Dettagli Recensione

 
La madre
 
La madre 2015-01-10 07:35:50 silvia71
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    10 Gennaio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La madre

Nulla eguaglia il rapporto viscerale che si instaura tra una madre e un figlio; su questo solido mattone Grazia Deledda costruisce una storia di lacrime, sofferenze e passioni.
Come di consueto è l'aspro territorio sardo ad accogliere tra i propri luoghi i protagonisti del racconto; anime sole, chi per un motivo chi per un altro, eppure cuori che ribollono di ardore passionale.
Una madre le cui mani sono consunte dalla fatica, poche gioie e tante rinunce, in nome di una piccola felicità fugace che le ha lasciato in grembo un figlio da crescere e da sfamare.
Un figlio amato nonostante le avversità di una vita grama, deciso a percorrere la strada della vocazione religiosa.
Quando tutto sembra scorrere per il verso giusto, l'autrice lacera la veste della normalità per dare voce agli istinti umani, giusti o ingiusti, naturali o torbidi.
La maestria dell'autrice confeziona un romanzo in cui l'evoluzione temporale degli eventi pian piano rallenta, avvolgendo i protagonisti in tinte cupe e notturne, in uno stato emotivo in cui la luce non filtra più; è il tempo dello struggimento, dilaniante e corrosivo, è il tempo delle riflessioni sulle conseguenze delle proprie scelte, è il tempo della chiusura dei conti che la vita impone inesorabile a ciascun individuo.

“La madre” è un romanzo piuttosto breve, possiede una trama succinta, ma l'intensità del contenuto è poderosa. Rispetto ad altri scritti l'elemento naturale del territorio sardo tanto caro all'autrice, è meno presente in nome di una maggiore evidenza degli stati emotivi, colti con struggimento e forza evocativa.
La Deledda sente la necessità di portare alla luce le forze embrionali più genuine e naturali dell'essere umano, siano esse generate dall'istinto siano esse forgiate dagli usi e dai costumi della terra che li ha generati.
Una lettura che costituisce un tassello importante sia per apprezzare gli scritti deleddiani sia per addentrarsi nel panorama letterario del secolo scorso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Bellissima analisi, Silvia.
Ottima l' 'operazione Deledda' , che ci ricorda l'esistenza di una grande scrittrice di casa nostra.
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
10 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Bellissima recensione che ho letto con attenzione.
Tema profondissimo, quello di una madre...
Felicità fugace...e in quanto tale...spesso se ne devono pagare i conti...aimè, prima o poi...
Grazie per la segnalazione Silvia.
Pia
Bruno Elpis
10 Gennaio, 2015
Ultimo aggiornamento:
10 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ma che bella, questa rassegna della Deledda che voi Silvie ci state offrendo! Brave, oltretutto a riempirci occhi e cuore di Sardegna! Ciao Silvia71, come è nato il tuo amore per questa autrice? :-)
Concordo con i precedenti commenti. Bellissimo questo studio che state portando avanti.
siti
10 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
"La Deledda sente la necessità di portare alla luce le forze embrionali più genuine e naturali dell'essere umano, siano esse generate dall'istinto siano esse forgiate dagli usi e dai costumi della terra che li ha generati"
Che bella considerazione: istinto, usi e costumi, territorio in fondo sono ciò che , universalmente, caratterizzano ognuno di noi. Bel commento e bel contributo, mi permetto di consigliarvi anche la Sardegna di Giuseppe Dessì con il bellissimo "Paese d'ombre".
Fino allo scorso anno non avevo ancora letto nulla della Deledda.
Dopo il primo incontro con la penna dell'autrice, decisi che avrei letto ancora altro.
Passeggiando poi in numerose librerie, come ho sottolineato nella pagina dell'introduzione, ho notato l'assenza di Grazia Deledda dagli scaffali, ad eccezione del pluri- conosciuto Canne al vento.
Poi in questo percorso con Silvia T. alla riscoperta dei classici della letteratura italiana, ho avuto modo di leggere altre opere ed apprezzare ancora di più il grande lascito letterario dell'autrice sarda!
In risposta ad un precedente commento
Rollo Tommasi
11 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
A questo punto chiederei alle Silvie - chi delle due se la sente, naturalmente - di addentrarsi in un paragone tra passato e futuro isolano, ovvero tra Grazia Deledda e Michela Murgia. Secondo me, fatte le dovute proporzioni, sarebbe interessante.
In risposta ad un precedente commento
silvia71
13 Gennaio, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Rollo,
un parallelo autori sardi ieri e oggi è un'operazione veramente interessante da condurre.
personalmente non conosco a fondo la Murgia, ho letto solo "Accabadora" e nonostante qualche critica che è stata mossa, io l'ho trovato un romanzo di buon livello per personalità di scrittura e contenuti.
In Accabadora traspare tanto dell'anima sarda di ieri che si riflette ancora sull'oggi.
Ho letto anche Marcello Fois, anche lui mosso da un forte desiderio di raccontare la propria terra.
E' percepibile in tutti gli autori sardi un richiamo intenso alle radici di una terra rude e un po' misteriosa, regolata da una sorta di "diritto proprio e connaturato".
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri