Dettagli Recensione

 
Cerchi infiniti. Viaggi in Giappone
 
Cerchi infiniti. Viaggi in Giappone 2020-08-30 08:44:50 archeomari
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    30 Agosto, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

TRA ESTRANEITÀ ED APPARTENENZA

Per capire fino in fondo una civiltà diversa dalla nostra, bisogna liberarsi dei soliti cliché. Nessuno può dirlo con più convinzione dell’instancabile scrittore e viaggiatore olandese, Cees Nooteboom coi suoi innumerevoli viaggi in Giappone, che abbracciano circa un quarantennio, segno di un dialogo mai interrotto.
Con alle spalle, anzi meglio, nella valigia, gli inseparabili libri dei suoi amati scrittori giapponesi (Tanizaki, Kenzaburo, ma soprattutto le due grandi scrittrici, la Shonegon e, la Proust giapponese, Murasaki ), lo scrittore cerca di trovare, soprattutto nel primo viaggio fatto negli anni ‘70, le atmosfere magiche del Giappone che si sono formate nelle propria immaginazione.
Si scontra invece con una realtà che nasconde ostinatamente ciò che è sotto la superficie, una superficie scivolosa e impenetrabile allo straniero, al tanin, termine giapponese per indicare non soltanto chi non parla giapponese, ma in senso più ampio,
“qualcuno che non ha alcuna connessione reale con te. ‘Lo straniero’ di Camus è tanin, ‘L’outsider’ di Colin Wilson è tanin. Non avere nessuna relazione con qualcuno implica non essere visti, o almeno non veramente.”

Infatti la prima impressione che l’autore ha avuto nel suo primo viaggio è stato quello di sentirsi “invisibile”, non visto realmente dalle persone che si rivolgono a lui, che con fredda ed estrema gentilezza, gli servono il tè nell’albergo o lo accompagnano nei luoghi di culto in taxi.
Niente è più lontano da noi di questa civiltà! E avverte questo frustrante senso di incomunicabilità reciproca nei viaggi successivi, ogni volta che torna in Giappone, la sua ricerca della scintilla che spiega tutto è sempre più vana.
Nooteboom sostiene che un olandese come lui, anche in Sicilia, in mezzo agli avventori di un bar a Taormina, o volendo addirittura uscire fuori dall’Europa, andando a Persepoli, in Iran, avverte sempre un senso di appartenenza ad una cultura comune, dovuta sicuramente ai grandi padri greci e latini.
Tale senso di appartenenza viene meno quando si va in Giappone, la cui cultura è quanto di più lontano esista dalla via occidentale, nonostante oggi lo assimiliamo ai Paesi capitalisti.

Uno dei luoghi comuni di cui bisogna liberarsi è quello di pensare al Giappone solo come al magico paese dei giardini zen, dei templi coi tetti spioventi

“Non abbiamo a che fare soltanto con il Giappone di bunraku, ukiyo-e, kabuki e ikebana, ma anche con quello di Honda, Toyota e Mitsubishi”.

Quasi inconcepibile la convivenza tra l’estetica assoluta e la barbarie edilizia, tra ritiro intimo in un tempio o un giardino zen e l’essere trascinato dalla massa umana che ti circonda e ti incorpora in sé mentre si è sui mezzi pubblici oppure per strada. E questa realtà ossimorica ha il suo grande fascino, il fascino di una civiltà “nata e cresciuta fuori da ogni influsso occidentale”.

D’altronde, ammette che questa ricerca frustrante dell’essenza del vero Giappone è un po’ colpa sua, sia perché il suo Giappone “è un Giappone di libri”, sia perché
“Io ho il carattere sfortunato di chi vuol sempre guardare oltre la collina e non ha ancora capito che dietro non c’è altro che una nuova collina. Che cosa mi aspetto in realtà (e da così tanto tempo)?”. Il suo Giappone è un Giappone dove non corrispondono più né tempo né spazio. Rimane un fondo di amarezza in questo libro, secondo me, viaggio dopo viaggio l’autore riconosce di trovare un dialogo soltanto nel grande libro della Murasaki Shikibu, vissuta nell’epoca Heian (antico nome di Kyoto, quando Tokyo si chiamava invece Edo), autrice del millenario ‘Genji Monogatari’, opera cardine della letteratura mondiale:

“se una signora nell’anno mille scrive qualcosa che oggi mi colpisce e mi commuove ancora è perché tra la scrittrice, i suoi personaggi e il lettore si genera una tensione psichica tale che il millennio che li divideva a un tratto non esiste più. Sono cose che appartengono ai miracoli. Solo l’arte ne è capace (...).

Non solo la Murasaki, all’opera della quale dedica struggenti pagine, ma anche Shonegon Sei, autrice delle “Note del guanciale”, una sorta di zuihitsu (scritti di circostanza che ogni uomo e ogni donna compilava prima di andare a dormire e riponeva poi sotto il guanciale) è un’autrice di riferimento per conoscere un mondo così lontano dal nostro.

Si termina con l’accettazione di questa differenza come dato di fatto, l’autore, come scrive Giorgio Amitrano (i più lo conoscono perché è il principale traduttore di Murakami Haruki) nella postfazione del libro, Nooteboom oscilla tra sconfitta e riscatto: un riscatto garantito da una letteratura millenaria, dove i personaggi sono caratterizzati così bene da risssumere la condizione umana universale.

“Se mai potessi avere un’altra vita, dovrebbe essere in un paese con una scrittura diversa. Valore aggiunto: la visione estetica di un segno che, tramite il suo disegno, oltre al significato viene a significare qualcos’altro, afferma, evoca, sho, calligrafia. Vorrei fosse possibile, ma non lo è, non avrò quest’altra vita, ho già raggiunto l’età del «troppo tardi». Niente di cui lamentarsi, anche il «mai più» ha i suoi fascini amari”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Gli altri libri dell’autore
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

7 risultati - visualizzati 1 - 7
Ordina 
Marianna, vedo che il notevole autore olandese si sofferma sulla Murasaki, scrittrice che non conosco ma m'incuriosisce molto.
Ti domando se dia ampio spazio al settore letterario giapponese e su quali autori si soffermi in modo significativo ( oltre alla Sei, che non conosco assolutamente).
In risposta ad un precedente commento
archeomari
30 Agosto, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, Nooteboom si sofferma maggiormente sulla Murasaki e sulla Shonegon, gli altri gli servono per fare confronti col Giappone moderno, sono toccati "per la tangente". Non si tratta di un resoconto letterario, ma di un resoconto di più viaggi in Giappone, per scoprire che il Giappone moderno è ancora più lontano dal nostro, anche più lontano di quello rappresentato nei suoi adorati libri scritti da Tanizaki, Kenzaburo etc. Per lui la Murasaki ha creato un capolavoro assoluto, darebbe qualsiasi cosa per decifrare tutte le sfumature simboliche di colori, profumi, gesti in una società come quella giapponese di mille anni fa, dove ogni cosa non aveva bisogno di rivelare esplicitamente i suoi significati.
Anche Tanizaki ha avuto difficoltà a tradurre il Genji! Pensa un pò! La nostra comune amica CUB, esperta iamatologa, mi ha consigliato il libro di Ivan Morris, Il mondo del principe splendente, per approfondire il tema della corte del Genji!
É difficile trovare qualcuno non interessato alla cultura nipponica e all'immagine che noi occidentali abbiamo creato attorno ad essa nei secoli. Il connubio Iperborea-Giappone mi intriga tantissimo e la tua recensione mi ha straconvinto a leggere questo libro e ad avvicinarmi alla letteratura giapponese, sia classica che contemporanea. Per ora mi sono letto solo i più noti Haruki Murakami, Banana Yoshimoto e qualche altro sporadico titolo trovato in libreria, perciò sono più che aperto a consigli su autori e libri per iniziare
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
01 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie, Marianna.
In risposta ad un precedente commento
archeomari
01 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Alessandro, sono contenta che il mio commento ti abbia colpito positivamente. Ultimamente sto leggendo Nooteboom, grande viaggiatore, scrittore e poeta. Se vuoi iniziare a conoscerlo ti consiglio "Le volpi vengono di notte", "533 Il libro dei giorni", oppure questo libro.
Per la letteratura giapponese, quella legata al Giappone meno ocidentalizzato, se non li hai letti, ti consiglio Tanizaki, Soseki e Mishima. Buone letture!
C.U.B.
02 Settembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Lo leggerò presto ! Tra l'altro mi ritrovo in molto di quello che hai scritto, anche io sono volata in Giappone con il mio bagaglio di Sei Shonagon e Murasaki Shikibu sotto braccio e mi sono resa conto che ne resta poco, quel poco è adorato dai giapponesi, ma comunque non è originale. Le loro antiche strutture erano di legno e carta, quindi tutto è stato distrutto dagli incendi e ricostruito.
Mi hai incuriosita :-)
In risposta ad un precedente commento
archeomari
03 Ottobre, 2020
Ultimo aggiornamento:
03 Ottobre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Non ti avevo risposto! Sì adesso confrontandolo con la Messina, lo considero assolutamente superiore. Devi leggerlo, nella nota amara e delusa troverai te stessa.
7 risultati - visualizzati 1 - 7

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno di vetro
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
In silenzio si uccide
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La congiura dei suicidi
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sogno di Ryosuke
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lepanto nel cuore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Verso le isole luminose. Tahiti, Tuamotu, Marchesi
Cerchi infiniti. Viaggi in Giappone
Le voci di Marrakech
Fuori dal nido dell'aquila
Diario d'Irlanda
In viaggio con Erodoto
La bellezza del Giappone segreto
Una città o l'altra. Viaggi in Europa
Viaggi
Il Mediterraneo in barca
Pic
E quel che resta è per te
Viaggi con Charley
Marocco, romanzo
Bagliori a San Pietroburgo
Il libro del mare