Dettagli Recensione

 
Gli ultimi giorni di Pechino
 
Gli ultimi giorni di Pechino 2015-06-11 19:20:30 C.U.B.
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    11 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sulle macerie di Pechino

Correva l'anno 1899 quando in Cina esplosero i primi disordini antioccidentali , la rivolta dei Boxer, il cui intento era sradicare l'innovazione portata dagli stranieri ed estirpare la piaga del cristianesimo cinese. Nel giugno del 1900 i Boxer assediarono il quartiere delle Legazioni per cinquantacinque giorni , i civili stranieri e soprattutto i cinesi cristiani subirono l'attacco congiunto di Boxer ed esercito ufficiale. 
Qui si colloca il resoconto di Pierre Loti inviato del Figaro, a partire dal 24 settembre del 1900, quando Pechino era ormai caduta e le forze di occupazione in una fase (relativamente)pacifica.   
Egli si impegna a visitare le zone di guerra e a porre sulla carta, con un criterio fotografico, tutto cio' che vede, in un susseguirsi certosino di immagini. Attraverso i suoi articoli ricomposti in libro si susseguono orribili immagini di morte e violenza, teste mozzate a marcire per terra o innalzate su pali, scalpi e torture di ogni sorta evidenti sui poveri corpi martirizzati. 
Non solo un viaggio di gente il suo, anche di luoghi. Pechino ormai in cenere concede inerme al barbaro straniero l'accesso ai luoghi piu' segreti come la Citta' Imperiale , la Citta' Purpurea, Il Palazzo degli Avi. Cosi' tristi i passi di Pierre che realizza di poter contemplare tanta bellezza solo dopo che essa e' stata violentata.
Sebbene voglia limitarsi al descrittivo l'autore non puo' dissociarsi da un sentimentalismo cronico. La guerra e' ben lontana dal mero scontro, non basta uccidere, qualsiasi sia la fazione. Si infierisce  con brutalita' inaudita, senza ferocia che guerra sarebbe. E ucciso l'uomo l'umiliazione prosegue straziandone le orme , riducendo in polvere e saccheggiando le meraviglie che furono arte e tesoro di una civilta'.
Immagini strazianti di carne e di cocci. Si mischiano gli sguardi sui bimbi  morti di stenti, su donne abusate, su bronzi millenari, su  abiti imperiali, sete e draghi d'oro, smalti e lacche sparsi a terra e calpestati come stracci, venduti al mercato nero per pochi spiccioli. Guerra all'uomo, alla sua storia, alla sua potenza estetica.

Bella la scrittura -qui priva dell'abuso di punteggiatura che si puo' trovare in altri suoi testi-, molto interessante il contesto, le descrizioni sono talmente fitte che a tratti mi hanno pero' soffocata. Non tra i miei preferiti del Loti sebbene ritengo sia un testo di valore, un reportage sgorgato da un giornalista appassionato e fazioso, che non teme di rendere esplicito il suo parere. Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Un po' come Terzani.
Un altro Loti da aggiungere alla lista, Brava CUB !
che dire i contenuti espressi dalle opere del vecchio Pierre sono sempre di gran valore documentaristico e storico, tanto da perdonare un pizzico di soffocamento :-)))
In risposta ad un precedente commento
C.U.B.
15 Giugno, 2015
Segnala questo commento ad un moderatore
Assolutamente sì !
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri