Dettagli Recensione

 
La signora Sandokan
 
La signora Sandokan 2017-11-23 08:17:46 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    23 Novembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'importanza delle parole in quattro letterati

Un perfetto costruttore di personaggi, in quattro drammatici monologhi, tra verosimiglianza ed immedesimazione, indossa le vesti di Carlo Emilio Gadda, Sibilla Aleramo, Ida Peruzzi Salgari, Samuel Beckett. Questo è La signora Sandokan di Osvaldo Guerrieri.
I personaggi si offrono in presa diretta, si riprendono la vita e la trasferiscono su momenti irrepetibili della storia di tutti noi, tra letteratura, teatro, amore e gelosia, egoismo e solitudine. Un’operazione letteraria brillante che ridà voce, carne e sangue ad esistenze divenute leggendarie. L’incontro di un giornalista romano con Carlo Emilio Gadda è godibilissimo: ombroso, legnoso e molto formale, Gadda non usciva mai dall’eremo delle sue parole inaspettate, dal mitragliamento parodistico-onomatopeico dentro cui si affollano il dialetto degli spezzini, il disincanto dei funzionari siculo-partenopei.
Una scrittura luminosa, teatrale, appassionata, ripercorre i momenti di Ida Peruzzi Salgari, che, rinchiusa nel Regio Manicomio di Torino, reparto indigenti, apprende che suo marito, il creatore di Sandokan, si è inferto una morte orrenda a colpi di rasoio. Tra sprazzi di lucidità e delirio, Ida ricorda la vita col marito Emilio e “nella reggia dei matti” rivive l’infame destino che l’ha strappata via da tutto, dai figli e dal marito stesso. Ida dice di aver perduto l’anima di donna e il suo corpo, non sopporta neppure più la luce che
“brilla, brucia, infetta, squarta”.
Sibilla Aleramo mentre attende l’amante Franco Metacottaa, ricorda il suo amore per Dino Campana: le fughe da un rapporto morboso, gli allontanamenti, e il bisogno di ritrovarlo e di amarlo. Un amore aspro dagli amplessi furiosi che rivive nella tenerezza del ricordo.
“Il tempo con noi si spalancava in un soffio di eternità, un’eternità smisurata.”.
E, ancora, nell’ultima casa di Samuel Beckett, una ragazza, incaricata di riordinare e di portar via gli oggetti del drammaturgo, trova un nastro bobinato con la voce dello scrittore che in una specie di confessione racconta i pensieri fragili e le sensazioni corporee che lo stanno attraversando fino a rievocare i tempi felici della gioventù e la relazione con Peggy Guggenheim.
Voci narranti diverse, ma simili per impeto, tragicità e volontà di esprimersi, oscillano tra narrativa e teatro, cronaca e finzione, riportando a galla ciò che i personaggi hanno provato sulla propria pelle. Tra passato e presente, un flusso di parole illumina esistenze dolenti, perché:
“Le parole sono l’unico gesto vero che la vita ci permette di compiere.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama i libri di Osvaldo Guerrieri, quali ad esempio: Curzio, Schiava, e I Torinesi.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Avere tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Fairy Tale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Spizzichi e bocconi
La coscienza di Montalbano
Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
A grandezza naturale
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista