Dettagli Recensione

 
Uno, nessuno e centomila
 
Uno, nessuno e centomila 2020-12-01 12:58:14 Valerio91
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    01 Dicembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo di deformazione

Uno dei più amati autori italiani, Pirandello è stato certamente uno dei più innovativi, sotto diversi punti di vista: sia per quanto riguarda i temi sia per il modo in cui li ha trattati.
"Uno, nessuno e centomila" focalizza la sua attenzione su uno degli argomenti a lui più cari: quello delle maschere sociali e dell'impossibilità per l’individuo di avere un'identità univoca, che possa essere per tutti valida. L'umorismo tipico dell’autore è perfetto per affrontare efficacemente un discorso che di divertente non ha nulla, riuscendo a carpire l'attenzione del lettore e a colpirlo con maggiore efficacia, sebbene gli stessi concetti siano ribaditi un po’ troppo spesso e a volte in modi troppo arzigogolati.
La vicenda di Vitangelo Moscarda e le sue riflessioni sono interessanti e universali, applicabili a ogni essere umano, che tuttavia può a sua discrezione preoccuparsene o meno. A partire da uno sciocco particolare portato alla sua attenzione dalla moglie Dida (il naso che gli pende verso destra) e che lui non aveva mai notato, Vitangelo inizia a mettere in discussione tutto il suo essere, blandamente in principio, fino a sfociare nella paranoia più totale, nell’ossessione, infine nella follia. Vitangelo scopre che ciò che l’uomo crede di essere per sé stesso e agli occhi degli altri è una proiezione soltanto sua, che magari poco o nulla ha a che vedere con quelle che ognuno attacca a quel "nessuno" che è il suo corpo: un involucro che gli altri riempiono in base alla propria visione. Vitangelo è, dunque, allo stesso tempo lo sciocco Gengé di sua moglie Dida, il "caro Vitangelo” dei suoi soci alla banca e il crudele usuraio della buona parte della gente del paese. L’incapacità del protagonista di accettare alcune di quelle personalità - affibbiategli per la maggior parte per il suo aspetto fisico, per la fama del suo nome e per la professione che oltretutto non esercita - lo portano a considerare e scomporre tutta la sua vita in base a quei nuovi pensieri, frammentando sé stesso poco a poco, in una sorta di romanzo di formazione al contrario. Vitangelo è un uomo schiacciato da una verità che gli altri inconsciamente o volontariamente ignorano: una verità scomoda, complessa, che se analizzata a fondo non può che portare alla conclusione a cui giunge Moscarda: un completo svuotamento di sé; un allontanamento dalla società e dalle sue convenzioni per mezzo d'un percorso che lui trova nella follia.
Pirandello esamina il tema in tutte le sue sfumature, non si lascia sfuggire niente, e genera nel lettore una forte d'empatia nei confronti del protagonista, una profonda comprensione che tuttavia, come in molti casi nella letteratura introspettiva, non sfocia in condivisione assoluta per il nostro istinto di sopravvivenza, che spesso ci porta anche a voler ignorare verità che ci impedirebbero di vivere quietamente.

“Io non posso più vedermi guardato. Neanche da te. Ho paura anche di come ora mi guardi tu. Nessuno dubita di quel che vede, e va ciascuno tra le cose, sicuro ch’esse appaiano agli altri quali sono per lui; figuriamoci poi se c’è chi pensa che ci siete anche voi bestie che guardate uomini e cose con codesti occhi silenziosi, e chi sa come li vedete, e che ve ne pare. Io ho perduto, perduto per sempre la realtà mia e quella di tutte le cose negli occhi degli altri.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Che ricordi mi fai rivivere Valerio, sembra passato un secolo da quando ho letto per la prima volta questo romanzo. Bravissimo come sempre nella tua analisi. :-)
In risposta ad un precedente commento
Valerio91
01 Dicembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille Maria, come sempre :D
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri