Dettagli Recensione

 
Fuori dal nido dell'aquila
 
Fuori dal nido dell'aquila 2021-08-03 15:47:57 enricocaramuscio
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    03 Agosto, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ricordiamoci che siamo umani

Esordio letterario di Shefit Troka, contemporaneamente protagonista e voce narrante, questo breve romanzo è costituito da poche ma intense pagine che parlano di miseria e di violenza, di speranza e disillusione, di repressione e di nuove opportunità. Gli eventi narrati risalgono a circa tre decenni fa. Tuttavia, quando c'è di mezzo la migrazione, la fuga dalle dittature, dalla fame, è inevitabile trovare delle analogie con la più stretta attualità. Siamo in Albania, all'inizio degli anni Novanta, un paese allo sbando, reduce da anni di dittatura e da una recente crisi economica e sociale dovuta ad una frode finanziaria che ha colpito gran parte della popolazione. Impossibilitati a comprare perfino un pezzo di pane, molti giovani tentano di uscire dal confine per procurarsi un lavoro che permetta loro di sfamare se stessi e la propria famiglia. Ma le strade non sono molte. Da una parte c'è la Grecia, dall'altra il Canale d'Otranto. Da una parte la violenza dei militari, dall'altra il pericolo di una traversata con mezzi di fortuna, in balia dell'imprevedibilità del mare. Troka narra in prima persona l'esperienza di un giovane albanese disposto a rischiare la vita pur di avere una seconda opportunità. Lo fa con l'esperienza di chi ha vissuto sulla propria pelle la tragica esperienza dell'esodo di massa; di chi, dopo una serie di tentativi andati male è riuscito a trovare una nuova terra su cui ricominciare, non senza inevitabili difficoltà dovute alla lingua, all'adattamento ad una nuova realtà, all'immancabile astio nei confronti dello straniero. Parole toccanti, cariche di tragicità ma anche di speranza, passaggi al limite del Neorealismo intervallati da scorci di pura poesia. Esperienze di vita che, seppur romanzate, raccontano pagine di storia ancora vive e che ancora hanno tanto da insegnare su temi delicati e troppo spesso divisivi come quelli dell'immigrazione, dell'integrazione, della solidarietà. "Mi restituì il passaporto augurandomi buon viaggio. Lo ringraziai, cercandogli in faccia una bugia. Presi il passaporto, mi alzai e andai via. Sentivo di essere seguito da molti poliziotti, ma il corpo rigido mi impediva di girarmi per controllare se veramente qualcuno mi stesse dietro. Quando uscii dal porto di Otranto mi voltai e rimasi sorpreso. Non era uno scherzo. Non mi stavano seguendo. Il sorriso di quel poliziotto cominciai a percepirlo come se fosse quello di un angelo. Un petalo che fiorisce in un posto in sospeso tra legalità e illegalità. Mi sembrava che una mano invisibile, scesa dal cielo, avesse creato un nuovo spazio necessario solo per noi due. Con quel sorriso, il poliziotto ebbe il potere di cancellare in una frazione di secondo le mie sofferenze, le mie paure. I nostri cuori, parlando con il linguaggio delle emozioni, si abbracciarono ricordandoci che siamo umani e non tutti siamo prigionieri della negatività".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Complimenti, Enrico, bellissima recensione! Condivido perfettamente quanto hai scritto!
Avevo letto questo libro lo scorso anno e ne sono rimasta molto colpita anch'io.
Grazie Laura. Fu proprio la tua recensione ad incuriosirmi e a spingermi a leggere questo libro.
In risposta ad un precedente commento
Laura V.
19 Agosto, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Ne sono felice, Enrico! Grazie per aver accettato il consiglio di lettura! :)
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Verso le isole luminose. Tahiti, Tuamotu, Marchesi
Cerchi infiniti. Viaggi in Giappone
Le voci di Marrakech
Fuori dal nido dell'aquila
Diario d'Irlanda
In viaggio con Erodoto
La bellezza del Giappone segreto
Una città o l'altra. Viaggi in Europa
Viaggi
Il Mediterraneo in barca
Pic
E quel che resta è per te
Viaggi con Charley
Marocco, romanzo
Bagliori a San Pietroburgo
Il libro del mare