Dettagli Recensione

 
Portami dove sei nata
 
Portami dove sei nata 2019-08-08 18:11:25 Maria Tortora
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Maria Tortora    08 Agosto, 2019

Odore di fantasmi e miracoli da perpetrare

Terra di crolli e miracoli l'Abruzzo lo è sicuramente più di altre. Perché noi abruzzesi col terremoto ci conviviamo da sempre. Il terremoto, o "tritticata", come scrive la Scorranese, è un evento che si presenta a sua insindacabile discrezione. A noi un'unica scelta: subirlo in silenzio sperando che passi in fretta e senza troppi danni.
"Portami dove sei nata" è il primo libro della giornalista del "Corriere della Sera" Roberta Scorranese, un'opera in cui sono confluiti numerosi ricordi di famiglia ma anche i racconti dei vecchi abitanti di Valle San Giovanni, il paesino del teramano in cui l'autrice è nata. Storie di persone chiamate per soprannome e raccontate in ragione di un affetto confidenziale e di un incondizionato rispetto.
La Scorranese innesta nelle memorie tramandate in casa da nonni, zii e genitori, il racconto dei suoi incontri recenti con chi ha vissuto sulla propria pelle i tragici terremoti degli ultimi anni; gente che dopo i crolli, la devastazione, il silenzio e la polvere ha deciso di rimettersi in piedi e provare a imbastire l'ennesimo miracolo. Episodi lontani e fatti più recenti si affiancano esplorando i territori del sacrificio, della perdita, della comunanza e della ricostruzione.
La fiaba lontana di nonno Gino e nonna Chiarina, originata dallo scandalo de "lu peccat’ gross’ gross'", viene accostata a episodi contemporanei che spiegano, a modo loro, altre forme di rinuncia, tolleranza e solidarietà. Ispirandosi alla vita vera di oggi e di ieri, la Scorranese, con una scrittura volutamente e amabilmente contaminata da parole in dialetto, ha saputo portarci esattamente nel posto in cui è nata, quella terra d'Abruzzo a cui si appartiene in maniera viscerale e schietta anche quando si vive a Milano da tempo e si scrive in una forma impeccabile per un'importante testata nazionale.
Convince, dunque, l'opera d'esordio di Roberta Scorranese. Un libro che è, al tempo stesso, romanzo e cronaca, fiaba e memoria, documento e invenzione letteraria. Ovviamente siamo in presenza di una donna che sa scrivere e lo fa per mestiere da anni. Un'intimità con l'arte della scrittura che porta l'autrice a gestire le parole con abilità, nitidezza e intelligenza. Doti per niente trascurabili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Bella mia" di Donatella Di Pietrantonio
"L’altra figlia" di Annie Ernaux
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri