Dettagli Recensione

 
The Giver. Il Donatore
 
The Giver. Il Donatore 2014-09-19 12:54:39 Nadiezda
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    19 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Grazie per la tua infanzia

Talvolta ci capita di chiederci come sarebbe vivere in una società dove tutto è perfetto.
Sarebbe bello vivere in un luogo dove il dolore e la sofferenza non esistono, ma ci piacerebbe vivere senza tutte le altre emozioni quali: la gioia e l’amore?
Ci piacerebbe vivere tarpando le ali della libertà?
Questo libro ci mette di fronte alla storia di Jonas, il quale vive nel prototipo di società perfetta. Non si sa bene dove e quando, ma tutto è diverso da quello che viviamo noi ai giorni nostri.
Non esistono famiglie, ma unità familiari.
Non bisogna cercarsi un lavoro, ma viene direttamente assegnato alla cerimonia dei Dodici, momento in cui tutti i bambini passano all’età adulta e gli anni non vengono più contati.
Non esistono sprechi di cibo perché questo viene direttamente mandato in ogni unità familiare in base alle necessità. Gli eventuali resti non rimangono alle “famiglie”, ma vengono messi fuori dalla porta di ogni unità familiare alla fine di ogni pasto.
Inizialmente questo modo di vivere può risultare molto più semplice, ma poi riflettendoci su, a chi piacerebbe essere osservati ventiquattro ore su ventiquattro come nel Grande Fratello?
Chi vorrebbe vivere senza emozioni, magari quelle negative, ma quelle positive come l’Amore o il calore di un abbraccio, siamo sicuri che non ci mancherebbero?

Si tratta di un romanzo distopico molto breve, ma che fa riflettere.
Il finale non finale oltretutto è spiazzante perché ci porta a pensare “cosa faremmo noi in questa situazione?”.
Sicuramente non è un libro da sottovalutare, è quasi impensabile una società simile.
Di sicuro l’autore ha avuto una buona intuizione ad ideare questo grande libro che in poche ore ho terminato.
Ero rapita dalle parole, volevo saperne sempre di più su questa società che tutto sembra tranne che umana.
Nel frattempo ho visto anche la trasposizione cinematografica ed anche se molte cose on combaciano per niente con quello che c’è scritto nel romanzo devo dire che mi è piaciuto molto.
Il regista sicuramente non ha avuto un facile lavoro da svolgere perché la storia è molto particolare.

Che altro aggiungere?

Vi consiglio vivamente di leggere questa piccola grande storia e successivamente se ne avrete voglia recatevi anche al cinema, non sarà tempo perso.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Mian88
19 Settembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella recensione Nadia; chiara ed esaustiva. Ha perfettamente reso l'idea del romanzo senza minimizzarlo o perderlo nella miriade di altre opere distopiche che si sono susseguite negli anni. A mio avviso è un'opera che ha influenzato queste ultime uscite e che a sua volta è stato influenzato dalle precedenti. Comunque un bel libro!
In risposta ad un precedente commento
Nadiezda
19 Settembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mian sempre gentilissima!
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri