Dettagli Recensione

 
Verso le isole luminose. Tahiti, Tuamotu, Marchesi
 
Verso le isole luminose. Tahiti, Tuamotu, Marchesi 2021-04-18 15:20:41 silvia71
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    18 Aprile, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Paradisi contaminati

Renée Hamon ( 1897-1943) è una donna bretone fuori dagli schemi per l'epoca in cui vive.
La voglia di esplorare il mondo le brucia dentro e la spinge ad imprese estremamente faticose e pericolose.
Un coraggio ed un'abnegazione ai limiti del comprensibile, per noi, comodi moderni viaggiatori, la spingono ad imbarcarsi verso le acque del sud Pacifico.
Ad attenderla isole e atolli collocati nell'apoteosi della natura, tra acque cristalline, baie incontaminate, barriere di coralli, cocchi lussureggianti.
Ma l'occhio di Renée non si fa distrarre dal rigoglio della vegetazione e dalla natura che assume le sembianze paradisiache; lo sguardo va oltre, l'attenzione è captata dai danni arrecati dalla colonizzazione alle popolazioni indigene e ai luoghi.

“Verso le isole luminose” non vuole essere il racconto di un viaggio esotico all'insegna dell'avventura, bensì un reportage di denuncia sui soprusi perpetrati dai paesi invasori, approdati su queste terre alla ricerca di profitto per ingrassare l'economia occidentale.
Vittime dello sfruttamento sono loro, i nativi, decimati dalle malattie, schiavizzati, affamati, sopraffatti dalla furia egoistica “dell'uomo bianco”.

Il quadro dipinto dalla viaggiatrice francese è impietoso, denso di realismo, talvolta naif talvolta noir; la penna è utilizzata come macchina fotografica per immortalare i visi sofferenti di esseri umani, violentati e privati di costumi atavici, costretti a rinnegare le proprie radici culturali, derubati delle poche materie prime che le isole forniscono loro, lasciati morire di filariosi, lebbra e tubercolosi nonostante la possibilità di fornire le cure.

Esigue le parti descrittive, la quasi totalità del flusso narrativo è costituito dalle singole voci di uomini e donne che l'autrice fa confluire in un coro univoco che grida la voglia di riscatto e libertà.

Tanta sofferenza è stata documentata in questo libello, facendo piombare il lettore di oggi in un contesto lontano da tramonti di fuoco a suggere acqua di cocco inebriato dal profumo del tiarè.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bel commento Silvia!
Tra l'altro è un filone narrativo che a me piace molto e poco battuto.
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Viaggio in Russia
Verso le isole luminose. Tahiti, Tuamotu, Marchesi
Cerchi infiniti. Viaggi in Giappone
Le voci di Marrakech
Fuori dal nido dell'aquila
Diario d'Irlanda
In viaggio con Erodoto
La bellezza del Giappone segreto
Una città o l'altra. Viaggi in Europa
Viaggi
Il Mediterraneo in barca
Pic
E quel che resta è per te
Viaggi con Charley
Marocco, romanzo
Bagliori a San Pietroburgo