Dettagli Recensione

 
Il cuore dell'oceano
 
Il cuore dell'oceano 2014-12-04 22:41:18 Virè
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Virè Opinione inserita da Virè    05 Dicembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nulla di speciale

Sono tornata a leggere questo autore dopo tanti anni e sapevo che avrei avuto un'impressione diversa da quella che ricordavo. Credo infatti che i suoi libri, ricchi di suggerimenti e belle frasi su come affrontare la vita con gioia, vadano molto bene in alcuni periodi, quando si è giovani e ci si scontra con un mondo che non corrisponde a quello che ci si aspetterebbe, quando si cerca una lettura che apra gli occhi e il cuore, in un momento un po' buio. Sapevo di non essere più predisposta a questo tipo di letture e già dalla quarta di copertina avevo intuito che si trattava di un libro più banale rispetto a quelli che lessi anni fa.
Non si tratta di un romanzo, infatti, ma di un diario di viaggio dell'autore che vuole tentare una nuova impresa: nuotare in mare con le balene.
Lo stile è sempre semplice e scorrevole, si fa leggere con piacere. In questo caso ho trovato incantevole la descrizione dell'isola su cui arriva il protagonista, che sembra un vero e proprio paradiso ed è descritta in modo da permetterti facilmente di immaginarla nei dettagli, quasi come se ne stessi vedendo una fotografia, e da fartene innamorare. Posti stupendi che, per la vita che si conduce oggi, in città, tra smog e frenesia, sembra impensabile possano esistere sul serio da qualche parte sul pianeta. Descrizioni così belle non ne ricordo nemmeno nei libri precedenti e mi hanno davvero incantato.
Il libro quindi scorre, sembra di leggere il resoconto di viaggio di un amico che vuole farti partecipe delle sue avventure. Detto questo manca mordente e il racconto prosegue con le descrizione delle nuotate del protagonista, degli incontri con altri personaggi di contorno, ma nulla di più. Lo scopo dell'autore era quello di far riflettere sulla scelta di compiere un'azione pericolosa per realizzare un sogno, mettendo a repentaglio la propria vita, senza tener conto di tutte le persone che potrebbero risentirne, qualora qualcosa potesse andare male. In questo ho ritrovato soltanto considerazioni scontate e quasi forzate, che non aggiungono nulla, semmai tolgono qualcosa, al meraviglioso racconto di viaggio che si sta leggendo.
Essendo un libro breve si giunge alla fine senza fatica, anche con piacere, si apprezza l'evasione dalla realtà che la lettura permette di compiere, portando il lettore in posti meravigliosi, a contatto con la natura più selvaggia. Per il resto di ferma qui; dal punto di vista emotivo ed in particolare di riflessione personale, non lascia nulla.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri