Dettagli Recensione

 
Piccolo mondo moderno
 
Piccolo mondo moderno 2015-06-03 21:16:11 silvia t
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
silvia t Opinione inserita da silvia t    03 Giugno, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piccolo mondo moderno

Piccolo Mondo moderno – Fogazzaro

Se il passato, quando ancora è presente appare così duro e difficile non si può non trovare una speranza nel futuro che apparirà allora così roseo e ricco di doni per i figli e solo quest'illusione potrà dare la forza di vivere e sopportare, ma forse è bene portarsela nella tomba quest'illusione.
Con questa sensazione ho chiuso il volume, naturale continuazione di “Piccolo mondo antico”, in cui è narrata la vita di Pietro Maironi, figlio di Franco e Luisa.
Il tratto autobiografico che Fogazzaro ha dato a tutta la vicenda non riesce a donare quella vivacità che invece risulta esserci nel precedente volume; i personaggi seppur numerosi e interessanti sono risultano incisivi e i protagonisti, Pietro e Jeanne appaiono superficiali, pur volendo interpretare sentimenti molto profondi.
Ciò che si va a rappresentare è un mondo moderno pieno di intrighi e meschinità, ma ricco e agiato che si pone in netta contrapposizione con un mondo antico in cui la povertà dilagava, ma la forza delle idee e dei valori vinceva su tutti, vera colonna vertebrale di una società che si stava formando.
Sono molti i livelli sul quale si svolge la narrazione, politico, sociale, personale, ma nessuno di questi appare ispirato, così come nessun tema risulta davvero importante, anzi sembra che tutto venga oscurato dalla crisi del protagonista che cerca in modo disperato la propria strada senza trovarla, combattendo con sentimenti contrastanti.
Le parti del racconto che sfiorano la poesia e che trasmettono emozioni sono quelle in cui si ritrovano le atmosfere di Oria, il piccolo cimitero con le lapidi, la corrispondenza tra Franco e Luisa, il resto appare freddo, lontano, inutile.
Analizzando più in profondità questa scelta stilistica, così lontana dal precedente non può non sorgere il dubbio che l'autore abbia voluto sottolineare il degrado a cui il mondo tende, allo stillicidio di valori che non potrà essere fermato se non con la fede.
Molte volte durante la lettura si scorge la volontà di analizzare gli animi dei personaggi, ma è chiaro che qualcosa non funziona, non riescono a far breccia nell'immaginario; tutto il mondo politico, per esempio, appare soltanto meschino, triste e ancora una volta inutile.
Non si può non consigliarne la lettura perché in ogni caso, emozioni a parte racconta uno spaccato della nostra storia ed è anche attraverso di esso che si può forse imparare a comprendere un po' meglio il nostro presente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Di questo passo, dove andremo a finire? Ma di passo in passo, è dalla notte dei tempi che ogni generazione scuote la testa, brontolando a proposito della perdita dei valori nei tempi nuovi che avanzano. Alcune letture possono essere un rimedio omeopatico alla naturale inclinazione dell'uomo a rimpiangere un' ipotetica (e immaginaria?) età dell'oro...
In risposta ad un precedente commento
silvia t
04 Giugno, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
E' proprio quello che ho pensato mentre lo leggevo e sono contenta di essere riuscita a trasmetterlo!
Mentre lo leggevo mi chiedevo proprio come fosse possibile, eppure era così, il figlio Pietro idealizza la vita dei genitori, il loro rapporto e il loro piccolo mondo, che era ( a noi lettori appare chiaro avendo letto i due volumi nello stesso tempo) tutt'altro che ideale!
Ciao, Silvia. Un altro bellissimo e interessante commento.
Non ho letto questo libro, che risulta non molto riuscito dal punto di vista letterario. L'interesse pare puntato su altri aspetti. Se consideriamo che è stato pubblicato nel 1901, quindi prima dell'Età Giolittiana, a ridosso quindi della 'crisi di fine Ottocento' , non è difficile immaginare lo scoramento dell'autore stesso.
In risposta ad un precedente commento
silvia t
04 Giugno, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
È molto concentrato sul protagonista e sulla sua crisi.
Mi sa che dovrò leggere anche "il santo" e "leila" per rispetto all'autore, è giusto avere un quadro completo, a differenza del precedente credo che questo volume non abbia molto sendo letto da solo.
Bellissima recensione Silvia; come ho già scritto in precedenza, di Fogazzaro ho letto solo "Piccolo mondo antico" integrato dalla visione televisiva dello stesso con attori di spessore a quei tempi (Alida Valli, Massimo Serato). Devo ammettere che non ho, finora, dato la giusta valutazione al Nostro in quanto la mia attenzione per la letteratura italiana dell'ottocento e di inizio novecento è stata "fagocitata" da tanti altri autori. Le tue recensioni sono, quindi, di valido aiuto al sottoscritto per leggere altre opere di Fogazzaro a cominciare dal presente. Grazie. Ciao.
Ferruccio
In risposta ad un precedente commento
silvia t
04 Giugno, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Per riallacciarmi alla discussione, molto interessante su letteratura e scuola, credo che Fogazzaro sia davvero difficile da digerire a diciassette anni!

Lo stile così verboso non aiuta e le tematiche sembrano raccontate più che trasmesse, non so se riesco a spiegarmi, se in Piccolo mondo antico si percepisce che l'età di cui si racconta è lontana nel tempo e quindi avvolta da un manto di mistero, qui tutto si perde e la meschinità è palese, ma non ha un impatto sul lettore, proprio per il motivo che diceva Pierpaolo, sembra che ogni epoca urli a gran voce "si stava meglio quando si stava peggio"
a conclusione di questa rivisitazione di Fogazzaro, dico che la lettura delle sue opere non è semplice, non è lo svago di una serata, tuttavia nella loro ruvidezza e complessità vuoi stilistica vuoi contenutistica, sono letture che hanno lasciato un segno nel nostro passato letterario e che lette oggi trasmettono ancora tanto, sono una finestra su cui affacciarsi.
Sull'utilità formativa di un autore come questo, sicuramente vi è, ma è un dato oggettivo che la percezione di taluni autori che abbiamo letto in età adolescenziale è nettamente diversa alla percezione che ne avremo dopo 20 anni. E' un processo normale.
personalmente ho iniziato ad appassionarmi alla lettura proprio scegliendo tra i grandi classici, talora frastornata dalla pesantezza che percepivo. Dopo 20/25 anni ho scelto di farne una rilettura ed è scontato dire con più consapevolezza ed esperienza alle spalle.
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri