Narrativa italiana Racconti Il taglio del bosco
 

Il taglio del bosco Il taglio del bosco

Il taglio del bosco

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il taglio del bosco ha come protagonista un uomo ancor giovane, che ha perso da poco la moglie. Silenzioso, serio, riservato, egli cerca conforto nel suo lavoro di boscaiolo. In apparenza, tutto è come prima: gli stessi compagni, la stessa vita nel bosco; ma in realtà per lui niente è come prima: la morte della moglie ha mutato irreparabilmente la sua condizione esistenziale, e la ripetizione quotidiana di gesti e di parole, il succedersi delle ore e delle giornate sono lo specchio della sua vita precedente. Al Taglio del bosco, che è il capolavoro riconosciuto di Cassola, si aggiungono altri due racconti, Baba e I vecchi compagni, legati all'esperienza resistenziale. Ma l'ispirazione "privata"del primo racconto e quella "civile" di questi ultimi due, non sono che aspetti di una stessa poetica: la scoperta di un'umanità inedita, nucleo di valori autentici e schietti, contrapposti idealmente a ogni falsa ed esteriore convenzionalità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il taglio del bosco 2019-03-20 15:00:18 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    20 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Senza emozioni

Sono un tipo cocciuto, nel senso che non mi arrendo al primo ostacolo, e poiché La ragazza di Bube, peraltro gratificato del Premio Strega, non mi è piaciuto, ho voluto leggere qualche cosa d’altro di Cassola, per l’occasione cercando un’opera meno impegnativa di un romanzo e la mia scelta è caduta su questa raccolta di racconti, di cui diversi amici e conoscenti mi avevano parlato bene. L’aver preferito questa soluzione non è casuale, un po’ per la sua relativa brevità (227 pagine), un po’ perché mi sono detto che su tre racconti (tanti ne conta il libro) secondo un calcolo probabilistico ameno uno avrebbe dovuto piacermi. Purtroppo non è stato così perché, pur apprezzando l’italiano corretto con cui sono scritti e anche la diligenza di narrare di Gugliemo, rimasto vedovo e che ha preso da tagliare un bosco, oppure di Rosa, ormai definitivamente nubile e tutto sommato contenta, o ancora di più delle due cugine Anna e Anita nel fiore degli anni e con i tipici desideri dell’età, arrivato all’ultima pagina ho potuto constatare che non mi avevano suscitato emozioni; infatti, anche se i protagonisti sono individui normalissimi, sarebbe stato necessario dar loro una certa impronta, ponendoli magari in situazioni non comuni, onde differenziarli dalla massa anonima costituita dall’umanità.
I protagonisti poi sono talmente poco interessanti da non lasciare traccia nel mio animo, perché mi ricordano anche, con trame diverse, troppe persone che ho conosciuto nel corso della mia vita; è il trionfo dell’anonimato e non dell’umiltà, proprio perché l’umile ha caratteristiche, sovente positive, che alla lunga lo differenziano dagli altri.
Chi ama Cassola avrà senz’altro da ridire, ma francamente adesso posso affermare che è un autore che non rientra nei miei gusti, senza disprezzarlo, perché la stroncatura è altra cosa, ma anche senza stimarlo, con un giudizio che non va più in là del discreto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il taglio del bosco 2019-01-21 21:26:28 siti
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
siti Opinione inserita da siti    21 Gennaio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Amore e Resistenza

Si tratta di una raccolta comprendente tre racconti lunghi, il cui più noto “Il taglio del bosco” fornisce anche il titolo alla stessa; gli altri sono “Baba” e “I vecchi compagni”. L’ambientazione è quella più confacente alla biografia dell’autore catalizzata dal Volterrano, terra d’origine della madre e molto frequentata anche dal padre. È un angolo di Toscana: fatica, miseria, natura ma è anche il bosco come fonte di reddito per i boscaioli e per i carbonai o come sicuro rifugio alla macchia per i partigiani. È terra lacerata da contrasti forti, da prese di potere, da convenienti associazioni: fascista o comunista, all’occorrenza per alcuni, convinti partigiani e compagni e null’altro per una cerchia di amici, ristretta, sparuta, assediata. Il racconto più noto è contenuto al centro della raccolta dai due a tematica simile, parlano di resistenza, rappresentante l’ultimo , “I vecchi compagni” il proseguimento del primo, il suo naturale sviluppo; mentre in “Baba” è rappresentata l’incertezza dell’intellettuale che non riesce ad aderire agli ideali marxisti, ne “I vecchi compagni” si rappresenta la difficile convivenza con un paese votato al fascismo e che cerca faticosamente un compromesso in seguito alla disfatta del regime e allo sbando conseguente alla Liberazione e all’immediato dopoguerra. “Il taglio del bosco” è nel mezzo un delicato ritratto umano di un giovane vedovo incapace di sperare in un futuro piegato com’è dal suo profondo dolore. Prosa scarna e asciutta, capace con poche parole di rendere vivo il dolore del vivere, dell’essere amato, di amare, di lottare per i propri ideali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La ragazza di Bube
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri