Dettagli Recensione

 
La macchina del vento
 
La macchina del vento 2019-06-03 09:41:49 Mian88
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    03 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tempo che scorre, tempo che va.

«Immaginarla era una cosa: l’essere umano può immaginare l’irreale, vedere il mai avvenuto, è questo a distinguerlo dagli altri animali. Non solo questo, certamente, ma anche. Ascolti una favola e vedi il lupo che parla con l’agnello, la rana invidiosa del bue, la sfida tra la lepre e la tartaruga. Leggi un romanzo e vedi personaggi mai vissuti amarsi, combattere, tradirsi, morire. Leggi l’Odissea e vedi Atena assumere le sembianze di Mente, di Mentore, di Telemaco… Immaginarla era una cosa. Ma crederla vera, quella scena con la macchina del tempo, era un altro paio di maniche.»

A poche decine di chilometri al largo della costa tirrenica, tra Lazio e Campania, c’è un rado arcipelago di isolotti, spuntati da un vulcano quando Zeus era ancora in fasce. Sono le isole Ponziane, quelle che si affacciano alla nostra mente, isole che quel 14 novembre 1939, in una giornata torva con cielo pesante, hanno accolto Giacomo. Ventotene ha la forma di un cavalluccio marino, o di un uccello con la cresta appollaiato su un filo. La testa è rivolta a Gaeta, la coda a Punta dell’Arco. È un filo teso tra Capri e Ponza che protende verso Palermo. È il luogo del confino.
Pontecorboli Giacomo è un prigioniero, un uomo di scienza che Pasta-e-fagioli ha recluso sull’isola, insieme alle altre tante menti migliori nate nei primi vent’anni del secolo ma, tuttavia, contrarie e oppositrici del regime. Il risultato, involontario certamente, è stato quello, nonostante le censure, le angherie, le restrizioni, di far sì che a Ventotene ci fosse più libertà di pensiero che nel resto d’Italia.
Voce narrante che immediatamente resta affascinato dal “nuovo arrivato” è Erminio Squarzanti, originario di Ferrara, studente di Lettere, che al momento del deposito dell’indice e del titolo della sua tesi di laurea viene condannato e confinato. D’altra parte “I mari Adriatico, Ionio e Tirreno e gli arcipelaghi d’Italia nei miti greci” per dimostrare che, nel mito greco, i mari d’Italia sono sempre spazi aperti e illimitati, che solcarli è occasione di incontri inattesi e sorprendenti tra popoli diversi e razze diverse, tra uomini e divinità, tra uomini, animali e mostri, incontri che spesso avvengono nel conflitto aperto, ma più spesso ancora nel conflitto ambiguo, intriso di seduzione e altresì di accoglienza, apertura, erotismo e volontà di mescolare e unire le diverse culture, non può che destare i disappunti del totalitarismo vigente.

«Perché Poseidone aveva aderito al fascismo? Per gli stessi motivi di tutti: convenienza, rivalsa, meschinità. Nelle dispute con gli altri dèi per il possesso di terre, costui aveva sempre rimediato sconfitte: non aveva ottenuto l’isola di Egina, non aveva ottenuto Nasso, non aveva ottenuto Delfi, né Trezene, né l’Attica, né l’Argolide, né alcuna isola o penisola importante. Era rimasto un sovrano a mollo, che sapeva di salmastro, signore soltanto dei pesci e delle alghe. Nella famiglia dell’Olimpo era lo zio da tenere un po’ a distanza. Invitiamo anche lo zio Posi alla festa? No, dài, che bagna dappertutto… Per questo era risentito e iracondo, sempre incline a sfogarsi scatenando maremoti e burrasche.»

Tra i due nasce un profondo legame, legame che si avvalora e rafforza grazie a tutte le altre personalità presenti sull’isola, da Sandro Pertini a Bruno Buozzi, e che abbraccia comunisti, socialisti, anarchici, dissidenti, uomini di giustizia, sostenitori della libertà e chi più ne ha più ne metta, che si snoda attraverso i miti, per Erminio, e mediante la dimensione temporale, l’orologio, l’equazione risolutiva, e i continui riferimenti all’opera intitolata “La macchina del tempo” di H.G. Wells, per Giacomo.
E così prende sempre più campo l’ultima opera di Wu Ming 1, un testo la cui idea si radica nella mente dello scrittore già a partire dal 2005 ma che per una ragione o per un’altra ha tardato a consolidarsi, forse proprio perché, come ci suggerisce lo stesso nei titoli di coda, semplicemente “i tempi non erano ancora maturi”.
Il risultato vale però a giustificare la lunga attesa. Se deciderete di leggere questo saggio/romanzo storico, perché di questo si tratta, vi troverete di fronte ad un elaborato al cui interno vi è tutto: storia, filosofia, principi giuridici e morali, mitologia, scienza, letteratura, attualità. Con grande maestria Wu Ming 1 ricostruisce e riporta alla luce personaggi che fanno parte della nostra cultura, che hanno posto le basi di quei dogmi essenziali di cui adesso, dopo i lunghi lavori dell’Assemblea costituente (170 per l’approvazione della Costituzione e 375 pubbliche), possiamo godere e che talvolta vengono, purtroppo, dati per scontati.
Ma non è soltanto questo, “La macchina del vento”. È anche una riflessione più intima sull’uomo, sul suo essere, sulle sue sicurezze e sulle tante fragilità che lo accompagnano nel percorso di vita. È una riflessione sulle proprie paure, sul senso di inadeguatezza, sul timore di non essere all’altezza, sui legami umani, sulla famiglia, sulle amicizie, sulle perdite, sulla lotta singola e collettiva per raggiungere i propri traguardi, sulla resistenza. Resistenza nel passato, negli anni dell’oppressione, nel presente per tutti gli ostacoli di questa nuova società.
Questo e molto altro è l’ultimo volume a firma Wu Ming. Un elaborato di non semplice lettura, che richiede impegno ma che stimola anche la curiosità, che offre molteplici spunti di esame e valutazione e che non si dimentica.
Il tutto è avvalorato da una penna precisa, erudita, magnetica, che fa proprio il linguaggio del tempo, che accompagna passo dopo passo e che mai risulta scontata.

«Noi siamo storie. Siamo ricordi tramandati»

«Noi siamo come Pirra e Deucalione. Trascorremmo anni su un’arca nel Tirreno, mentre un diluvio sommergeva il vecchio mondo. Quando fu il momento di scendere, venne ad accoglierci Atena, dea delle guerre per giusta causa. Le chiedemmo nuovi compagni e compagne, per riprendere la lotta. Lei ci fece gettare in aria una pietra dopo l’altra, e le colpì col suo scudo. Dopo il diluvio, la Resistenza. Ogni pietra un partigiano.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Complimenti, Maria!
Dopo la tua recensione e quella di Chiara dovrò pensare seriamente di iniziare a leggere Wu Ming! :)
Bellissima recensione Maria, mi hai riportato nel libro! ;-)
In risposta ad un precedente commento
Mian88
06 Giugno, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Cara Laura, ti ringrazio per le tue parole, i libri dei Wu (e prima ancora dei Blisset) sono elaborati complessi, stratificati ma caratterizzati da tante di quelle riflessioni e di quegli spunti storici e attuali che ti trasportano in una dimensione a cui è impossibile resistere e che ti scuote in ogni frangente. Questo, in particolare, è un libro che va gustato poco alla volta ma che non si dimentica.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
06 Giugno, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Chiara, davvero. Ho aspettato qualche giorno prima di recensire l'opera perché è veramente densa di significato e di spunti di riflessione e ti dirò, a distanza adesso di ancora più tempo dalla prima lettura, ancora ne sono affascinata e torno a rifletterci sopra. Grazie di cuore.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri