Glauco e Lenina Glauco e Lenina

Glauco e Lenina

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Si chiama "lesione totale del tendine distale del bicipite", ma la sintesi è storpio. Glauco, 14 anni, non è che questo. Per i compagni, per i professori, ma soprattutto per suo padre, gerarca fascista della prima ora, che disprezza lui e la sua insana e poco virile passione per le stelle, e sua madre, che gli assomiglia così tanto. La vita non è che paura e fuga per lui, finché non incontra Lina, capelli neri stretti in una coda spettinata, imprevedibile, bellissima. E figlia di socialisti. Grazie a lei, che si fa chiamare Lina ma il cui vero nome è Lenina, in omaggio al leader bolscevico, comincerà a capire che la sua infelicità privata non è che lo specchio di una repressione sociale che impone regole assurde e violente. Insieme si troveranno a vivere un'avventura ingenua e pericolosissima che darà loro la consapevolezza di ciò che vogliono diventare. E un amore tenero, profondo e pieno di speranza.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Glauco e Lenina 2019-04-08 16:37:17 ornella donna
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    08 Aprile, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due novelli Giulietta e Romeo

La “super” coppia collaudata di scrittori, Loredana Frescura e Marco Tomatis, tornano sulla scena letteraria con un nuovo libro, dal titolo: Glauco e Lenina, che ha un sottotitolo che la dice lunga sui contenuti espressi: “Giulietta e Romeo ai tempi del fascismo”. Il libro è particolarmente adatto a ragazzi e ad adolescenti; ma può rivolgersi tranquillamente ad un pubblico adulto.
Racconta, con brio e freschezza, le avventure di una insolita coppia di adolescenti: Glauco e Lenina, appunto. Ambientato nel 1936 in Italia, rispecchia con fedeltà precisa le caratteristiche ambientali del periodo. Siamo in piena epoca fascista, dove Mussolini, almeno all’apparenza, gode di un ampio consenso, anche se non tutti gli italiani vivono in condizioni di ampia agiatezza. Infatti:
“Ma tu hai mai visto come vivono quelli come me e buona parte degli italiani? (…) Avete il gabinetto in casa, l’acqua corrente, la vasca da bagno, i termosifoni, lo scaldabagno. A casa mia, l’acqua non c’è. Non abbiamo un lavandino per lavarci. Se fa freddo abbiamo una stufa che puzza e fa fumo e che comunque scalda solo la cucina. Non che ci siamo molte altre stanze, c’è solo quella in cui dormiamo e che d’inverno resta sempre gelida. Il gabinetto è sul pianerottolo ed è uno sgabuzzino senza finestre con un buco puzzolente che sembra arrivi al centro della terra, rovente d’estate e ghiacciato d’inverno, e per cui, soprattutto, devi spesso fare la coda. Nemmeno al gabinetto possiamo andare in pace.”
Glauco è figlio di un gerarca fascista, e rappresenta un onta disonorevole per il padre, poiché è storpio da un braccio, lui che insegue l’ideale di perfezione fascista. Lenina, invece, è figlia di un socialista, mandato al confino proprio a causa della sua opposizione al regime. Lei ha:
“i capelli scuri raccolti in una coda che le ondeggia sulle spalle, le scarpe con i lacci che scodinzolano come code di gatti in cerca di un posto dove acciambellarsi per riposare.”
Si incontrano per caso alla Stazione Centrale di Milano, e da quel momento iniziano una vita a due ricca di peripezie e di avventure sul filo di lana. Insieme affrontano la dura vita, facendo la conoscenza, spesso casuale, di personaggi affascinanti ed intriganti: quali Guglielmo Marconi, Enzo Ferrari, Tazio Nuvolari e… perfino lo stesso Mussolini, considerato come “una specie di marziano”. Infatti per loro:
“Mussolini non è umano. Secondo me è un marziano. Ha reso obbligatoria quella stupidaggine del saluto fascista. Mi ha obbligato a cambiare nome. Il mio nome. Quello che mi hanno dato i miei genitori. Ci costringe a mettere una divisa che ci fa sembrare cretini. Fa marciare i soldati come delle oche. I maschi devono fare esercitazioni con un moschetto di legno. Mi ha mandato in colonia e con me un sacco di altri bambini. Manda al confino e in carcere la gente che non la pensa come lui, la fa picchiare, la uccide. Fa prendere a schiaffi chi non saluta una stupida bandiera. Quando parla sembra un pazzo. Ti sembrano cose normali per un essere umano?”
Un ottimo libro per un’ottima lettura. Un inno all’amicizia e non solo, descritto con uno stile semplice, ma preciso nei dettagli e nella ricostruzione storica del periodo di cui si tratta. Di gran fascino e di buona sapienza narrativa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le cose che bruciano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il macellaio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Almarina
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La paziente silenziosa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La fine della fine della terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Semplicemente perfetto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Km 123
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Sangue e limonata. Hap e Leonard
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Il gioco degli dèi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il filo infinito. Viaggio alle radici d'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Guardando il sole
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri