Dettagli Recensione

 
E venne chiamata due cuori
 
E venne chiamata due cuori 2012-04-25 08:57:25 C l a r a
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
C l a r a Opinione inserita da C l a r a    25 Aprile, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla scoperta di sè stessi.

"E venne chiamata due cuori" è un testo che mi è stato imposto durante il mio percorso di studi, alcuni anni fa, e come tutte le imposizioni devo dire che non sono riuscita ad apprezzarlo e a goderne pienamente. Per questo motivo ho, recentemente, deciso di darmi una seconda possibilità e di riprenderlo in mano, unicamente per mio piacere personale e devo dire che contrariamente al primo approccio ho apprezzato la lettura, come MAI mi sarei aspettata.

La narrazione, classificabile nella corrente “new age di qualità”, ripropone il tema del viaggio come esperienza catartica e come mezzo per una completa analisi spirituale e umana.
Il racconto autobiografico ha come protagonista Marlo Morgan, una dottoressa e ricercatrice americana residente a Kansas City, che alla vigilia dei 50 anni si rende conto di non avere nulla da perdere e su invito di un amico decide di intraprendere un viaggio in Australia per seguire un progetto di prevenzione medico-sociale.
Questo viaggio non è solo e semplicemente un incotro con una cultura diversa ma è anche un'occasione per fare un bilancio sulla propria vita e per apprezzare pienamente il significato della parola "libertà".
“… per la prima volta nella mia vita di adulta, ero libera di trasferirmi in qualsiasi luogo della terra scegliessi e di fare qualunque cosa desiderassi”.
Marlo Morgan in Australia vive per tre mesi in una comunità di aborigeni e si rende ben presto conto che ogni passo verso la comprensione del gruppo, delle loro abitudini, credenze e affetti è piuttosto un passo di conoscenza verso la vera natura dell'uomo, quella che è stata accantonata dalla cultura occidentale per far posto alla futilità e alla materialità.

L’esperienza forte e coraggiosa di Morgan obbliga tutti quelli che entrano in contatto con questo racconto a ripensare ai concetti di cultura e di progresso, ponendoci degli interrogativi inquietanti sullo sviluppo sostenibile, sui diritti delle generazioni future, sull’equa distribuzione della ricchezza mondiale. Sono gli aborigeni, primitivi e al margine della società, che ci insegnano a vivere “eticamente” e nel rispetto della natura. Ma a questo punto chi è veramente "primitivo"?
“Nascere a mani vuote, morire a mani vuote. Ho contemplato la vita nella sua pienezza, a mani vuote”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Clara, non vorrei smontarti il libro, ma lo sai che e' una storia inventata , non una storia vera ?
Lo so perche' lo aveva recensito Nadia tempo fa e avevo fatto delle ricerche...
In risposta ad un precedente commento
C l a r a
25 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
No ma dici sul serio?
Pensa che era uno dei testi proposti dalla mia professoressa, per il corso di antropologia culturale...Quindi mi è stato presentato come racconto di viaggio, assolutamente vero!
Resta comunque un buon lavoro, ma Marlo Morgan perde tutta la stima e la credibilità che gli avevo attribuito... :O
Anche perchè nella terza di copertina leggo: "Rientrata in America, è così forte il messaggio che porta con sè che Marlo Morgan decide di pubblicare a proprie spese la SUA storia, romanzandola appena proprio per proteggere la Vera Gente dalla curiosità e salvaguardarne il riserbo".
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
25 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
MI spiace :-(
Anche io sono attratta da questi racconti, pero' sebbene ammetta che un po' vengano romanzati, qualcosa di vero DEVE esserci, se no non ha senso.
Quando Nadia lo recensi' feci ricerche su Google (butta un occhio) e diverse fonti dicono si tratti di una storia inventata, perche' (vado a memoria ) : l'autrice non si e' assentata da casa tutto quel tempo,i riti e gli utensili di cui narra nel libro non appartengono alle popolazioni che lei descrive, ma a racconti meramente inventati su quei luoghi letti probabilmente su altri libri, ecc. Inoltre mi pare l'autrice abbia anche confessato fosse invenzione a seguito di queste accuse.
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
25 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Guarda, anche su Wikipedia senza sprecar troppo tempo su internet :
http://it.wikipedia.org/wiki/E_venne_chiamata_Due_Cuori

Mi spiace, non volevo smontartelo, ma siccome ho visto che scrivevi STORIA VERA mi sembrava giusto dirtelo !
SE ti interessa l'argomento io ho letto da poco LA FORESTA TI HA. Bello e interessante e reale !
Ciao Clara. :-)
In risposta ad un precedente commento
C l a r a
25 Aprile, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Ora guardo subito! E grazie CUB perchè probabilmente, in buona fede con quanto scrive la Morgan,avrei continuato a credere che fosse una testimonianza reale!
Ero convinto anch'io che si trattasse di una storia vera. Adesso devo decidere se maledirmi per aver letto le vostre confidenze, oppure ringraziarvi per avermi aperto gli occhi. Resta comunque un bel libro, non cambio idea.....ma sarebbe stato meglio continuare a credere che potesse essere tutto vero. Anche se in fondo qualcosa di vero deve esserci per forza. In ogni caso grazie, meglio essere informati che vivere nelle nuvole.
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri