Saggistica Salute e Benessere Emozioni distruttive
 

Emozioni distruttive Emozioni distruttive

Emozioni distruttive

Saggistica

Editore

Casa editrice


Con la meditazione i monaci buddhisti riescono a raggiungere uno stato di serena felicità. E ci assicurano che è una condizione che tutti possono sperimentare. Ma come? Per rispondere a questa domanda un gruppo di psicologi, filosofi e neuroscienziati occidentali guidati da Daniel Goleman - il profeta della cosiddetta "intelligenza emotiva" - si è confrontato con il Dalai Lama. Dal loro incontro è scaturita una sola risposta: liberarsi dai "veleni della mente" (rabbia, desiderio, illusione) è la chiave delle felicità. Così se da un lato il Dalai Lama ci spiega come trasformare le emozioni negative in sentimenti positivi, dall'altro Goleman ci mostra, con rigorosi metodi scientifici, come la pratica della meditazione possa rimuovere le cause delle nostre peggiori pulsioni. Insieme i due autori ci invitano a gettare uno sguardo colmo di speranza sul lato più oscuro della nostra mente per renderlo limpido e luminoso.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuti 
 
5.0  (1)
Approfondimento 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Emozioni distruttive 2017-09-03 15:14:31 pierpaolo valfrè
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
pierpaolo valfrè Opinione inserita da pierpaolo valfrè    03 Settembre, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Io penso positivo perché son vivo, perché son vivo

Cosa sono le “emozioni distruttive”? A cosa servono? Sono necessariamente un male? A quali conseguenze portano? In che modo si possono superare? Quanto dipendono da fattori ambientali e culturali? In che modo gli individui si differenziano nel provare e riconoscere le emozioni? Ci può essere un’educazione alla felicità?

Questi sono solo alcuni degli interrogativi a cui ha cercato di rispondere un gruppo formato da una dozzina di scienziati occidentali e di monaci tibetani, che si sono incontrati a Dharamsala, dove risiede il Dalai Lama, per cinque giorni di dibattito nel marzo del 2000.

Un filone tutto sommato abbastanza nuovo nel campo delle neuroscienze e delle terapie per i disturbi della personalità è quello che prende avvio dalla scoperta della “plasticità” del cervello umano. Risale solo al 1998 la dimostrazione che negli esseri umani nascono nuovi neuroni per tutto il corso dell’esistenza. Non solo: i nostri pensieri, le nostre emozioni sono in grado di modificare il cervello e dunque possono condizionare i pensieri e le emozioni successive. Allenarsi a pensare bene ci abitua a pensare meglio in futuro. Non lo dicono (solo) filosofi morali e religiosi, ma adesso (anche) medici e scienziati, e non in base a teorie o assiomi, ma a seguito di ricerche, esami di laboratorio e sofisticati esperimenti.

Anche sulla base di queste ricerche si sono affermate modalità di trattamento terapeutico che affiancano, e in alcuni casi sostituiscono, il trattamento farmacologico con una serie di tecniche che sfruttano proprio la capacità del nostro cervello di rinnovarsi costantemente.

Daniel Goleman, lo psicologo americano celebre per i suoi studi sull’”Intelligenza emotiva” ha riassunto dettagliatamente ogni giornata di discussione tra scienziati, filosofi e monaci tibetani in questo libro pubblicato per la prima volta nel 2003, e un altro libro molto simile è stato pubblicato nello stesso periodo da un altro partecipante piuttosto noto: Paul Ekman, forse il più grande esperto mondiale del riconoscimento delle emozioni sul viso delle persone (è stato anche consulente delle forze dell’ordine e dei servizi segreti americani).

Un altro scienziato di grande fama e valore che ha partecipato al convegno è Richard Davidson, pioniere della neuroscienza affettiva e uno dei principali studiosi della plasticità del cervello, che osserva con macchinari sofisticati ed esperimenti interessanti. Tra i presenti ai lavori di Dharamsala dell’anno 2000 segnalo anche Matthieu Ricard, monaco buddista, scienziato, figlio del filosofo francese Jean François Revel (insieme a lui scrisse il pamphlet “Il monaco e il filosofo”, dialogo su scienza e spiritualità) e Mark Greenberg psicologo specializzato in programmi di apprendimento sociale ed emotivo per bambini.

La cultura buddista, fondata sul concetto di meditazione e di compassione, è un ambito particolarmente fertile per studiare gli effetti che un adeguato allenamento emotivo è in grado di produrre sulle funzioni cerebrali e in definitiva sulla nostra salute.
La psicologia in Occidente nacque invece come osservazione e cura di stati patologici e per decenni si è concentrata sugli stati mentali insani, trascurando gli stati mentali che producono felicità e benessere. La ricerca del bene, o della felicità, in Occidente è stata lasciata ai filosofi morali e ai teologi. Solo in epoca relativamente recente, anche grazie ad aperture e dialoghi di questo tipo con la cultura orientale, è diventato terreno frequentato da medici e scienziati.

Dato l’argomento molto specifico, è meglio che mi fermi qui. Il mio scopo era quello di segnalare un libro di grande valore scientifico, ma fruibile anche da parte di chi, come me, non ha competenze in materia. A distanza di anni l’ho letto due volte e in entrambi i casi ho riempito molte pagine di annotazioni e appunti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
E’ una lettura consigliabile a chi ha già un interesse per questi argomenti. Infatti si tratta di un testo a metà tra il divulgativo e lo specialistico: chiarezza da efficace divulgatore, ma contenuti e approfondimento che richiedono una buona concentrazione da parte del lettore (in pratica si tratta degli atti del convegno esposti in forma di diario dettagliato di ogni giornata). Molti partecipanti (Goleman, Ekman e lo stesso Dalai Lama) hanno pubblicato parecchi libri anche per il largo pubblico e sicuramente chi li ha apprezzati è un potenziale lettore anche di questo volume.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri