Dettagli Recensione

 
Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza
 
Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza 2013-11-22 09:47:29 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    22 Novembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lumache dalla memoria corta

Credo che presto nelle enciclopedie accanto ai mitici Fedro ed Esopo , di questo passo, fra i maestri favolisti , si può dire così?,verrà citato anche il cileno Luis Sepùlveda. Con "Storia di una lumaca..." sono ormai tanti i personaggi a quattro zampe e non che popolano la sua produzione letteraria.
Ci ha conquistati, tanti anni orsono, con la famosa gabbianella,poi gatti, cani e sorci non sono mai mancati fino ad ora che ha deciso di sorprenderci raccontandoci della Lentezza,della Memoria e dell'Identità da conquistare con l'aiuto di un animaletto,piccolo piccolo, innocuo e indifeso: la lumaca.
Dunque, c'era una volta sotto un grosso calicanto un gruppo di lumache,queste Arionidi : piccole, grandi, giovani o vecchie vivevano mangiando le foglioline del dente di leone che sotto il fusto della pianta cresceva rigoglioso ed erano felici, se si può dir felice chi mangia, beve e dorme e ignora beato tutto il resto perchè dalla sua esistenza ha eliminato nomi e domande. Una lumaca è una lumaca, striscia e mangia, non ha bisogno neanche di un nome proprio, a che gli serve? E pensare che Etienne Pascal (padre del filosofo) ne ha fatto una curva algebrica, e che dire di quelle che a miliardi di miliardi affollano i nostri computer,chioccioline petulanti!, per non parlare delle escargot. Ma no, le lumache di Sepùlveda si fanno i fatti propri, il mondo comincia e finisce sotto un calicanto, fino a quando una di loro, la più giovane di tutte,comincia a chiedere e a chiedersi perchè è così lenta? I cavalli corrono, gli uccelli volano, perchè loro devono strisciare? Ma soprattutto perchè nessuna di loro ha un nome? Signora lumaca, signor lumacone, lumaca uno,due,tre...ma perchè le lumache non hanno nomi propri? Stretta la foglia,larga la via , vi ho detto la mia correte in libreria a leggere la sua, quella di Sepùlveda.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
SARY
22 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bravo Luigi, bel commento!
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
22 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
:-)
In risposta ad un precedente commento
Pia Sgarbossa
22 Novembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono incuriosita...chissà quali le risposte della lumaca...le avrà trovate?
Ciao Luigi !!!
Pia

21 Aprile, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
A me non piace, tipico libro che parla dei topici attuali allo paulo cohelo, facili da leggere al quale piacerebbe essere qualcosa in più però non ci riesce. Come la società attuale, per quello avrà venduto tanti libri.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri