Dettagli Recensione

 
Shadowhunters. Città di cenere
 
Shadowhunters. Città di cenere 2013-09-29 21:02:36 Vivix
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vivix Opinione inserita da Vivix    29 Settembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Speravo meglio

Ho letto questo libro perché, nonostante il primo presentasse una serie quasi infinita di difetti, mi era piaciuto molto. Anche il secondo volume della saga inizialmente mi ha rapito, ma poi si è perso per strada. Innanzitutto, ho riscontrato gli stessi errori di punteggiatura, le stesse ripetizioni e gli “sbalzi” nelle azioni dei personaggi. Addirittura un paio di volte il nome del protagonista maschile si è trasformato in Jack o Luke, che è un personaggio completamente diverso. Di nuovo, ho avuto l’impressione che la Clare avesse tratto scene da altri libri. Ad esempio quella del bacio tra Clary e Simon interrotto dalla chiamata di Jace, o, peggio ancora, il personaggio dell’Inquisitrice che mi ha ricordato in modo assurdo la Umbridge di Harry Potter. Per quanto riguarda la storia in sé, ha smesso di entusiasmarmi più o meno da quando il migliore amico della protagonista è stato trasformato in vampiro. Un aspetto che avevo apprezzato di questa saga era il fatto che non si soffermava su nessuna creatura soprannaturale in particolare e invece… ecco che tornano i vampiri…che barba!In più, la trasformazione di Simon è assolutamente grottesca e stereotipata. La storia d’amore tra Clary e Jace mi è piaciuta abbastanza -anche se non mi va tanto giù che questi loro sentimenti irrefrenabili siano nati in un paio di settimane appena- ma alla fine mi ha deluso parecchio. La Clare è ricorsa al solito cliché: uno è pronto a dichiararsi mentre l’altro fa un passo indietro. Rispetto al volume precedente, la storia è narrata da vari personaggi (e questo non aiuta di certo a decifrare meglio la prosa dell’autrice)e troviamo anche una new entry. Nulla da ridire su Maia come personaggio, tuttavia, a meno che nel prossimo libro la Clare non voglia approfondire la sua figura, trovo che raccontare tutta la sua vita e assumere il suo punto di vista di tanto in tanto, servano solo ad allungare il brodo. In più, come fa Maia ad innamorarsi di Simon se scambiano appena un paio di battute??Ancora una volta ho trovato difficile mettermi nei panni dei personaggi a causa della ridotta introspezione psicologica. Esattamente come nel precedente capitolo, il punto di maggiore forza è costituito dai dialoghi divertenti dei personaggi ma, a differenza di “Città di Ossa”, qui i colpi di scena non mi hanno entusiasmato gran ché, così come tutto il resto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Shadowhunters - Città di Ossa
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Cathy
30 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao! Gran bella recensione, sono d'accordo più o meno su tutto. Concordo sul fatto che uno dei problemi principali di questa saga è la scarsa introspezione psicologica. Molto spesso mi capita di leggere che un personaggio fa una cosa o dice una certa cosa e ho seri problemi a capire il perchè, cosa intenda, cosa gli passi per la testa in quel momento. Talvolta si arriva alla contraddizione più esplicita. Ad esempio, quando Clary, Jace e gli altri tornano dalla corte Seelie all'Istituto, Clary e Jace litigano a proposito dei loro sentimenti e lei dice che ama lui come dovrebbe amare Simon e ama Simon come dovrebbe amare lui, il che vuol dire che per lei Simon è come un fratello. Poco dopo, però, mentre lei stringe Simon che si sta trasformando, grida "Ti amo!". Insomma, lo ama oppure no? Non si capisce.
E anche tutta la storia con Simon, che esplode nel giro di un giorno, mi sembra una cosa messa lì solo per separare ulteriormente Clary e Jace e fare pensare che il loro amore sia sempre più impossibile. Un giorno si mettono insieme e il giorno dopo sono già in procinto di fare sesso. Anche qui non avrebbe guastato indagare un pochino i sentimenti dei personaggi.
I dialoghi spesso sono carini e divertenti, però a volte c'è una tendenza ad esagerare con le battute, che vengono tirate fuori anche nei momenti più drammatici. Sembra spesso che i personaggi siano consapevoli di vivere una finzione e ci scherzino su con disinvoltura perchè non temono davvero di finire uccisi da un demone. Questo non accresce certo il realismo dei libri.
In risposta ad un precedente commento
Vivix
20 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Assolutamente d'accordo. Volevo inserire nella recensione anche l'ultimo aspetto che hai evidenziato, ma poi mi è passato di mente. A me in quei momenti sembrava più un cartone animato giapponese che un libro!
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri