Dettagli Recensione

 
Mi chiamo Chuck
 
Mi chiamo Chuck 2014-12-24 13:00:02 JoeGreen
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
JoeGreen Opinione inserita da JoeGreen    24 Dicembre, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La storia di un ragazzo compulsivo

Mi chiamo Chuck è un libro divertente, scorrevole, pragmatico ed esaustivo. E' la storia di un ragazzo che, effettuando varie ricerche su Wikipedia, scopre di essere affetto dal disturbo ossessivo-compulsivo. Dalla consapevolezza del problema si passa ai tentativi per risolverlo che coroneranno una gioventù forse troppo tardiva, un'identità precoce.

Lo stile di scrittura è alquanto semplice, coronato da un lessico prevalentemente giovanile, qui vi è riposta la bravura narrativa di Karo che, nonostante non sia nel fiore dell'età, riesce ad immedesimarsi nel personaggio regalandoci un ottimo libro, senza troppe pretese.

Il contenuto l'ho trovato abbastanza blando, la storia è semplice: Chuck apparentemente sembrerebbe un diciassettenne qualunque, se non fosse che segue una serie di rituali che hanno parvenze totalmente compulsive (controllare le piastre dei fornelli, chiudere l'armadietto quattordici volte, contare le - a detta sua - pippe ecc.).
Il suo nome è Chuck Taylor e, come si potrebbe esattamente supporre, è un fan accanito delle converse. Ma per lui le converse hanno una valenza diversa dal "normale", le scarpe rappresentano il suo stato d'animo, ed ogni giorno seleziona un colore differente, nel disperato tentativo di fuggire, in una ricerca contro se stesso, il tanto agognato nero, il colore neutro, il colore dei colori.
Intraprenderà un programma psichiatrico con la Dottoressa S., che farà da tappeto ad un'esistenza fuori dal normale ma che forse di tanto inusuale non ha nulla.
Il nostro Chuck dovrà fronteggiare l'amore per Amy, ragazza nuova a scuola, e questa sarà per lui una grande sfida.

Dunque come si può denotare la storia è abbastanza ovvia, una storia tipica americana, questa non è assolutamente una critica per Karo, anzi, riesce ad integrare un tema così complesso e così temuto in una vita comune, una vita qualunque.

Un libro che si legge tutto d'un fiato, un libro che non arricchisce, ma che rapisce; le pagine si sfogliano velocemente ed ogni pagina restituisce il piacere, coronato dallo sfogliarne un'altra.
La piacevolezza è dunque indubbia, un libro da leggere per sperimentare un piacevole momento di pausa, un libro edulcorato.

"Mi chiamo Chuck, ho diciassette anni e, stando a Wikipedia, soffro di un disturbo ossessivo-compulsivo."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Complimenti Giuseppe : non ho letto il libro, ma ho la sensazione di un commento, il tuo, onesto e molto equilibrato, di cui possa fidarmi.
In risposta ad un precedente commento
JoeGreen
25 Dicembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ti ringrazio di tutto cuore Emilio. Indubbiamente un libro da leggere per rilassarsi.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Fiocco di neve
Chaos. La guerra
Chaos. Il nemico
I tre gatti
La montagna di libri più alta del mondo
Neverworld
Cenerentola libera tutti
Blackbird. I colori del cielo
La notte dei desideri
Thornhill
L'Ickabog
Corri ragazzo, corri
John della notte
Il cane che aveva perso il suo padrone
Ogni prima volta
Lucas. Una storia di amore e odio