Dettagli Recensione

 
Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza
 
Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza 2016-02-14 15:19:43 evakant
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
evakant Opinione inserita da evakant    14 Febbraio, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA LUMACA RIBELLE

Sepulveda è uno scrittore per tutte le età, benché i suoi lavori siano sostanzialmente delle favole, leggibili in poche ore, brevi e dal linguaggio semplice e diretto, un bambino può trovare la storia di animali parlanti e buoni sentimenti, un adulto un messaggio “sottinteso” più profondo, che va a scavare più giù della semplice storia.

Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza è proprio questo.

Una giovane lumaca vive con le altre compagne più o meno giovani all'ombra del calicanto, mangia le le tenere foglie del prato, lenta e serena. Ma come tutti i giovani questa lumaca, che non ha un nome, perché tutte si chiamano lumaca, ha tante domande che i vecchi non riescono a soddisfare.
Perché non ha un nome? Il mondo fuori come è?

E un giorno parte all'avventura, da sola, verso il mondo sconosciuto.
E avrà dei compagni di viaggio: dal gufo alla tartaruga, quella che finalmente le darà un nome: Ribelle.
Ma il mondo sta cambiando, la minaccia del nastro di asfalto caldo e puzzolente si sa avvicinando e sta minacciando la sua vecchia casa.
Ribelle decide di tornare ad avvertire la sua vecchia famiglia...ma è lenta...lenta...farà in tempo ad arrivare? Sul suo cammino avvertirà gli altri animali, grati per poter scappare in fretta, e infine arriverà alla sua vecchia casa, ma come tutti i giovani ribelli troverà tanta indifferenza, persino scherno da parte dei vecchi e dei saggi che “sanno”.
Qualcuna partirà con lei, qualcuna no, verso questo viaggio della speranza,verso questa piccola odissea, questo piccolo esodo, in una corsa contro il tempo (strana una corsa contro il tempo per una lumaca!!) per trovare una nuova casa prima dell'inverno.
E per scoprire che forse, la “terra promessa”, se la sono portate dietro per tutto questo tempo senza saperlo!

Un racconto semplice, persino banale, ma dentro al quale si possono trovare tanti temi più o meno attuali: l'ecologia, il conflitto generazionale, la ribellione, la speranza, il viaggio, tante cose in poche pagine. Che non sono un capolavoro ma che lasciano qualcosa di dolce nel cuore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri