Dettagli Recensione

 
I demoni di Berlino
 
I demoni di Berlino 2021-06-11 12:47:00 topodibiblioteca
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    11 Giugno, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giocare col fuoco è pericoloso

"I demoni di Berlino, essendo un romanzo e non un saggio, può permettersi di fare un passo in più e prendere posizione.......Lo fa rispettando le fonti esistenti- prima regola di un buon romanzo storico- e inventando là dove le fonti tacciono, sempre inseguendo coerenza e verosomiglianza". 

Con queste parole l'autore, Fabiano Massimi, definisce quelli che rappresentano i "confini" di un romanzo storico. Perché la sua credibilità consiste proprio nel rispetto di questa "regola aurea". Attraverso l'impiego di uno stile fluido e scorrevole, di dialoghi serrati tra i personaggi, e lasciando ampio spazio  alla descrizione di una Berlino perfettamente calata nello spirito del tempo, il libro riesce a raggiungere l'obiettivo di intrattenere il lettore, ottemperando  alla necessità di rispettare la realtà storica dei fatti riguardo al rogo del Reichstag del febbraio 1933. Un episodio sul quale le zone d'ombra sono ancora parecchie, dubbi che la Storia non è ancora riuscita a chiarire definitivamente, anche se l'inequivocabile realtà dei fatti evidenzia nettamente l'abilità del Partito Nazista a trarre tutti i vantaggi possibili attribuendone la responsabilità agli avversari politici. Sancendo così quel sintetico e terribile concetto che traspare fin dalle pagine iniziali de "I demoni di Berlino", vale a dire che l'incendio del Parlamento tedesco ha rappresentato l'inizio della fine perchè "Il Reichstag bruciò in una sera, ma per spegnerlo accorsero dodici anni e sessanta milioni di morti."

 "I demoni di Berlino" rappresenta la naturale prosecuzione de "L'angelo di Monaco" (nel quale si indagava sul misterioso suicidio di Geli Raubal nipote del Fuhrer), tanto per la continuità storica dei fatti, quanto per la continuazione delle storie private dei protagonisti del libro precedente: la coppia di commissari Sauer e Forster, questa volta ovviamente non più a Monaco bensì nella nuova location berlinese, affiancati da nuovi  e vecchi personaggi, ognuno dei quali piuttosto ambiguo ed apparentemente doppio giochista . E come nel romanzo precedente realtà storica e realtà romanzesca si intersecano, considerato che se Sauer decide di recarsi a Berino per fare luce sulla scomparsa della sua ex fiamma, una volta sul posto si troverà proprio di fronte ai più noti gerarchi nazisti: quei Goring, Himmler, Heydrich già comparsi nell'Angelo di Monaco, alimentando così nuovi e vecchi dissapori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Gabriele, mi hai incuriosito. Tra l'altro, non sapevo che l'autore avesse pure scritto il libro che hai citato.
Il romanzo storico mi interessa, a patto che usi apertamente fonti e documenti.
Bravissimo Gabriele!
Grazie Maria!!
Ciao Emilio, si i 2 romanzi sono autonomi e vivono di vita propria però per capire meglio il tutto sarebbe opportuno iniziare da l'angelo di Monaco! Sono d'accordo con te sul rispetto delle fonti nel romanzo storico.
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Lepanto nel cuore
La malalegna
Come vento cucito alla terra
La fortuna
La scelta
La tigre di Noto
L'alta fantasia
Le disobbedienti
L'amante del doge
L'inverno del pesco in fiore
Trema la notte
Il cielo sbagliato
La malinconia dei Crusich
Archimede. Il matematico che sfidò Roma
Di luce propria
La banda degli uomini