Dettagli Recensione

 
Una settimana all'aeroporto
 
Una settimana all'aeroporto 2012-07-09 09:49:54 EvaBlu
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
EvaBlu Opinione inserita da EvaBlu    09 Luglio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La rivincita del libro Kamikaze

Chi non ricorda Tom Hanks nei panni di un tenero e determinato Viktor Navorski che a causa di questioni burocratiche rimane bloccato per più mesi nell’aeroporto di New York, adattandosi a vivere in un luogo-non-luogo? Il film era The Terminal, l’anno il 2004 ed è indubbio che, ad una prima occhiata, “Una settimana all’aeroporto” ci riporti con la mente proprio a quel successo cinematografico.

Niente di più sbagliato. Il diario-documento di Alain de Botton è tutt’altro che la trasposizione di un’avventura del tutto insperata e casuale.

Nel 2009, l’azienda gestore di uno degli scali aeroportuali più trafficati di Londra commissiona allo scrittore l’importante compito di trasferirsi per una settimana in uno dei terminal e di trascrivere, in maniera autentica e dettagliata, le sue impressioni. Alain, al contrario del povero Viktor, viene fatto soggiornare in un lussuoso hotel interno al terminal, gli viene assegnata una scrivania “aperta al pubblico” con la chiara dicitura di “scrittore aeroportuale” e viene dotato di ogni genere di pass che gli consente di curiosare negli angoli più remoti del suo nuovo mondo.

Ne viene fuori un’analisi acuta, affascinante e spesso irriverente di quello che sembra essere il limbo delle moderne società, spazio di mezzo che rispecchia in miniatura la realtà ma che è anche in grado di attuare una sospensione del tempo, rendendo possibile all’individuo la momentanea spinta verso il cambiamento.

È incredibile l’insieme di riflessioni che de Botton riesce a tirare fuori, e quasi tutte documentate da magnifiche foto a colori : dall’uomo ritardatario che sfoga al check in la sua rabbia, e dunque urla la sua innata natura ottimistica negli eventi e di fiducia nel prossimo che non hanno tuttavia impedito che perdesse l’aereo; all’esame attento del perché in una società come la nostra, che tanto si vanta di aver abbattuto le classi, esistono ancora le sale d’attesa per la prima classe nella quali persone dotate di talento, abilità e spirito di sacrificio non hanno comunque possibilità di accesso; alle decine di storie che denotano lo spirito di aspettativa o di rinuncia dei passeggeri che partono o arrivano, e dei dipendenti che hanno fatto dell’aeroporto la loro casa o che sperano in un futuro lavorativo diverso perché la natura umana non sempre predilige la dilatazione temporale di un luogo dove in fondo il tempo è relativo.

Un saggio dinamico, breve ma intenso, dallo stile eccellente e dai contenuti formidabili; da leggere sicuramente e specie poco prima di affrontare una visita all’aeroporto, qualunque ne sia la motivazione.

Io intanto mi sono ripresa dalla mia carrellata di libri kamikaze esplosi nel nulla: Alain de Botton e la sua Settimana all’aeroporto saranno anche semi-sconosciuti ma sono rispettivamente un magnifico scrittore ed un’ottima ed intrigante opera.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi desidera un saggio-diario su quell'affascinante mondo che è l'aeroporto: emblema e possibile chiave di lettura della nostra modernità.
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Il persistere premia :-) Intrigante recensione ed interessantissimo libo; brava Eva, vai avanti e testa in nostra vece questi libri sconosciuti, noi poi ci atterremo di conseguenza :-))))) !!!!
Letta-votata-soffio ciuffo.
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
09 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Meno male sei uscita dal limbo !!!
In risposta ad un precedente commento
EvaBlu
09 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Raga!!!... ;)

Cub, uscita uscita, mo leggo una cosa che tu hai tanto apprezzato ;)))...
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
09 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
COSA ?
Secondo me sarebbe stato ancora più interessante il racconto di un viaggiatore, che magari all'aeroporto ci ha passato pure la notte (io l'ho fatto e non ripeterò l'esperienza). L'hotel di lusso mi sembra un punto di vista un po' troppo privilegiato.
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Verso le isole luminose. Tahiti, Tuamotu, Marchesi
Cerchi infiniti. Viaggi in Giappone
Le voci di Marrakech
Fuori dal nido dell'aquila
Diario d'Irlanda
In viaggio con Erodoto
La bellezza del Giappone segreto
Una città o l'altra. Viaggi in Europa
Viaggi
Il Mediterraneo in barca
Pic
E quel che resta è per te
Viaggi con Charley
Marocco, romanzo
Bagliori a San Pietroburgo
Il libro del mare