Dettagli Recensione

 
Come cavalli che dormono in piedi
 
Come cavalli che dormono in piedi 2019-08-21 21:05:15 siti
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    21 Agosto, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Niente retorica!

Siamo alla vigilia del centenario della Grande Guerra, il Paese è in fermento, la retorica diventa industria e i già monumentali sacrari italiani, squadrati, vuoti, simbolo dell'incapacità di custodire il ricordo e di farlo parlare appaiano mere spersonalizzazioni di quella che invece fu la tragedia più individuale che potesse colpire i popoli della vecchia Europa, quando niente parlava di guerra, quando il progresso spianava la via della sicurezza e della tranquillità. Confido di avere provato sentimenti simili presenziando a certi eventi commemorativi dove la retorica dell'Istituto Luce veniva proposta, ancora, e senza nessun filtro. La guerra è guerra, sempre, la guerra è morte, non si vince, si perde, sempre. Paolo Rumiz, ecco, ha risvegliato in me quel sentimento, quando raccontando del suo sconforto provato nel sacrario di Redipuglia decide di seguire le voci di quei militari italiani e di spingersi fino alla sperduta Galizia e di ripercorrere il sacrificio dei tanti italiani che combatterono dalla parte sbagliata, come suo nonno, o meglio combatterono a favore di quella che allora era la loro patria. Il nonno tornò ma la sua esperienza divenne un tabù nella sua Trieste divenuta italiana. E l'Italia ha dimenticato questi soldati, per loro nessuna celebrazione, nessun monumento, solo l'oblio e la vergogna per aver combattuto dalla parte sbagliata. Il viaggio intrapreso da Rumiz apre le porte al lettore per dimensioni geografiche, storiche e culturali spesso inesplorate o dimenticate o peggio ancora denigrate, alla scoperta di un'umanità accomunata dalla stessa tragedia. È un itinerario difficile da seguire, uscire da Trieste verso est è oggi difficoltoso, quello che un tempo era il centro dell'impero austroungarico è attualmente una terra sulla quale la nostra nazione non investe, la rete ferroviaria imperiale è dismessa, il viaggio si presenta subito difficile ma non impossibile. Rumiz però non ha fretta, segue il suo istinto e raggiungendo i luoghi delle battaglie, quelle sconosciute dell'altrettanto sconosciuto piatto fronte orientale del quale nessun manuale di storia nostrano fa menzione, si immerge in essi, li fa propri, li sente quasi in forma mistica e ce li ripropone come dovettero viverli e sentirli i nostri triestini. Porta con sé i loro scritti e li fa riecheggiare, ritrova i sepolcri di quelli che non ebbero modo di rientrare e di testimoniare e vi lascia un lumicino. Il viaggio prosegue poi verso la Polonia e pagina dopo pagina apre inesplorate geografie ritrovando storie e destini che spesso si incrociano. Una lettura affascinante, ricca di riferimenti bibliografici, dai diari dei soldati ai memoriali letterari, alla letteratura yiddish, al mito del finis Austriae. Una prima conoscenza di Rumiz del quale mi riprometto di leggere gli altri memoriali di viaggio ai quali da decenni ormai si dedica. Un senso di gioia nell'aver trovato un degno successore di quel Terzani che tanto mi aveva arricchita in termini culturali e umani con le sue esperienze di vita, di viaggio, di lavoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Terzani
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
In effetti segnò le coscienze in maniera indelebile la Prima guerra mondiale, nonostante la seconda avesse mietuto più vittime. Forse la seconda è maggiormente ricordata per l'olocausto e le prime armi chimiche, ma come choc la prima è stata più incisiva.
È importante leggere libri come questo, non tanto per denunciare (ormai è passato?), quanto piuttosto per ricordare! Ricordare i nostri soldati caduti, i militi ignoti, le privazioni, la fame, la crudeltà della guerra...una lezione per il mondo. Repetita iuvant..si spera!
Grazie per la recensione
C'è una frase di Virginia Woolf che dice "La bellezza deve rompersi ogni giorno per restare bellezza" e credo si possa dire la stessa cosa per la memoria. Non il mio genere, ma sembra davvero un bel libro.
In risposta ad un precedente commento
siti
22 Agosto, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a te per l'interesse e il commento.
In risposta ad un precedente commento
siti
22 Agosto, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Daniele sono appena rientrata dai luoghi di frontiera: Trieste, Slovenia occidentale. Ero a 120 km da Redipuglia, dopo aver visitato l'ossario italiano di Caporetto avrei voluto fare uno strappo, valicare il confine in poche ore e visitarlo. La famiglia non era dello stesso parere, allora ho visitato le trincee di Caporetto, di Kolovrat, la difesa fortificata voluta dal trattato di Rapallo, i fortini. i sentieri in montagna spianati dai prigionieri russi, la bellissima chiesa di Javorca voluta nelle montagne dai combattenti austroungarici, aperta a tutte le confessioni, dedicata alla spirito santo...Non voglio tediarti, per farla breve dopo aver resistito ad acquisti in libreria a Trieste ( tutto il mitteleuropeo a portata di mano), all'imbarco a Piombino mi trovo Rumiz, quarta di copertina e zac...è fatta! La storia si studia viaggiando e leggendo...spero di averti invogliato. Rumiz fa quello che piace fare a me: coglie l'essenza dei luoghi.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri