Dettagli Recensione

 
E venne chiamata due cuori
 
E venne chiamata due cuori 2017-11-10 21:19:45 martaquick
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
martaquick Opinione inserita da martaquick    10 Novembre, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

NON MI CONVINCE PER NULLA

Premetto che non è il genere di lettura che amo anzi solitamente non mi avvicino a libri di questo tipo ma essendo un regalo ho voluto fare lo sforzo di aprirmi a questo romanzo spirituale.
Si tratta proprio di un romanzo e non di un racconto tratto da una storia vera come dice l'introduzione; mi è sempre piaciuto informarmi su chi leggo come autore e cosa sto leggendo come tematiche o semplicemente come apprezzamento dei lettori e mi sono informata su Marlo Morgan, Così ho scoperto che il suo racconto di un'esperienza unica in realtà è in gran parte (se non completamente) una finzione, lei non è mai stata nell' Outback australiano per mesi con gli aborigeni ma se l'è inventato. Addirittura un gruppo di veri aborigeni australiani si è fermamente opposto alla creazione di un ipotetico film tratto da questo libro. Quindi insomma l'autrice ci sta vendendo come storia vera la sua immaginazione.
Le premesse non sono le migliori infatti ho letto il libro con scetticismo. Peccato perchè avevo deciso di aprire i miei orizzonti ma sono partita con il libro sbagliato!
Il romanzo in sè non è male, l'ho trovato scorrevole anche se molto ripetitivo ma non mi sono sentita coinvolta dalla storia della protagonista. Ho trovato assurde alcune cose scritte, per esempio la telepatia tra gli aborigeni e il sacrificarsi degli animali di loro volontà per diventare cibo. Credo che sia altamente impossibile.
Non mi sento di consigliare la lettura di questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Presente nella mia libreria da tanti anni, non ho mai avuto voglia di leggerlo...e continuerò a non farlo. I libri "spirituali" di questo genere non mi attirano in alcun modo, tanto più se sono frutto di invenzione. Grazie per la chiara e sincera recensione.
Elena
In risposta ad un precedente commento
martaquick
11 Novembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Anche me i libri di questo tipo non attirano ma ci ho provato. Ho sbagliato libro però perché ero partita da questo proprio perché era una storia vera e invece guarda cosa scopro! Che delusione!

13 Novembre, 2017
Segnala questo commento ad un moderatore
Ho terminato da poco il libro e mi ritrovo perfettamente con il commento.In particolare vorrei segnalare due incongruenze che mi hanno fatto "scadere" l'opera:prima afferma che gli aborigeni camminano nel deserto cantando perchè il canto è un rituale con il quale misurano il tempo, nel capitolo successivo invece scrive che marciano in assoluto silenzio per ricevere i messaggi telepatici degli altri aborigeni nel deserto!. E poi ho trovato ilare l'affermazione secondo la quale gli aborigeni per intimorire gli avversari usano oltre che la tecnica della sparizione (già difficile da credere) anche quella della moltiplicazione!
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri