Messaggi da lontano Messaggi da lontano

Messaggi da lontano

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Messaggi da lontano, opera di Mariapia Veladiano edita da Rizzoli. Alice, Pietro, Lorenzo e Sibilla sono soprannominati la Tribù del Coprifuoco perché tutte le sere alle sei, caschi il mondo, devono rientrare a casa. Un giorno nel cortile della vecchia scuola materna abbandonata compare uno strano cartello. A chi è rivolto quell’oscuro messaggio fatto di lettere ritagliate da un giornale? E tutti gli altri, sempre più enigmatici e minacciosi, che spuntano giorno dopo giorno? La voglia di saperne di più è tanta e l’opposizione di genitori e nonni non ferma gli investigatori in erba, decisi a chiarire il mistero: tra piani clandestini, fughe notturne e un doppio colpo di scena finale saranno protagonisti di un’avventura memorabile.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Messaggi da lontano 2014-02-22 12:00:19 Pia Sgarbossa
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pia Sgarbossa Opinione inserita da Pia Sgarbossa    22 Febbraio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' IL MOMENTO DEL PERDONO ...

Si sa che il mistero fa paura ma attira e affascina sempre !
Ecco che allora seguire quest'avventura vissuta da quattro amici e le loro famiglie è davvero piacevole e invogliante.
La frequentazione di un vecchio asilo abbandonato da parte dei ragazzini ( due maschietti quattordicenni e due femminucce più piccole ) porta allo scoprire di strani messaggi : chi li avrà appesi?...a chi sono rivolti?
La storia procede, si evolve e acquista via via più un sapore intrigante e avvincente, diventando sempre più complessa.
Per me è stato come fare un salto nel mio passato, quando la comunicazione avveniva principalmente grazie ai telefoni fissi o grazie a quelli delle cabine pubbliche.
I pomeriggi di tutti noi ragazzi non venivano pianificati da programmi e corsi di sport o altro.
No, l'attività principale di noi ragazzi era potersi ritrovare il pomeriggio dopo i compiti e liberi si giocava spensieratamente a fare per esempio una partita a pallone, visto che i miei compagni vicini di casa erano soprattutto maschietti.
E anche in questo racconto i ragazzini sono liberi di dedicarsi a passioni come la bicicletta o l'esplorazione della natura.
Ho apprezzato tantissimo leggere le dinamiche relazionali delle due famiglie protagoniste.Una composta dai due figli e dai genitori, l'altra dai due ragazzini seguiti dai nonni per la separazione dei genitori.
Bellissimo leggere il rapporto dei due genitori, complementari nel proprio ruolo , ma attenti, premurosi alla crescita dei propri figli, con la capacità di cogliere i messaggi non verbali, le espressioni e le parole non dette...; quel talento di anticipare i desideri e le intenzioni dei figli:quelle capacità che un vero genitore possiede o dovrebbe possedere .
Ecco che seguire lo sviluppo della storia attraverso i timori e le apprensioni dei genitori, diventa un bel modo di riflettere sul ruolo importante e insostituibile dei genitori.
D'effetto la conclusione , davvero inaspettata : un'altra occasione per riflettere su eventuali errori di vita e sulla possibilità in qualche modo di rimediare e perdonare...un messaggio di speranza...quella speranza che dovrebbe essere sempre l'ultima a morire!...almeno si spera... :)
Buona lettura,
Pia

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama: i gialli...l'armonia familiare.
A chi vuol riflettere sulla capacità di perdonare...
Ai ragazzi dagli otto anni...a tutti !
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bambini perfetti
Cosplay girl
Di impossibile non c'è niente
Le domande di Emma
Uno spazio senza tempo
Anomalya
La seconda avventura
Il cinema
La notte delle malombre
Le belve
La bambinaia francese
Trilogia delle ragazze
Casa Lampedusa. Semplicemente eroi
Orzowei
Glauco e Lenina
'45