Saggistica Salute e Benessere Non siamo nati per soffrire
 

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire

Saggistica

Editore

Casa editrice


La presentazione e le recensioni di Non siamo nati per soffrire, opera di Raffaele Morelli edita da Mondadori. Il messaggio di Raffaele Morelli è tanto semplice quanto rivoluzionario. Quando arriva il dolore, non bisogna evitarlo né combatterlo, ma cedergli, farsene sopraffare. Osservandolo senza volerlo spiegare, vivendolo senza volerlo scacciare, il disagio se ne andrà da solo, dopo averci portato il suo messaggio profondo per farci rinascere e ridare senso alla nostra vita. "Quando il dolore mi chiama" spiega il celebre psicoterapeuta "cerco di non parlare con me stesso, di non dirmi e ridirmi: 'Non doveva andare così'. Non faccio nessuna autocritica [...]. Non cerco neppure di pensare a come correggere l'episodio che ritengo abbia scatenato la mia ferita. Porto dolcemente l'attenzione sul dolore, senza oppormi e, ovunque mi trovi, me ne lascio sopraffare; cerco di sentire bene la sua presenza, di osservare in quale parte del mio corpo si irradia [...]. Si deve rompere lo schema: soffro a causa di qualcosa che è successo, di lui che non c'è più, del mio lavoro [...]. So per certo che più cerco la causa del disagio, più cerco di spiegarla, di capirla, di correggerla, più soffriro." Con un'affascinante miscela di saggezza e storie di vita reale, l'autore di Ciascuno è perfetto offre con la sua nota chiarezza e profondità un punto di vista rivoluzionario sul modo di superare il disagio. Per imparare a "soffrire bene" e uscire rinnovati da ogni esperienza negativa.

Raffaele Morelli è medico, psichiatra e psicoterapeuta. È presidente dell'Istituto Riza e dirige la rivista "Riza Psicosomatica". Per Mondadori ha pubblicato Ciascuno è perfetto (2004), Come essere felici (2005), Non siamo nati per soffrire (2005), Come amare ed essere amati (2006), Le piccole cose che cambiano la vita (2006), Come trovare l'armonia in se stessi (2007), Ama e non pensare (2007), Il sesso è amore (2008), La felicità è dentro di te (2009), Puoi fidarti di te (2009), L'unica cosa che conta (2010) e La felicità è qui (con Luciano Falsiroli, 2011).

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuti 
 
5.0  (2)
Approfondimento 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Non siamo nati per soffrire 2013-07-04 13:15:00 Nadiezda
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    04 Luglio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La cura? Guardare senza pensare

Ognuno di noi nella storia della propria Vita ha vissuto dei momenti di dolore più o meno lunghi e più o meno intensi.
Il nostro corpo per abitudine cerca di evitarlo oppure fa di tutto per non combatterlo.
Raffaele Morelli ci spiega che tutto ciò è sbagliato, dobbiamo affrontare il nostro dolore, dobbiamo farci sopraffare dalle emozioni negative che ci fa provare per riuscire a sconfiggerlo.
Dobbiamo scoprire da cosa si scatena, da dove e perché si scaturisce questo malessere,
Il dolore è uno stato dell’anima che ci aiuta a ritrovare noi stessi, non sempre: un buon lavoro, una bella storia d’amore determinano la nostra felicità.
Con il dolore possiamo riscoprire noi stessi e capire che cosa sbagliamo.

Attraverso questo breve saggio, questo celebre psicoterapeuta ci racconta la storia di alcune donne che hanno sofferto per svariati motivi e non sono riuscite ad uscire da sole dal tunnel del dolore.
Si può dire che questo breve libro è quasi un manuale del “viver bene”, un piccolo saggio da portare sempre con sé quando vediamo intorno a noi tutto nero.
Morelli inoltre ci spiega che in questa società siamo abituati a girare con una maschera, a nascondere i nostri problemi mentre molto spesso potremmo eliminare il nostro dolore con il pianto, uno sfogo naturale che da bambini abbiamo usato spesso e crescendo abbiamo abbandonato.

Il messaggio che ci vuole trasmettere Morelli è che solo soffrendo bene possiamo uscire dal nostro dolore completamente rinnovati e rinvigoriti mentre se maciniamo nella mente il nostro dolore rischiamo di cadere in un baratro sempre più profondo.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Non siamo nati per soffrire 2012-06-26 09:19:24 Yoshi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Yoshi Opinione inserita da Yoshi    26 Giugno, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Altro libro altra corsa

Un libro leggero, scorrevole e veloce da leggere e da portarsi sempre dietro come “copertina di linux”, questo si è rivelato un aiuto psicologico non da poco.
Quando leggo Morelli difficilmente lo faccio sapere in giro perché con la scusa che è visto tanto in televisione sembra quasi che parli di un fenomeni mediatico e quindi di poca valenza.
Io invece lo apprezzo moltissimo perché oltre a fare il suo lavoro molto bene, credo che questi libri, nella loro semplicità siano d’aiuto a chi come me a volte ha bisogno di un sostegno in più e di non sentirsi soli nei propri disagi.
Ho trovato molto interessante le e-mail e le esperienze dei pazienti che riporta, con cui si approccia perché oltre a farti capire come mai certe meccaniche del cervello agiscono in un certo modo, ti entra dentro un senso di calore che ti fa sentire a casa.
O forse è stata una sensazione mia.
Una volta ero al pub con delle amiche, e una di queste parlava dei suoi problemi famigliari e vedevo che si tratteneva nell’esprimersi. Ad un certo punto le ho detto di lasciarsi andare e che se si sentiva di urlare o di incavolarsi o di piangere era giusto che lo facesse fregandosene delle persone attorno.
E così fu, si mise a piangere e nessuno rise di lei anzi, si liberò del peso che non la faceva respirare. Il problema c’è ancora ma almeno si è sfogata. Spesso siamo vittime della massa e del modo di essere della massa. Questa mania di accettarci solo se siamo forti e invincibili. Solo se ci facciamo vedere piatti e uguali. Invece non è giusto ed è quello che Morelli vuole far capire.
Ognuno di noi è diverso, ognuno di noi ha un disagio con cui fare i conti, abbiamo le nostre passioni e le nostre paure, simpatie e antipatie. Ma più ci conformiamo con la massa più ci allontaniamo da noi stessi ed è così che arriva l’ansia, l’attacco di panico e le paure immotivate. Scacciamo quel lato di noi che non ci piace, quelle sensazioni di vuoto e di paura che non amiamo li soffochiamo con falsi atteggiamenti o cosa peggiore, di farmaci.
Non è giusto. Siamo fatti di carne e come capitano le belle cose e ci facciamo invadere la pancia e l’anima di questo dovremmo abituarci a farlo anche delle sensazioni brutte.
Non è facile, non sto dicendo che è immediata la cosa ma ci si può allenare. E’ come andare in bicicletta. Cadi e ti rialzi, cadi e ti rialzi finchè non hai imparato e poi tutto viene di conseguenza.
Grazie alle tecniche che ti fa mettere in pratica ho scoperto una passione che avevo dimenticato e a volte riesco anche a lasciarmi andare accettando il caos della vita, io che sono maniaca del controllo. Però, ripeto, non è sempre semplice.
Secondo me è utile questo libro. I disagi sono parte di noi e dovrebbero insegnarcelo fin da piccoli perché noi siamo la nostra felicità anche accettando ciò che ci fa paura e non ci piace. Accettando che dentro di noi non può esserci l’ordine e il controllo.
Lo consiglio per chi vuole e necessita di un sostegno morale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri