Dettagli Recensione

 
Il cappotto
 
Il cappotto 2017-07-06 06:17:15 68
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    06 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dignità umana e composta semplicità

Ciò che Dostoevskij diceva " Siamo tutti usciti dal cappotto di Gogol " definisce i tratti della novella, che assume temi e contorni poliedrici e camaleontici, di difficile collocazione all' interno di una palese linearità e semplicità narrativa. Tratti psicologici, sociali, morali, politici, metaforici, reale e fantastico miscelati in un concentrato di poche pagine .
Akakij Akakievic, in una Pietroburgo zarista dominata da una rigida e secolare posizione classista, simboleggia la mediocrità, impiegato in una burocrazia amministrativa irregimentata e senza possibilità di ascesa sociale. E' ignorato, invisibile e, peggio ancora, deriso persino dai propri colleghi, dedito ... " non solo con zelo, ma con amore "... al proprio lavoro di copista, specchio della sua personalità. Vive e si muove all' interno della limitatezza del suo mondo, devoto alla propria natura tra i binari di una ordinaria quotidianità.
È quello che sa fare e qualsiasi altro compito affidatogli si farà mistero rivelandosi impossibile e disatteso.
Sta sempre allo stesso posto, nell' identico atteggiamento, svolgendo la stessa mansione, ..." un impiegato che ricopiava, che non vedeva oltre le sue pulite righe "... non si concede la minima distrazione, si accontenta semplicemente della propria sorte e di un significato legato alla produttività.
Quella idea nata da una necessità, inizialmente invisa alle proprie tasche ed al proprio sentire, che prevede un allontanamento dal mondo conosciuto, quel cappotto divenuto improvvisamente indispensabile, quando il vento gelido scuote ed irrigidisce i volti infreddoliti dei pietroburghesi, diviene simbolo di individualità e riscossa personale, nuova pelle e fine supremo, autoriconoscimento e condivisione, possibilità di scelta e ribaltamento sociale, acquisendo significati del tutto inattesi," umani ", coprendosi di aspettative e di ..." una idea amorosa, l' amorosa idea del cappotto "...
Una vita che sembra improvvisamente cambiare, animata da una nuovo senso decisionale e da una esistenza di certo più piena.
Ma quel desiderio sovversivo disconosce l' ordine precostituito e l' apparentemente casuale furto del cappotto ricondurrà allo status quo e ad una catastrofe annunciata, perché Akakij si è spinto in un territorio sconosciuto, ed il desiderio agognato rappresenta solo un ideale, la cui venale realizzazione cambierà le carte in tavola.
Ed allora quella neo dimensione che credevasi riscatto e gioia suprema si scontrerà con un dolore invivibile ed intollerabile mentre la crudeltà umana continuerà a dispiegare la propria brutale essenza, abbandonandolo ad un destino tragico ed inevitabile.
Uno spettro finirà con l' aggirarsi tra le macerie del proprio passato alla ricerca di una gratificazione personale o di una semplice istanza vendicativa.
I molteplici temi della novella sono divenuti nel tempo oggetto di interpretazioni anche di carattere psicologico che mi sono parse estranee al protagonista ed al suo mondo.
Credo che l' essenza di Akakij Akakievic stia nel suo non apparire, nell' accettare la propria limitatezza tramutandola in grandezza, nel gioire della semplice dote ( il copiare ) che la natura gli ha donato, scevro da odio, invidia, accuse, desiderio vendicativo per un mondo che lo ha sempre deriso nutrendosi della propria pochezza che a lui non compete, ed è in questo senso di finitezza che risiede l' infinito e la grandezza del suo sentire.
È nella " figura " del cappotto, idealizzato, amato, trattato come una persona ( il termine in russo e' femminile ), fonte di piacere personale, di riconoscimento di se' in una forma quasi narcisistica che si compie l' inganno, oltrepassando il semplice desiderio e mostrando un oggetto che ai più, ma non al protagonista, appare semplicemente come un bell' oggetto da ammirare.
Nella novella presenziano tutti i temi cari a Gogol, quel realismo sociale ottocentesco che descrive una realtà russa governata da un rigido apparato burocratico, da gerarchia e forma che disconoscono l' individuo ed il proprio sentire. Ma anche situazioni che riportano all' " Oblomov "( il vecchio cappotto e la vestaglia) o al racconto " Il naso " ( il tema dell' indefinitezza e dell' autoriconoscimento nel continuo specchiarsi ) tratti stilistici e ricercatezze linguistiche e grottesche di difficile traduzione insieme ad una accezione messianico-religiosa ( il protagonista nei confronti delle derisioni continue esclama ..." Io sono tuo fratello "... secondo l' accezione cristiana del termine fratello ). Ma alla fine, per Gogol, non esiste giustizia alcuna, né umana ne' divina.
Personalmente, nell' oceano interpretativo della novella, ho amato la forza espressiva del racconto, quei tratti così' magistralmente espressi, parole forti, significanti, la descrizione di una realtà altrettanta vivida ed aspra, la profondità di ogni singola espressione inserita in un quadro generale che suscita sgomento ed indignazione, la storia di un uomo e del proprio triste destino, segnato dall' indifferenza e crudeltà di un mondo che non lo ha mai accolto e che lo rigetta, tra le righe un' aria gelida ed un grido smorzato, ma anche un senso di profonda dignità umana, la propria composta semplicità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutti i racconti, " Le anime morte ", " L' ispettore generale "
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Bel commento Gianni, di Gogol lessi tempo addietro "Il naso". devo riprendere la sua conoscenza.
Ottima recensione : grazie !
In risposta ad un precedente commento
68
07 Luglio, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Laura, il mio primo Gogol fu " Le anime morte " e segnò l' inizio dell' amore per la letteratura russa che a lui deve molto !!!
In risposta ad un precedente commento
68
07 Luglio, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a te per l' apprezzamento, di certo Gogol e' un autore imprescindibile!
Interessante il fatto che il termine russo è femminile. In effetti, a tratti sembra diventare pateticamente il sostituto di una donna.
In risposta ad un precedente commento
68
09 Luglio, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Sì, è vero, per come il cappotto è trattato ed amato, quasi venerato, e ce lo dice ...." da allora era come se la sua stessa esistenza fosse diventata in un qualche modo più completa, come se si fosse sposato, come se un’altra persona vivesse con lui, come se non fosse solo, ma una piacevole compagna di vita avesse acconsentito a percorrere al suo fianco la strada della vita: e questa compagna non era altro che quello stesso cappotto"...
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caldo in inverno
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Ah l'amore l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza nuova
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'angelo di Monaco
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Universum. Cronache dei pianeti ribelli
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle voci
Valutazione Utenti
 
3.4 (4)
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'avvocato degli innocenti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quantum
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
1.8 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri