Tre vite Tre vite

Tre vite

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Da uno degli autori americani più brillanti e controversi della sua generazione, tre novelle sull'identità, lo smarrimento, la paranoia; sulla difficoltà di trovare una stabilità ed esistenziale nel mondo sempre più lacerato di oggi. Un ricco pensionato vaga confuso fra i campi da golf e le lussuose residenze di una località di villeggiatura, convinto dell'imminenza dell'attacco di un temibile e misterioso nemico esterno; l'impiegata di un'agenzia di assicurazioni comincia a ricevere anonime lettere di insulti e minacce, e le sue indagini alla ricerca del mittente all'interno della piccola comunità dei colleghi avranno una conclusione drammaticamente inaspettata; una New York postapocalittica, semidistrutta da un bombardamento, in cui fra i superstiti si diffonde una droga allucinogena in grado di far rivivere i ricordi e amplificare le sensazioni con un'intensità sublime e devastante. Fra John Cheever e Philip K. Dick, fra The Office e J.G Ballard, Moody racconta magistralmente il lato oscuro della modernità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tre vite 2013-07-12 11:50:56 Todaoda
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Todaoda Opinione inserita da Todaoda    12 Luglio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Malriuscito

Una raccolta di tre brevi storrielle che vorrebbero criticare e biasimare, se non addirittura denunciare, l'ipocrisia della società, o almeno di una porzione di questa (quella della borghesia, del ceto medio), e vorrebbero farlo in contrapposizione con i problemi delle persone di estrazione sociale piú bassa; tre racconti che aspirerebbero ad essere interpretati come una parabola disincantata del quotidiano vivere ma che in realtá, per eccessiva particolaritá non fanno altro che narrare tre singole vicende slegate in cui manca qualunque forma di stiracchiato collegamento, se non quello etereo e impalpabile della sopracitata comunione d'intenti, percipita sempre e comunque però tramite sforzo deduttivo da parte del lettore.
Se la prima delle tre storie infatti é divertente quanto la sarcastica cattiveria con cui é scritta, e la seconda regge ancora, per quanto incominci già a perdere un po' il passo raccontando di un episodio cosí volutamente qualunque da riuscire banale nel significato piú profondo del termine, la terza, invece d'essere il trait d'union delle altre due, il punto dove le domande poste in principio trovano finalmente una degna risposta alla luce di quanto accade all' disadattato e autoemarginato protagonista, e così anche alla luce dei reali problemi del mondo, cosí vividi e stridenti al cospetto delle illazioni paranoiche di un ricco pensionato e di un'impiegatuccia da poco, invece di raggiungere questo climax nelle sofferenze psicofisiche dell'uomo su cui Moody punta il riflettore, tossicodipendente per necessitá lavorative, drogato imposto da una societá che non guarda in faccia nessuno, invece di essere tutto questo, è un' oscura vicenda persa nei fumi farmacologici dell'allucinazione, ambientata in una societá futuristica impossibile, che fa sì il verso ai mondi di Philip K. Dick senza tuttavia neppure accostarsi alla prodigiosa fantasia del genio incompreso della fantascienza.
Il terzo racconto sarebbe dovuto essere esaustivo, concludente, stridente ma a suo modo riassuntivo degli altri due, é invece una storia crepuscolarmente orwelliana, narrata tuttavia senza la classe del grande autore, ma piuttosto come filtrata della sua allegorica e sanguigna brutalitá da quella sorta di lente d'ingrandimento, tipica dei pynchoniani (vedasi per esempio D.F. Wallace) che con il suo eccessivo potere di risluzione mette in risalto ogni singolo particolare ma fa perdere di significato al quadro d'insieme. Ma se Pynchon e in parte anche Wallace riescono a riscattarsi con uno stile sempre un po' piú in lá della sadica ironia e sempre un po' piú in qua dello sfacciato sarcasmo, Moody con questa breve opera si mantiene sempre distaccato, quasi come se, osservatore esterno facente parte di quel mondo elitario che egli stesso denuncia, non gli importasse granché della sorte dei suoi stessi protagonisti, ma al contrario sorridesse sprezzante dall' alto della sua privilegiata intellettualitá. Dunque il riscatto stilistico con lui non si concretizza e la triplice narrazione mantiene il ritmo di una promessa sistematicamente rinnovata di pagina in pagina ma alla fine non mantenuta.
In coclusione tre vite é un opera che accarezza temi importanti ma non li prende mai di petto, é uno scritto che avrebbe la potenzialitá di essere un buon romanzo ma manca di sostanza e spregiudicatezza, é un esercizio di stile fine a se stesso talvolta anche riuscito ma in gran parte del tutto mancato, é un libretto che, anche se per alcuni apetti risulta apprezzabile, certamente non merita di sprecarci su molte altre parole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa
Paranoia
Tre donne
I tre sconosciuti e altri racconti