Narrativa italiana Libri per ragazzi Trilogia delle ragazze
 

Trilogia delle ragazze Trilogia delle ragazze

Trilogia delle ragazze

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Una manciata di giorni in montagna nel cuore dell'inverno, e la sorpresa di capire che un amore per sbocciare non ha bisogno di troppe parole. Un'estate di ore infinite, sabbia e vento, e una ragazzina che non sa se ha voglia di crescere, o forse ne ha troppa; quell'estate che ogni bambino ricorda quando non è più un bambino. Un anno scolastico in un liceo femminile alla fine degli anni Settanta: le amicizie, quelle vere e quelle no, gli scherzi, le invidie, le risate, la voglia di cambiare se stessi e il mondo intorno. Tornano in libreria due romanzi di Beatrice Masini ormai introvabili, "L'estate gigante" e "Giù la zip", per l'occasione impreziositi da un racconto inedito, I bottoni: tre storie di oggi e di ieri, di ricordi, di timida determinazione e insospettabile spavalderia, tre storie di ragazze che si affacciano alla vita senza sapere che la loro età spinosa e complicata è - sarà - indimenticabile.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Trilogia delle ragazze 2019-09-02 17:49:00 Cathy
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cathy Opinione inserita da Cathy    02 Settembre, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'età sospesa

Una vacanza in montagna con i nonni durante le festività natalizie. Margherita, una ragazza qualunque o forse un po’ speciale per qualcuno che sta per incontrare. Luigi, che passa le vacanze scolastiche aiutando i genitori nell’albergo di famiglia. Una scintilla che scocca, una manciata di giorni irripetibili tra le montagne innevate rubati alla banale quotidianità, qualcosa di ordinario e straordinario al tempo stesso che succede ogni giorno, in ogni parte del mondo, dalla notte dei tempi, e un racconto ammaliante nella sua semplicità, perché il vero miracolo sta solo in questo, «nell’essere lì e allora, invece che altrove. A far succedere quello che sta succedendo».
Il mare. Una spiaggia. Un gruppo che di bambini che si incontrano tutti gli anni per le vacanze. Una tredicenne confusa e fantasiosa alle prese con quella strana fase di incertezze e trasformazioni in cui non si è né carne né pesce e nell’attesa di scoprire cosa la aspetta all’uscita dal limbo tiene un piede in due scarpe, divisa tra i giochi infantili dei bambini della spiaggia, dei quali è il capo e il punto di riferimento assoluto, e i sorrisi al bagnino che le ispira qualcosa di indefinibile e sconosciuto. Un’estate particolare, unica, "gigante", che segnerà un confine dal quale, forse, non si torna indietro.
È il 1978 e le Brigate Rosse rapiscono e uccidono Aldo Moro, ma per il terzo anno di un liceo classico femminile, in un istituto di suore, esiste una sola, martellante preoccupazione: l’orrendo grembiule di un verde improbabile che le studentesse sono costrette a indossare ogni giorno. Come liberarsene una volta per tutte? Mentre l’anno scolastico scorre tra pettegolezzi, compiti in classe, assemblee, piccoli incidenti, moti di ribellione, amicizie più o meno solide che nascono, muoiono, sopravvivono, la classe di Carola, Anna, Lucia, Cecilia e le altre impara cosa sia «la forza e l’allegria, e la voglia di stare insieme, e di difendersi, e di andare all’attacco» come un sol uomo per la libertà, anche solo di indossare la polo in classe. «Tutte cose che non si imparano sui libri, certo. Ma a scuola, in certe scuole, a volte sì».
Uno stile avvolgente come un flusso di coscienza, personaggi semplici, comuni, così umani e vicini a noi che sarà difficile dimenticarli. Tre racconti sospesi tra il profumo dell’infanzia e il mondo degli adulti, delicati, divertenti e ricchi di ironia, perfette incarnazioni di quella cosa unica e misteriosa, magica e irripetibile che è l’adolescenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri