Dettagli Recensione

 
Redenzione
 
Redenzione 2019-03-14 14:04:56 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    14 Marzo, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Indifferenza

Cinque sono i protagonisti di questa nuova storia di Mukherjee autore de “La vita degli altri” (Neri Pozza, 2016). Cinque personaggi per cinque storie tutte accomunate da un luogo, l’India, e dal desiderio di poter vivere una vita migliore rispetto a quella precaria e fatta di violenza e crudeltà che è per loro sinonimo di punizione divina. E se da un lato la povertà è appunto un castigo, dall’altro è un’occasione, l’occasione per eccellenza per redimersi dai propri peccati, dalle proprie colpe, dalle proprie vergogne e umiliazioni. In questa realtà dei pressi del Bengali uomini e donne vivono, infatti, arrangiandosi come possono, con espedienti e con la forza di volontà del sopravvivente. Le giornate scorrono scandagliate dalla medesima routine, il futuro è un desiderio irrealizzabile, un’utopia, non possono sperare di condurre un’esistenza dignitosa; la loro è un’esistenza di conservazione.
Tante voci corali che bramano la loro redenzione e che permettono di ricostruire un perfetto mosaico di una verità retrograda e inumana che il mondo moderno talvolta sembra voler dimenticare e accantonare nei meandri della memoria. Sia le ambientazioni che i personaggi sono tutti riccamente descritti e rendono vivide le circostanze malevoli in cui ciascun protagonista si trova e con cui deve quotidianamente combattere.
Devastante, oltre che a queste condizioni precarie, è quel senso di indifferenza che si perpetra in tutto lo scritto. Che muoia un bambino ai bordi della strada, che venga picchiata una donna o che venga maltrattato un uomo anziano, non vi è indifferenza. Il mondo non si ferma, alcuno sguardo è rivolto al bordo di una carreggiata dove i ratti son già pronti a cibarsi delle carcasse mentre le genti imperterrite proseguono con le loro attività.
Al tutto si aggiunge una penna curata, precisa e chiara che conduce senza difficoltà il lettore accompagnandolo passo passo tra un episodio e l’altro. Unica pecca che ho riscontrato al componimento è data dalla volontà del narratore di cercare di “unire” i percorsi dei suoi eroi, dato che viene percepito da chi legge come una forzatura essendo il testo redatto sotto la presunta veste di una raccolta di racconti tra loro paralleli, e con solo talune circostanze in comune, ma non anche come una storia portante unica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Tema sicuramente drammatico e molto attuale... L'autore è indiano?
interessante, bel commento, complimenti.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri