Dettagli Recensione

 
La casa in collina
 
La casa in collina 2010-12-31 12:16:54 darkala92
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
darkala92 Opinione inserita da darkala92    31 Dicembre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La finta pace in collina..

"La guerra non doveva finire se non dopo aver distrutto ogni ricordo e ogni speranza."

Una frase che mi ha colpito molto. Una storia molto particolare, singolare, oserei dire.
L'interpretazione che do, dopo la lettura del libro, è che Cesare Pavese ha voluto mostrare, in una singola persona, due tipologie, due comportamenti nei confronti della guerra, come se ci fossero due Corrado (il protagonista).
Una tipologia era quella dell'uomo misantropo, che vuole allontanarsi dalla società e dal rumore della guerra, rifugiandosi in un luogo idilliaco, quale la collina, in cui poter osservare il mondo dall'esterno, la città che brucia e che urla poichè la guerra la sta massacrando.
L'altra figura è quella di un uomo che spera nella guerra, con un senso abbastanza cinico e freddo nei confronti di quello che sta accadendo.
Un uomo che sebbene cerchi di allontanarsi dalla battaglia, ne sente comunque l'eco, qualsiasi parte lui vada.

Un misantropo, che però, in solitudine, comincia a riflettere, a ricordare la sua giovinezza, a riassaporare gli errori e le giuste decisioni prese in un tempo ormai trascorso. Riaffiora alla sua mente la sua libertà, la sua famiglia, l'amore. Un amore, piuttosto sottovalutato, verso una donna, Cate, che ha lasciato in giovane età e l'ha ritrovata dopo anni: cambiata, maturata, madre.

Vengono mostrati i dolori di un uomo che si vede tagliato in due parti: da un lato l'uomo solitario, che ama passeggiare tra i boschi con il suo unico vero amico: il cane Belbo; mentre dall'altro lato abbiamo l'uomo che vuol godere della compagnia di un gruppo di persone che si ritrova quotidianamente all'osteria sulle colline, all'insegna di danze, canzonette e discorsi sulla guerra.

Un uomo che è costretto a rinchiudersi in un monastero poichè ricercato dai tedeschi, lo stesso uomo che abbandonerà Torino (Chiari) per ritornare nella sua vecchia casa, affrontando partigiani e difficoltà varie. Un viaggio da non sottovalutare poichè gli mostrerà i veri dolori e conseguenza della guerra.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
31
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Il male che gli uomini fanno
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La ballerina
Eleonora d'Arborea
Satiricon
L'illusione
L'uomo è forte
La bella di Cabras
Il marchese di Roccaverdina
Una giornata
Una vita
Suor Giovanna della Croce
Dopo il divorzio
Il podere
Con gli occhi chiusi
Geografia. L'Italia
Dei delitti e delle pene
Senso