Narrativa italiana Racconti La signora Sandokan
 

La signora Sandokan La signora Sandokan

La signora Sandokan

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nel 1911, nel Regio Manicomio di Torino, reparto indigenti, un’ospite illustre, Ida Peruzzi Salgari, la moglie del creatore di Sandokan, apprende che suo marito si è inflitta una morte orrenda a colpi di rasoio. Tra delirio e lampi di lucidità, ricorda la propria vita al fianco di Emilio, il trasloco da Verona a Torino, la giovinezza spavalda, il lavoro romanzesco che, per quanto frenetico, non è mai stato in grado di sollevare la famiglia dalla povertà. Fantasiosa e ferita, innamorata e rabbiosa, racconta, si esalta, si dispera, consapevole di dover sopravvivere inutilmente al suo capitano. La signora Sandokan è uno dei quattro racconti che compongono questo libro apparso per la prima volta nel 2004 col titolo L’ultimo nastro di Beckett. Gli altri personaggi che lo occupano si chiamano Carlo Emilio Gadda, Sibilla Aleramo e Samuel Beckett. Tra verità e finzione, i quattro protagonisti escono dal buio e si offrono in presa diretta. Ciascuno con il proprio linguaggio, si riprendono la vita e la trasferiscono su alcuni momenti irrepetibili della storia di noi tutti: Torino, Roma, Firenze, Parigi, e la letteratura, il teatro, la guerra, gli amori mai pienamente goduti e a volte colpevolmente subiti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La signora Sandokan 2017-11-23 08:17:46 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    23 Novembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'importanza delle parole in quattro letterati

Un perfetto costruttore di personaggi, in quattro drammatici monologhi, tra verosimiglianza ed immedesimazione, indossa le vesti di Carlo Emilio Gadda, Sibilla Aleramo, Ida Peruzzi Salgari, Samuel Beckett. Questo è La signora Sandokan di Osvaldo Guerrieri.
I personaggi si offrono in presa diretta, si riprendono la vita e la trasferiscono su momenti irrepetibili della storia di tutti noi, tra letteratura, teatro, amore e gelosia, egoismo e solitudine. Un’operazione letteraria brillante che ridà voce, carne e sangue ad esistenze divenute leggendarie. L’incontro di un giornalista romano con Carlo Emilio Gadda è godibilissimo: ombroso, legnoso e molto formale, Gadda non usciva mai dall’eremo delle sue parole inaspettate, dal mitragliamento parodistico-onomatopeico dentro cui si affollano il dialetto degli spezzini, il disincanto dei funzionari siculo-partenopei.
Una scrittura luminosa, teatrale, appassionata, ripercorre i momenti di Ida Peruzzi Salgari, che, rinchiusa nel Regio Manicomio di Torino, reparto indigenti, apprende che suo marito, il creatore di Sandokan, si è inferto una morte orrenda a colpi di rasoio. Tra sprazzi di lucidità e delirio, Ida ricorda la vita col marito Emilio e “nella reggia dei matti” rivive l’infame destino che l’ha strappata via da tutto, dai figli e dal marito stesso. Ida dice di aver perduto l’anima di donna e il suo corpo, non sopporta neppure più la luce che
“brilla, brucia, infetta, squarta”.
Sibilla Aleramo mentre attende l’amante Franco Metacottaa, ricorda il suo amore per Dino Campana: le fughe da un rapporto morboso, gli allontanamenti, e il bisogno di ritrovarlo e di amarlo. Un amore aspro dagli amplessi furiosi che rivive nella tenerezza del ricordo.
“Il tempo con noi si spalancava in un soffio di eternità, un’eternità smisurata.”.
E, ancora, nell’ultima casa di Samuel Beckett, una ragazza, incaricata di riordinare e di portar via gli oggetti del drammaturgo, trova un nastro bobinato con la voce dello scrittore che in una specie di confessione racconta i pensieri fragili e le sensazioni corporee che lo stanno attraversando fino a rievocare i tempi felici della gioventù e la relazione con Peggy Guggenheim.
Voci narranti diverse, ma simili per impeto, tragicità e volontà di esprimersi, oscillano tra narrativa e teatro, cronaca e finzione, riportando a galla ciò che i personaggi hanno provato sulla propria pelle. Tra passato e presente, un flusso di parole illumina esistenze dolenti, perché:
“Le parole sono l’unico gesto vero che la vita ci permette di compiere.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama i libri di Osvaldo Guerrieri, quali ad esempio: Curzio, Schiava, e I Torinesi.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista
I racconti del focolare
Col gatto è meglio
Scintille. Storie e incontri che decidono i nostri destini