Dettagli Recensione

 
L'entrata di Cristo a Bruxelles
 
L'entrata di Cristo a Bruxelles 2013-09-05 13:25:17 Lady Libro
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    05 Settembre, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due novelle, un solo legame

Chi legge con frequenza quest’autrice ormai l’avrà capito: nei suoi libri si entra in un Inferno paradisiaco da cui è molto difficile uscire e che induce a determinare se la si amerà o si odierà. Per sempre. Non c’è verso: con Amelie Nothomb non esistono le mezze misure, proprio come in questo particolarissimo libretto di centotre pagine, grosso come un portadischi e contenente soltanto due racconti brevi. Ma che racconti! Una tale contorta e bizzarra bellezza retorica non si trova altrettanto facilmente.
Si può tranquillamente parlare di filosofia quando si parla di Amelie Nothomb. Una filosofia spietata, malvagia e subdola, ma anche benefica e salvifica, piena di perle che danno ragione ad ogni singolo personaggio e dove il torto non esiste o non sta mai da una parte sola.
Ma perché proprio queste due novelle? Perché raccoglierle insieme in un unico volumetto quando non hanno apparentemente niente in comune?
Cosa può legare la storia di uno spietato arrampicatore sociale che compie un atroce delitto, scappa, cambia vita e s’innamora e la vicenda di un anonimo uomo che si dirige nella fredda Finlandia con infiniti sogni e aspirazioni, ma senza alcun mezzo di sostentamento alla casuale ricerca della donna della sua vita che non ha mai visto, avuto o di cui non sa nemmeno il nome?
Probabilmente più di quanto ci si possa immaginare: il sacrificio involontario ma necessario per il raggiungimento del piacere assoluto, il viaggio come fuga e ricerca di qualcosa di migliore, il mutamento totale di personalità e scelte di vita, l’inevitabile confronto con il mondo, la diversità e ciò che più si disprezza, un finale sconvolgente e assurdo ma che il lettore si trova costretto ad accettare perché, nonostante tutto, in esso trova una sua logica, anche se perversa, e, perché no, anche una forte critica ai vizi e ai difetti della società odierna che l’autrice enfatizza e stravolge.
Nessuno è innocente e nessuno è colpevole, tutti hanno dei lati oscuri che prima poi tirano fuori grazie alle circostanze che attraversano e rivelano la vera natura dei personaggi.
Per quanto vivo uno rimanga in questo libro, non può affermare di essere salvo, felice o appagato: gli mancherà sempre qualcosa, che ha perso o che non ha mai avuto, anche se non lo saprà mai.
Non esiste il lieto fine, ma nemmeno il finale tragico: entrambi si fondono per creare una conclusione solenne, che rimbomba nella mente del lettore come il suono di un tamburo gigante, torturandolo dolcemente e inducendolo a riflettere, spesso invano: se si prova a trovare un senso, un ordine nei libri della Nothomb, si è fregati.
Il cervello si aggroviglia come la matassa di un gomitolo e non si riuscirà mai a districarne tutti i nodi: ne rimarrà sempre uno che porterà non pochi dubbi nella vita di tutti i giorni. Chi riesce a districare quel piccolo o grande nodo, non potrà mai apprezzare Amelie. Chi non ci riesce, si è fatto soggiogare dalla sua magia letteraria e dialettica e la seguirà come un fedele discepolo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Dany83
05 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ben fatta e intrigante la tua rece.....ora sono curiosa di leggerlo, metto in lista!!! ;-)
C.U.B.
06 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
SPLENDIDA !!! Mamma mia che brava :-)
Pensa lo stavo iniziando un paio di giorni fa, poi invece son finita su Simenon.
E' lì sul tavolo comunque ;-D
In risposta ad un precedente commento

06 Settembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille Cub =D
Appena puoi, leggilo!! Merita davvero, secondo me =)
Amelie è troppo brava =))))
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa
Paranoia
Tre donne
I tre sconosciuti e altri racconti