Una vita da libraio Una vita da libraio

Una vita da libraio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Un paesino di provincia sulla costa scozzese e una deliziosa libreria dell'usato. Centomila volumi spalmati su oltre un chilometro e mezzo di scaffali, in un susseguirsi di stanze e stanze zeppe di erudizione, sogni e avventure. Un paradiso per gli amanti dei libri? Be', più o meno… Dal cliente che entra per complimentarsi dell'esposizione in vetrina, senza accorgersi che le pentole servono a raccogliere la perdita d'acqua dal tetto, alla vecchietta che chiama periodicamente chiedendo i titoli più assurdi, alle mille, tenere vicende di quanti decidono di disfarsi dei libri di una vita. The Book Shop, la libreria che Shaun Bythell contro ogni buonsenso ha deciso di prendere in gestione, è diventata un crocevia di storie e il cuore di Wigtown, villaggio scozzese di poche anime. Con puntuta ironia, Shaun racconta i battibecchi quotidiani con la sua unica impiegata perennemente in tuta da sci, e le battaglie, tutte perse, contro Amazon. La sua è l'esistenza dolce e amara di un libraio che non intende mollare. Con l'anticipo dell'edizione italiana, Shaun sta finalmente ricostruendo il tetto della sua libreria.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una vita da libraio 2018-09-04 16:27:32 FrancoAntonio
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    04 Settembre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Scusate, ma qui, al Book Shop, vendete libri?”

Shaun Bythell è il proprietario della più grande libreria di libri usati scozzese. Essa ha sede nel paesino di Wigtown, conosciuto come la “città scozzese dei libri” per le tantissime librerie ivi presenti e per il “Book festival” che si tiene annualmente. Nel febbraio 2014 Shaun decise di tenere un diario per annotarvi tutti i fatti salienti che avvenivano nel suo negozio. Ne è nata così una curiosa galleria di personaggi e di circostanze che si susseguono in una serie, talvolta assai divertente, di scenette e confronti tra il titolare, spesso immusonito e scontroso, e gli improbabili clienti che si aggirano tra le stanze tappezzate di scaffali carichi di volumi polverosi.
In Italia le librerie sono in lenta diminuzione. Le librerie di usato, poi, sono quasi in via d’estinzione. Nella mia città penso che si possano contare facilmente sulle dita di una mano (di un fresatore poco esperto, però…). Ciò è un vero peccato, poiché sono mondi magici in cui ci si può perdere tra una rarissima prima edizione di un romanzo ottocentesco, vecchi sussidiari scolastici e quella serie di racconti d’avventura che non siamo mai riusciti a completare quando venivano pubblicati mensilmente dall'editore. Il mio autore preferito, Sir Terry Pratchett, nei suoi esilaranti romanzi fantasy ha giocato a lungo sull'idea che le grandi collezioni di libri - soprattutto quelle di libri antichi e di seconda mano; quelle che si sviluppano entro stanzette anguste percorse da stretti corridoi gremiti da volumi e connesse solo da scalette nelle quali è quasi impossibile arrampicarsi - abbiano il potere di distorcere il tempo e lo spazio connettendo tra loro luoghi ed epoche impensabilmente lontani. Il Book Shop di Wigtown, con i suoi centomila volumi, è quanto di più somigliante, nel nostro universo reale, a questo mondo magico e arcano. Ma chi è costretto a barcamenarsi tra clienti con richieste assurde ed i noiosissimi problemi gestionali ed economici del negozio, la vede cinicamente in un modo assai diverso.
Shaun Bythell - uomo che ama i libri al momento di acquistarli o, se può, di leggerli, ma che li odia intimamente se si tratta di caricarne pesantissimi scatoloni sul furgone, di prezzarli, ordinarli e sistemarli alla bell’e meglio negli angusti spazi residui sugli scaffali, mentre lotta con gli ordini on-line di Amazon e AbeBooks e con la loro durissima concorrenza - ci fornisce la sua personale visione della gestione di una libreria, con tutti i fastidi e le complicazioni che essa comporta.
Com'è facile comprendere è impossibile ricercare una trama o pretendere un filo narrativo da un resoconto che è semplice cronaca di avvenimenti giornalieri tratti dalla vita reale. Esistono storie che si intessono con altre storie, ma sono tutte vicende che hanno quale palcoscenico esclusivo, o quasi, la libreria e, quindi, sono frammentarie e incomplete. Molte sono le comparse che recitano un’unica battuta, pochi i protagonisti che ottengono una maggiore descrizione e caratterizzazione.
Il libro, pur senza essere un capolavoro, è sicuramente piacevole come può essere piacevole osservare, dall'esterno, il teatro della vita, senza esserne coinvolti direttamente e, quindi, in modo completamente sereno e distaccato. Con questo spirito è piacevole assistere alle varie vicende che si susseguono (come in un reality show), immaginandoci comodamente seduti ai lati del caminetto nella sala di lettura a coccolare il gatto Capitain ed osservare i casuali frequentatori della Sala Scozzese spostare disordinatamente volumi su volumi di storia locale, mentre la “commessa” Nicky, rigidamente Testimone di Geova, colloca l’Evoluzione della specie di Darwin tra la narrativa fantastica. Entro questi limiti il volume è consigliabile e godibile. Però è doveroso avvertire che non ci si troverà mai emotivamente coinvolti nello snocciolarsi degli eventi e che la piacevolezza sarà sempre contenuta in questo impalpabile gusto di spiare dalla vetrina il meccanismo che muove questo particolarissimo esercizio commerciale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Una vita da libraio 2018-03-27 18:19:36 Valerio91
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    27 Marzo, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amazon è il diavolo

Devo essere sincero: questo è uno di quei casi in cui la copertina ha influito parecchio sulla mia scelta d'acquisto. Attirato dalla prima occhiata, mi sono detto che sarebbe stato interessante scoprire qualcosa della vita di un libraio. Shaun Bythell è il proprietario del Book Shop di Wigtown, in Scozia, e questo suo libro non è altro che un resoconto giornaliero (una specie di diario) sulle giornate passate nella sua libreria. Il suo è uno stile scorrevole, divertente, perfettamente adatto a quello che è il contenuto del libro. Ovviamente non ci si può aspettare nulla di troppo impegnativo o profondo: Bythell non fa altro che raccontarci quella che è la sua vita giorno dopo giorno; come porta avanti la sua libreria cercando di sopravvivere alla concorrenza spietata di quello spauracchio che è Amazon: una chimera che, nella mente dei piccoli commercianti, divorerà tutto quel che incontra nel suo cammino. Chissà se questa profezia si reputerà veritiera; sta di fatto che l'odio di Bythell per Amazon è già bello che formato, tanto da spingerlo a sparare a un Kindle e appenderlo a una parete a mo' di trofeo.

Da quel che intuirete, l'autore è un personaggio particolare, una persona schietta che non ha problemi a rispondere per le rime a chiunque, al costo di perdere qualche cliente. È interessante scoprire le diverse personalità che attraverseranno la soglia del suo negozio, sia che si tratti di clienti, collaboratori, scrittori e altre personalità attirate in città in gran numero durante il grande festival del Libro che ha luogo a Wigtown in settembre. È bello leggere i ritratti dei diversi tipi di clienti: quelli che entrano per scoprire il titolo di un libro e poi vanno a ordinarlo su Amazon; quelli che gridano il loro presunto amore per i libri e se ne andranno puntualmente a mani vuote; quelli che scrivono a matita il prezzo e tentano di fregarti; quelli che si indignano perché una prima edizione autografata non costa una sterlina e se ne vanno furibondi... e chi più ne ha, più ne metta.
Tuttavia, credo che alla lunga i racconti inizino a diventare un po' troppo ripetitivi e che quasi quattrocento pagine di resoconti giornalieri di un libraio inizino a stancare, considerando che spesso la routine è la stessa. Mi spiego meglio: c'è il Random Book Club, un circolo di iscritti al quale ogni mese Bythell spedisce un libro a caso, e ogni volta noi lo sapremo; periodicamente si fa vivo qualcuno che chiama il libraio per disfarsi della propria libreria o di quella di un parente deceduto, quindi Bythell si reca sul posto per capire se vale la pena acquistare i libri; periodicamente si fa vivo un cliente fisso che ordina un libro di cui ha letto la recensione su un giornale; periodicamente ci sono problemi col programma per la gestione degli ordini online... eccetera eccetera. Insomma, a un certo punto diventa tutto troppo ripetitivo e se non fosse per gli aneddoti spassosi che si alternano di tanto in tanto, con clienti a dir poco fuori di testa che Bythell affronta provando a non sbottare, questo diario sarebbe più noioso di quello di un prigioniero in cella d'isolamento.
Insomma, questo libro è consigliato soprattutto a chi ama molto i libri, che è interessato alle vicissitudini della vita di un venditore di libri usati. Ci sono diversi aneddoti divertenti che vi lasceranno spiazzati, perché alcuni clienti sono strani al punto da risultare inverosimili, ma chi ha lavorato a contatto con le persone (dunque non solo i librai) non faticherà a credere che siano veri.
Insomma, carino, ma con varie pagine in meno sarebbe stato più efficace.

"[...] un tempo ero diverso, e prima di comprare la libreria, ricordo di essere stato un tipo abbastanza disponibile e amichevole. Se oggi sono quel che sono, è colpa del quotidiano bombardamento di domande idiote, dell'incertezza finanziaria, delle eterne discussioni con il personale, dell'infinito, sfiancante mercanteggiare con i clienti. Eppure, se qualcuno mi chiedesse cosa vorrei cambiare, la risposta sarebbe: niente."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Isola di neve
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Una di luna
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
M. Il figlio del secolo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo giro della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La coda del diavolo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'idiota
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I colori dell'incendio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quinto comandamento
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza e la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri