Dettagli Recensione

 
Il messaggero
 
Il messaggero 2014-11-16 19:09:21 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    16 Novembre, 2014
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il guaritore.

La sua voce sta diventando sempre più roca così come i suoi lineamenti stanno iniziando ad assumere i caratteri tipici dell'uomo adulto, questi sono i pensieri di Matty il discolo ragazzotto che avevamo conosciuto ed amato nel secondo romanzo della quadrilogia del donatore di Lois Lowry. Le vicende narrate sono ambientate a ben 8 anni di distanza dagli avvenimenti che avevano visto protagonista Jonas in The giver e a 6 da quelli che avevano permesso alla giovane Kira di prendere in mano le redini della sua vita una volta acquisita la consapevolezza del suo ruolo nella comunità.
La vita di Matty è nettamente cambiata, non solo non vive più con una madre che non desiderandolo è preda della violenta e dell'insensibilità per i bisogni di una piccola peste come lui per risiedere invece col Veggente, un uomo che seppur privo di vista è ricco di saggezza e provvisto degli occhi dell'anima, ma ha anche imparato a leggere e scrivere, conosce l'educazione ed il rispetto per gli altri, è altruista e sempre disposto ad aiutare chi lo circonda. Non stupisce dunque che tra i tanti proprio lui abbia quel dono, quello della guarigione.
Ma quella che sino ad allora era stata una vita calma e pacifica nel villaggio, saggiamente guidato dal capo che altri non è che il Jonas che avevamo conosciuto nel primo capitolo dell'opera, sta cambiando in modo sempre più evidente e lacerante. L'egoismo ha preso campo nel cuore degli abitanti di quella comunità nata e basatasi sull'amore per il prossimo e l'accoglienza del bisognoso; gli uomini sono animati dall'odio, dalla paura del diverso, dalla minaccia ipotetica ed infondata che lo “straniero” costituisce per le loro vite (dallo sfruttamento di risorse a loro fondamentali e che avrebbero dovuto custodire con maggiore diligenza, alla perdita di tempo arrecata dalle cure e dagli insegnamenti minimi che i residenti dovevano loro trasmettere dopo lunghi e devastanti viaggi di fame e atrocità e dopo l'aver abbandonato le loro terre d'origine governate da gerarchie e dispotismi incontrollati).
Paure, inganni, segreti, lotte di potere e falsità animano il cuore di queste persone, è come se avessero dato via la parte migliore di loro per dar adito agli aspetti più meschini e infidi del loro essere. Perché soggetti che fino a poco fa apprezzavano ed accoglievano a cuore aperto ogni individuo in difficoltà ora si chiudono senza remore davanti a chi, come loro anni addietro, ha bisogno di un luogo dove ricominciare a vivere? Tutto ruota intorno al mercato del baratto emblema e palcoscenico delle futilità a cui l'animo umano è solito cedere. Qualsiasi cosa può e viene ad essere barattata, anche a livello astratto, e le conseguenze che ne derivano sono inarrestabili visto e considerato che una volta posto in essere l'atto di scambio non è possibile recedere.
Vi è poi la natura che se da un lato è forte ed incontrollata capace di bloccare al passaggio all'essere umano e porre fine alla sua vita con il semplice movimento di un ramo dall'altro è debole ed impotente particolare che ci viene insegnato da una piccola rana e dal suo echeggiante cra cra. Ed infine la riunione: Kira e Jonas che dopo essersi sentiti si vedono dal vivo, il padre che aspetta trepidante la figlia perduta e poi ritrovata, il sacrificio dell'anima pura per riportare la pace e l'amore nei cuori avidi avvelenati.
Anche in questo romanzo la Lowry tocca le corde del lettore con cruda delicatezza, le parole scorrono rapide e cullano lo spirito, nella sua linearità e semplicità la prosa lascia il segno e conquista chi si dedica all'opera. Un libro che si fa divorare in meno di una giornata ma che merita di essere letto, forse il più bello dei quattro o se non altro uno dei più significativi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a tutti. L'opera è scritta con grande maestria ed è capace di rapire tanto gli adulti quanto i ragazzi. Consiglio la lettura anche dei precedenti volumi (che non devono necessariamente essere letti nell'ordine di uscita) prevalentemente per l'attualità dei temi trattati.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri