Dettagli Recensione

 
La musica provata
 
La musica provata 2014-10-09 04:26:02 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    09 Ottobre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per me: Elton John, D.Bowie, A.Winehouse e Chopin

La musica è spesso sottofondo che scandisce i nostri momenti, talvolta diventa evocativa di ricordi, talaltra assume il ruolo di motivo conduttore di epoche e situazioni.
Ed è proprio una bella riflessione sulla musica quella di Erri De Luca ne “La musica provata”, che scaturisce da un’occasione ben precisa: “Stefano Di Battista, sassofonista giramondo, mi ha chiesto… una scrittura da mettere in musica”.

Da questo impulso prende il via un excursus lirico, improntato all’autobiografismo, che attraversa le origini (“Ho avuto un’infanzia involontariamente musicale. Napoli suonava su strumenti a corda e risuonava cupa, effetto di grotte e cavità del sottosuolo scavato, crivellato”), le inflessioni latine (“Luna rossa cantata da Caetano Veloso”), i ritmi caldi (“il calypso di Harry Belafonte… Ero nell’età di transito dai calzoni corti a quelli lunghi”), i decenni della protesta (“Intorno suonavano gli anni sessanta e i ragazzi si avvitavano su se stessi ballando il twist dei Beatles. Con Dylano non si ballava, si stava in mezzo alla strada”), per approdare a esperienze africane (in Tanzania “Esistono manifestazioni di fede che costringono la divinità a esserci”), a tappe di guerra (“Belgrado… sentivo battere la più potente grancassa della mia vita”) e a pensieri originali sui cori dei disperati (“Mediterraneo… il ventre liquido tra Asia, Africa e Europa”) e sui canti di lavoro (“Non era allegria. Era lo sfiato musicale del corpo sotto pressione costante…”)

Trovo sempre interessante accedere ai pensieri di Erri De Luca, registrare i suoi aforismi (“Il corpo è il più antico strumento musicale”), constatare con quanta personalità artistica egli affronti qualsiasi argomento. La lettura di questo testo, in particolare, può essere di stimolo a chi lo legge per stilare una propria autobiografia musicale (sarebbe bello che chi commenta lo facesse!)…

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

8 risultati - visualizzati 1 - 8
Ordina 
Bel commento Bruno, i pensieri di Erri De Luca sono estremamente interessanti anche per me. Ottima anche la scelta delle musicalità che hanno fatto da colonna sonora alla tua vita. :-)
Buona giornata
siti
09 Ottobre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Bruno,
interessante stimolo anche questo, colgo l'invito e rilancio con un mix di De Gregori e Mozart passando per Leonard Cohen, America, Toto, Ennio Morricone, Alabama, tanto buon repertorio sardo...la musica ci circonda, qui presenti anche le infinite varianti del maestrale o semplicemente il pane.
Questo autoritratto musicale è parziale e frutto di ascolti non sempre scelti, anche subiti, scoperti e ricercati...
Laura
Questo titolo aveva già attirato la mia attenzione. Sembra davvero interessante. Grazie Bruno.
Bruno Elpis
09 Ottobre, 2014
Ultimo aggiornamento:
09 Ottobre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
@ Maria: sai che ho dovuto sacrificare diverse tappe per rimanere nel numero di caratteri consentiti dal titolo? Ma trovavo antiestetico inquinare l'originale percorso musicale di Erri con il mio, ben più banale e dozzinale... :-)

@ Laura: quante sfumature nel tuo percorso! Sotto il vento che spesso accarezza (o schiaffeggia) la Sardegna... :-) Il De Gregori di Rimmel è nel mio cuore, nel mio cuore naturalmente c'è Mozart...

@ Annamaria: sì, leggilo, poi ne parliamo ancora. Ormai Erri De Luca ci ha abituato a queste operette brevi (sotto le cento pagine), che si leggono in un soffio e rappresentano un cross over tra prosa e poesia... :-)
Bella recensione, Bruno.
De Luca può piacere o non piacere, ma ha innegabilmente il suo stile molto personale (e riconoscibile).
Quoto Amy Winehouse e rilancio con Mina, Battisti, ma soprattutto Vasco (mettendoci in mezzo un po' di De Gregori, Celine Dion, Negramaro e Guns' n Roses).
@ Rollo: la penso come te :-)

@ MIa: con Amy, Battisti e De Gregori (non tutto) abbiamo un punto di contatto! :-)
Bella recensione complimenti, e un libro che non ho ancora letto di un autore che adoro, ogni suo testo a mio avviso è musica anche se di musica non parla.
Grazie lo leggerò anche grazie a te.
Saluti
8 risultati - visualizzati 1 - 8

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista
I racconti del focolare
Col gatto è meglio
Scintille. Storie e incontri che decidono i nostri destini