breve testo, ma anche per l'intensita' luminosa che si trascina a ciel sereno, nonostante i periodi cupi e ombrosi.
Prima di essere la storia di un uomo , esso e' il racconto dell'estasi della lettura, quel processo che porta al piacere assoluto dell'estraniazione, a prescindere dal contenuto dell'oggetto d'interesse.
Quell'ometto curvo e trascurato e' un catalogo vivente, la sua mente eccezionale censisce  titoli, edizioni, prezzi con la precisione cui il miglior supporto bibliotecario non potrebbe mai nemmeno anelare.
Eppure nel caffe' viennese, ricurvo al suo tavolino e infagottato nei logori vestiti,  cinque pagnotte e qualche bicchiere di latte in tutto il giorno, Mendel non sfrutta le sue capacita' ai fini di lucro ma si accontenta di pochi spiccioli in cambio della sua liberta'. Liberta' di assopirsi da mane a sera in un mondo suo esclusivo, lontano dal caos degli uomini, lontano da ogni battaglia.
Ma la guerra prima o poi arriva per tutti quando il suolo e' minato ; il mondo di carta crolla, sconcertato e inerme, avvolto dalle fiamme che bruciano con rabbiosa indifferenza gli innocenti, i generosi ed i sognatori.

Con una penna intensa ed elegante, Zweig in poche righe ha cantato di un uomo, di una passione, di una citta', di un ennesimo conflitto. Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mendel dei libri 2014-12-12 16:51:10 silvia71
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    12 Dicembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La passione di Mendel

“Mendel dei libri” appartiene al genere letterario della novella, tra i prediletti di Stefan Zweig.
Scritta nel 1929, racchiude in una manciata di pagine una storia intensa, la storia di un uomo.
Chi è il tenebroso e bizzarro signor Mendel, che ogni giorno stende le sue scartoffie su un tavolino del Caffè Gluck nel cuore di Vienna?
Chi è quest' uomo che tra il vocio degli avventori del bar, gli aromi fragranti del caffè caldo, lo scoppiettio della stufa di ghisa continua imperterrito a sfogliare le sue carte, carte che parlano solo di libri, titoli, date di pubblicazione, edizioni?
La vita del protagonista non può essere scissa dal periodo storico, tanto che sarà proprio la Storia ad investire il placido e innocuo uomo, graffiandolo con gli artigli della discriminazione, della violenza e della segregazione.
Una storia in cui si percepisce l'intento di denuncia di Zweig, lui stesso costretto ad abbandonare la sua città natale per sfuggire all'atrocità delle persecuzioni.
La vita e la caduta del signor Mendel così cariche di pathos e di dolore, danno un volto ad una delle ferite più profonde della Storia.

La penna di Zweig è come sempre rigogliosa ed abbondante, ribolle di aggettivi, abbraccia stati d'animo e riflessioni. É un linguaggio elegante quello dello scrittore viennese, che sembra mantenere decoro e compostezza in ogni situazione narrata, anche sulle tematiche più calde e dolorose, senza ammiccare a toni di arrendevolezza e commiserazione.

Una lettura estremamente veloce sotto il profilo temporale, ma pregna di contenuto, di immagini, di valori, di umanità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mendel dei libri 2014-11-11 14:03:18 SARY
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
SARY Opinione inserita da SARY    11 Novembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una passione travolgente

Chi è Jakob Mendel? “è uno che sa tutto e ti procura tutto, l’uomo più in gamba di Vienna, un originale, un preistorico biblio – sauro di una razza ormai in via d’estinzione”. Una definizione che calza a pennello.
Un bibliomane antiquato, un rivenditore di libri squattrinato con una memoria eccezionale e una capacità di concentrazione unica, un amante insaziabile dei libri, più precisamente dei cataloghi, a lui non interessa tanto il contenuto narrativo, bensì l’aspetto esteriore, il frontespizio, l’edizione, il titolo e il costo (“Poter tenere fra le mani un libro prezioso significava infatti quel che per altri è l’incontro con una donna. Quei momenti erano le sue notti d’amore platonico”).
Opera e vive in un caffè di Vienna, lì cercatori di volumi e bisognosi di consigli, pellegrinano certi di trovare risposte soddisfacenti e Mendel dei libri non delude mai, basta un attimo di riflessione ed eccolo pronto a sciorinare il suo sapere.
Questa passione annulla il mondo che lo circonda. Gli occhi si posano beati sulle pagine e lì si perdono nella pace dei sensi. Fuori però scoppia la prima guerra mondiale. Il galiziano Mendel, eccentrico scrittore di cartoline viaggianti per l’Europa, infastidisce le severe autorità in guerra proprio contro i Paesi da lui contattati, un centro di detenzione apre a lui le porte. Solo importanti conoscenze e un passaparola amichevole riescono a tirarlo fuori. Ma gli occhi non si abbeverano più alla fonte del sapere, la mente è fallata, l’animo turbato, il Mendel dei libri è morto tra stenti e patimenti.
La premessa iniziale inquadra il racconto come una dichiarazione di amore e appartenenza all’ebraismo. Io non vi ho letto questo, o comunque l’ho percepito in modo superficiale. Il testo è una confessione d’amore per i libri. Un uomo seduto ad un bar che nulla sa di ciò che lo circonda, è talmente immerso nella lettura che no si accorge di nulla, resta sé stesso anche se il resto del mondo non lo è più. Davanti alle autorità con ingenuità disarmante comunica le sue origini, motivo della detenzione. Non viene poi approfondito il discorso etnico, storico, bellico o politico. Si capisce la situazione ed il contesto perché l’autore vi accenna, ma la narrazione non si fonda, secondo me, su quelle basi.
Da profana quale sono posso solo dire che questa novella è una piccola meraviglia, una penna sapiente e colta, un lessico ricercato, ma non pomposo o incomprensibile, le pagine trasudano cultura.

Concludendo, imperdibile per gli amanti dei libri.

“I libri si fanno solo per legarsi agli uomini al di là del nostro breve respiro e difendersi così dall’inesorabile avversario di ogni vita: la caducità e l’oblio”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
Mendel dei libri 2014-01-25 15:42:12 Maria Francesca
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Maria Francesca    25 Gennaio, 2014

Il Caffè Gluck di via Alserstrasse.



Piccolo libro breve recensione? Manco per niente!
Avete presente un buco nero?
Zweig ci permette di cogliere solo quello che sfugge all’orizzonte degli eventi lasciando all’intuizione l’immensa massa gravitazionale che quest’oggetto, apparentemente senza luce, racchiude in sé.
Un ebreuccio di una cinquantina d’anni, che aveva fatto per venticinque anni un tutt’uno con un tavolino dal ripiano di marmo nella sala da giochi del caffè Gluck di Vienna, -uomo dai chips stratosferici ancora da inventare che incameravano tanti di quei libri che anobii gli avrebbe invidiato-, ritorna alla memoria dell’anonimo narratore, che si rifugia durante un acquazzone in quel caffè ormai irriconoscibile, alla maniera delle madeleine di Proust .
In verità non ci sono dolcetti a evocargli il ricordo, ma “ Qualcosa d’indeterminato, prese a muoversi dentro di me rendendomi inquieto, come quando si annuncia un mal di denti, e ancora non sai se parta da destra o da sinistra, dalla mandibola o dalla mascella; sentivo solo una tensione sorda, un’inquietudine spirituale.”
Solo entrando istintivamente nella sala giochi e rivedendo il tavolino dove, vent’anni e più prima si era trovato faccia a faccia con un ebreuccio, si ricorda di Mendel dei libri. L’unico a poter dare una mano a nobili e plebei, e sempre a gratis perché la parcella stava in quel dover chiedere a lui.L’unico a poterlo aiutare con la bibliografia della sua ormai lontana tesi.

E in cinquanta paginette c’è tutto un mondo in disfacimento che i Mann, Kafka, Musil, e i Singer,Ungar, ognuno a modo proprio, aveva descritto in migliaia di pagine!
Mendel, uomo di pace, ebreo per caso e cittadino d’Europa -per natura, se la parola non risulti offensiva – impastato da dio, anziché col fango, di libri letti o meno, i soli oggetti “ i libri che si fanno solo per legarsi agli uomini al di là del nostro breve respiro e difendersi così dall’inesorabile avversario di ogni vita: la caducità e l’oblio”.
L’incontro dello smemorato ex studente con la vecchia addetta alla pulizia dei cessi, da cui conosce la triste fine del vecchio erudito, non è un artificio letterario, un pretesto. La vecchia è la memoria, quella memoria che ci permette di strappare il velo al male quando riappare con altro travestimento.
E anche noi siamo messi a parte dell’inconsapevolezza dell’erudito vecchietto, dallo sguardo ironico e perspicace che le spesse lenti non riuscivano a nascondere, vittima della cattiveria di una stupidamente sospettosa burocrazia prima, e dei pescecani poi, quelli che avevano fatto fuori, in quel primo dopoguerra, tutti i pesciolini di scoglio solidali ma debolucci.
Mendel aveva conosciuto l’umiliazione di essere etichettato come clandestino, spia per giunta e internato nei campi per civili, da cui era uscito con il suo hard disk di ultima generazione completamente “atterrato”.
Zweig non poteva sapere, in quel funesto ’29 - quando scriveva che “il mondo, smaltita ormai la sua follia, si sta rendendo conto a poco a poco che delle mille crudeltà, dei mille scellerati soprusi di questa guerra (I guerra mondiale) di questa guerra, nulla è stato più insensato, superfluo e quindi moralmente ingiustificabile di quel raccogliere tutti insieme e stabbiare dietro il filo spinato civili ignari per i quali l’età del servizio militare era passato da un pezzo: uomini che avevano vissuto per molti anni in un paese straniero come fosse stata la loro patria e , confidando nel dovere dell’ospitatilità…non erano fuggiti in tempo…un crimine contro la civiltà perpetrato in modo altrettanto assurdo…su ogni zolla di terra della nostra farneticante Europa-, non poteva sapere, dicevo, che i campi esistono ancora e là saranno tradotti i superstiti dell’ultima tragedia di Lampedusa, quando il sipario calerà sul palcoscenico sopra cui si stanno esibendo tutti quei vermi di terra, che sono i nostri politici, versando lacrime di glicerina sulle bare dei duecento affogati.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Kafka, Tomas Mann
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri