Narrativa italiana Racconti Aspettando l'alba
 

Aspettando l'alba Aspettando l'alba

Aspettando l'alba

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

I racconti che compongono questo libro hanno una doppia anima: guerra e natura si alternano in un contrappunto che la scrittura di Rigoni sa modulare con verità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Aspettando l'alba 2022-03-12 17:23:19 Tommaso Praloran
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tommaso Praloran Opinione inserita da Tommaso Praloran    12 Marzo, 2022
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il testamento di un grande uomo

Ritorno a scrivere su Qlibri dopo parecchi mesi di assenza (non perché non abbia letto, anzi, ma perchè, molto semplicemente, mi ero dimenticato di inserire nuove opinoni), e lo faccio parlando di questa raccolta di racconti di Mario Rigoni Stern, della quale ho appena terminato la lettura.
Nel libro sono presenti entrambi i grandi temi che caratterizzano l'opera dello scrittore, ossia la guerra e la natura, che a volte convergono sapientemente, altre rimangono separati.
Da grande appassionato dello scrittore di Asiago, posso affermare che questo sia uno dei suoi libri più riusciti. Mi ha tenuto molta compagnia e, a mio parere, queste pagine dense di ricordi costituiscono un grande testamento artistico e, soprattutto, umano (anche se l'ultimo libro di Rigoni Stern è Stagioni, pubblicato nel 2006).
Non riesco a trovare un solo racconto che non mi abbia lasciato qualcosa. Tutti i diciannove che compongono questo libro hanno un'anima profonda, che riflette il grande codice etico e civile di Rigoni Stern, diventato, giustamente, un grande punto di riferimento in questo senso.
Sono una lettura leggera e piacevole, anche quando si concentra su temi molto ostici, come la guerra e la prigionia. Vorrei citare soprattutto il commovente racconto Ritorno nel Lager 1|B, che ci regala alcune delle più belle pagine scritte da Rigoni Stern, e la struggente lettera a Primo Levi, scritta all'indomani della sua morte. Anche le pagine dedicate alla caccia sono memorabili, in particolare le ultime righe di Il cane che vidi piangere.
Insomma, non vorrei dilungarmi troppo, prima di tutto perché non ho sicuramente le capacità per scrivere una recensione adeguata all'opera di un grande scrittore, e poi perché credo che sia molto difficile descrivere a parole quello che un'opera come questa può trasmettere.
Posso solo consigliare di leggerlo, perché non ve ne pentirete.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libri di Rigoni Stern
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Aspettando l'alba 2014-08-23 07:20:35 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    23 Agosto, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La memoria di ciò che è stato

Mario Rigoni Stern non ha mai scritto romanzi frutto di esclusiva fantasia; nei suoi libri non ci sono storie e personaggi inventati, c’è invece sempre lui, capace con una creatività non disancorata dalla realtà di scrivere pagine e pagine affascinanti, benché l’argomento spesso e a prima vista possa apparire banale. Così non si troverà mai una passeggiata sulla neve o un’alba sull’altopiano, bensì si potrà leggere di “quella” passeggiata sulla neve o di “quella” specifica alba sull’altopiano, in quanto entrambe frutto di un’esperienza effettivamente maturata e che l’autore ricrea arricchita dalla sua straordinaria capacità di saper osservare.
Ovviamente ciò si verifica puntualmente anche con i racconti di questa raccolta, che presenta una doppia anima, cioè quella della guerra e quella della natura, che a volte si alternano, mentre altre finiscono con l’incontrarsi, fondendosi in uno scritto che ben in equilibrio le ricomprende.
In ogni caso sembrano tante pietruzze pazientemente raccolte e accostate che vanno ad arricchire, come un mosaico, il mausoleo della memoria edificato con pazienza e con passione da Mario Rigoni Stern.
Ci sono tanti personaggi protagonisti, che a prima vista possono sembrare insignificanti e che invece hanno un peso, nemmeno di poco conto, come Romedio e la sua mula che, durante la ritirata in Russia, portano in salvo decine di feriti. Ma sono anche le piccole cose, spesso da noi volutamente ignorate, che vengono fatte emergere prepotentemente per rivendicare la storia in cui sono entrate, come nel caso della bottiglia di grappa, nascosta nel 1917 in una trincea, e ritrovata solo dopo una trentina di anni. La capacità di osservazione è tale che persino la dura realtà del lager viene smussata da chi sa guardare la natura con animo poetico. Al riguardo il ritorno dopo molti anni dalla fine della guerra nel luogo di detenzione, accompagnato dalla moglie e dal figlio, che prudentemente stanno in disparte, sono fra le pagine più belle. Ora non ci sono più baracche, torrette e reticolati, ma solo campi verdeggianti, in cui Stern, con i pochi riferimenti sopravvissuti, fruga nella memoria per rivedere dove si trovava il suo tavolaccio, o per ripercorrere parte della strada che ogni mattina lo portava al lavoro forzato. Il contrasto fra ciò che c’è ora e ciò che c’era è reso in modo stupendo e sembra di vedere l’autore teso nello sforzo di ricostruire quel suo passato. E poi ci sono gli amici: Nuto Revelli, ma soprattutto Primo Levi, a cui scrive una lettera di sublime bellezza all’indomani della sua tragica scomparsa.
Sì, Mario Rigoni Stern è un grande scrittore, uno dei più grandi del nostro paese, sincero fino all’estremo; con questa raccolta ci consegna il suo testamento di uomo che, nei travagli di una vita massicciamente influenzata dalla guerra, ha saputo trovare una via di fuga dall’orrore e con essa è pervenuto a un senso umano, ma anche mistico, dell’esistenza. In queste pagine che vanno vestendosi di toni crepuscolari c’è tutta la consapevolezza che il tempo sta per finire, ma non ci sono né dolore, né rabbia, anzi c’è una profonda serenità, proprie di chi, soddisfatto del suo lungo cammino che volge al tramonto, sa che la prossima alba sarà la più luminosa e che porterà un’infinita tanto attesa pace.
Imperdibile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista
I racconti del focolare
Col gatto è meglio
Scintille. Storie e incontri che decidono i nostri destini