Dettagli Recensione

 
Quaranta giorni
 
Quaranta giorni 2020-12-28 07:55:14 FrancoAntonio
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    28 Dicembre, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Jeshua e Aroc

Secondo la tradizione cristiana “Quaranta giorni” sono il periodo intercorrente tra la resurrezione di Gesù e il momento della sua ascensione al cielo. L’argomento è estremamente carico di significati e oltremodo spinoso da trattare in un romanzo “storico” non solo perché si vanno a toccare aspetti che incidono sulla sensibilità dei credenti, ma pure perché in quei quaranta giorni verrà piantato il seme di una rivoluzione culturale (oltre che religiosa) che inciderà in modo determinante sulla storia mondiale dei successivi millenni. Così anche chi, agnosticamente, valuta gli episodi in modo freddamente documentaristico non può sminuire l’importanza del momento.
Gli approcci prevedibili per una narrazione possono essere molteplici. Un credente non può non sentirsi in obbligo di estrapolare, dalle scarne notizie che ci forniscono gli scritti evangelici, un racconto che illustri l’eredità di Cristo e che, riempiendo le lacune presenti nei resoconti canonici, elabori un ammaestramento in sintonia con gli scritti stessi. Uno storico (quale dovrebbe essere Manfredi) potrebbe tentare di calare la vicenda narrata nella realtà documentale, ricostruendo gli avvenimenti secondo quanto logicamente ci si aspetti che possa essere effettivamente accaduto. Un romanziere puro potrebbe intessere una trama attraverso la testimonianza di un ipotetico, fittizio testimone oculare, facendone un’operazione più o meno simile a quella di Damiano Damiani nel film “L’inchiesta”.
Manfredi ha rigettato tutte le sopradette soluzioni e, temerariamente, ne ha affrontata una quarta, decisamente più immaginifica e discutibile. Si è inventato un confronto tra Jeshua di Nazareth e Aroc un essere ugualmente soprannaturale che si atteggia in parte a demone (cioè rappresentante delle morenti divinità pagane) e più spesso a demonio (cioè uno degli angeli caduti che affiancarono Lucifero), anche se l’A., ahimè, non sembra aver chiaro il senso della diversità tra i due termini.
È Aroc, quindi, la voce narrante e il protagonista assoluto della storia. Egli è testimone del supplizio sulla croce. Veglia Jeshua nella tomba e assiste alla sua risurrezione. Lo accompagna nel suo successivo cammino per il mondo. Lo interroga per comprenderne atti e motivazioni. In un vorticoso andirivieni temporale cercherà di convincerlo a salvare Gerusalemme dalla distruzione ad opera delle legioni di Tito o a creare realmente quel “Regno dei Cieli in terra” ove non esista ingiustizia e dolore, promesso nella sua predicazione. Noi, al seguito di Aroc, osserviamo tutta l’agonia di Gerusalemme e dei suoi vari Messiah sino alla catastrofe del 70 d.C. che ci viene descritta con dovizia di particolari reali e fantasiosamente bizzarri. Non ci viene risparmiato neppure un salto nel futuro remoto per una descrizione dettagliata dello scontro finale, sul colle di Harmageddon, tra l’armata delle tenebre - composta, questa sì, da veri demonî (cioè diavoli seguaci di Satana) - contro l’esercito della luce, guidato dai triarchi Michael, Gabriel e Rafael. Aroc, nel frattempo, seduce Berenice, amante di Tito, e la sottrae all’imperatore; combatte per salvare il Tempio di Gerusalemme, si redime approdando alle spiagge del Bene grazie al “perdono” di Jeshua, e fa un paio di salti temporale nell’odierna metropoli israeliana minacciata dagli integralismi. Qui, nel finale, lo vediamo nelle improbabili vesti di agente del Mossad impegnato in un’azione che scongiura il deflagrare di una esiziale nuova guerra religiosa.

Giunti ansimando alla sospirata parola fine ci si domanda a cosa fosse indirizzata questa strampalata operazione letteraria. Inizialmente io avevo sospettato che Aroc altri non fosse che l’alter ego dell’A. che si interrogava sulla propria fede o cercava, sulle ali di una sfrenata fantasia, di preservare le vestigia del passato. Poi, però, quando la storia deraglia verso il fanta-spionaggio, anche questo sospetto viene meno e rimane solo una domanda “Quo vadis, Maxime Valerio?”.
Confesso che provo imbarazzo a stroncare quest’opera: Manfredi è un abilissimo affabulatore e anche quando non è al massimo delle sue possibilità riesce comunque a produrre opere che divertono e restano degne di essere lette. Qui, invece, precipitiamo in un labirinto di concetti vaghi, ma ripetuti sino allo sfinimento. Partendo da un’opera di intento mistico, passiamo a un resoconto storico, a un pamphlet psicologico, a un’epopea demonologica, per giungere a un finale in stile spy-story, senza negarci pure qualche sprazzo di romanzetto erotico.
In definitiva è un guazzabuglio incomprensibile di cui non si capiscono i fini e men che meno le connessioni logiche. L’unico, debole, merito è quello di essere lungo poco più di 200 pagine che, comunque, si fa fatica a terminare.
Ritengo, quindi, che se ne possa, agevolmente, fare a meno, ma è davvero un peccato perché l’argomento scelto poteva dar vita a un’opera di ben altra levatura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
L'ho preso in biblioteca la scorsa settimana. Son qui che non riesco ad andare avanti e sono sinceramente indecisa sul se mollarlo o meno. Per ora conferma un declino non indifferente di questo autore che negli ultimi tre titoli proprio non mi ha convinta. Bravo come sempre :-)
In risposta ad un precedente commento
FrancoAntonio
28 Dicembre, 2020
Segnala questo commento ad un moderatore
Ti ringrazio per il sempre apprezzato gradimento di quanto scrivo. Ti confesso che all'inizio non volevo neppure credere a quello che leggevo: mi sembrava una presa in giro che si sarebbe in qualche modo risolta. Figurati che ho fatto un salto sulla sedia quando ho letto che Ponzio Pilato pensava a Caligola e Nerone come imperatori del passato! Poi, però, mi sono dovuto arrendere all'evidenza: sembra la trasposizione di un fumettone trash.
Alcuni conoscenti mi hanno raccontato che quando Manfredi era ancora professore al liceo i suoi studenti ignoravano lo squillo della campanella di fine scuola e restavano ammaliati con le lacrime agli occhi ad ascoltare le gesta di Achille o il resoconto della battaglia delle Termopili. Che dire? Ha perso il tocco magico.

21 Gennaio, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
Dopo trenta pagine mi son chiesto se valeva la pena di continuare la lettura e son passato ad un altro romanzo !!
In risposta ad un precedente commento

12 Aprile, 2021
Segnala questo commento ad un moderatore
hai fatto bene a mollare: è quello che avrei dovuto fare io, invece di continuare la lettura di questa "fantascemenza". Era la prima volta che leggevo romanzi di Manfredi: non mi è venuta voglia di leggerne altri.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'uomo del porto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri