Narrativa italiana Racconti Passeggeri notturni
 

Passeggeri notturni Passeggeri notturni

Passeggeri notturni

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Trentatre racconti, tre pagine ciascuno. Trentatre storie che si conficcano nel bersaglio, una dopo l'altra, precise come frecce. Una strabiliante rassegna di personaggi che, in poche righe, emergono di volta in volta buffi, drammatici, inquietanti, eroici, e sempre veri. Personaggi cui affezionarsi, personaggi da detestare, personaggi in cui scorgere, a tratti, la propria immagine riflessa. Gianrico Carofiglio racconta i dettagli a margine, gli impercettibili scostamenti dai percorsi tracciati, un mondo sempre in bilico fra comicità e inquietudine, fra oscurità e improvvisi, emozionanti squarci di luce.

Recensione della Redazione QLibri

 
Passeggeri notturni 2016-03-23 20:25:18 Fr@
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fr@ Opinione inserita da Fr@    23 Marzo, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

33 pillole di realtà.

“Passeggeri notturni” è un libro davvero particolare.
Il testo è stato presentato come una raccolta di 33 racconti (ciascuno di sole tre pagine) in cui l'autore affronta temi diversi con stili diversi, utilizzando con sapienza dosi di ironia o di serietà, a seconda delle necessità.

Tuttavia “Passeggeri notturni” mi è sembrato qualcosa di più di una semplice raccolta di racconti.
Data la brevità del testo, i racconti possono essere “divorati” anche solo in un'ora.
La prima lettura potrà essere veloce ma è con la seconda (o con la terza o la quarta...) che si apprezzano davvero i singoli racconti che Carofiglio ci offre.
Consiglierei di leggere un racconto per volta, quasi come se ogni racconto fosse una pillola giornaliera da assumere, magari prima di andare a dormire.

Questi 33 racconti immortalano come fotografie momenti di quotidianità, temi delicati, situazioni particolari o divertenti.
Ci saranno sicuramente racconti che verranno maggiormente apprezzati rispetto ad altri; tuttavia, nonostante conclusa la prima lettura ne ritenessi alcuni addirittura non adatti alla raccolta nella sua “globalità”, con le successive letture, più lente e ragionate, mi sono dovuta ricredere.
Un filo invisibile collega ogni racconto di “Passeggeri notturni” che risulta così essere un ottimo punto di partenza per riflettere su noi stessi, sugli altri, sulla realtà e sulla vita.

Non penso che per presentare un così particolare testo sia necessaria una lunga recensione.
La lettura di questi racconti è un'esperienza estremamente personale: ognuno avrà le proprie reazioni, i propri pensieri, le proprie opinioni. Potranno far sorridere, far arrabbiare e, perché no, anche far piangere.
Quindi, che dire se non: “Buona lettura?” :)

“Un monaco incontrò un giorno un maestro zen e, volendo metterlo in imbarazzo, gli domandò:
- Senza parole e senza silenzio, sai dirmi che cos'è la realtà? - Il maestro gli diede un pugno in faccia”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto altri romanzi di questo autore (secondo alcuni, temi affrontati in questi racconti sono già stati argomento di precedenti testi di Carofiglio).
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
3.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Passeggeri notturni 2019-02-21 09:00:43 Antonella76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    21 Febbraio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piccoli frammenti...



Sembrerebbero dei racconti, ma non lo sono.
Si tratta di piccoli frammenti di situazioni vissute, annotazioni, immagini che passano veloci, riflessioni, ricordi, sogni...
Brevissime considerazioni a volte nostalgiche, a volte ironiche e sarcastiche, a volte oniriche, a volte cupe.
Sempre argute.
Piacevoli e scritte bene, con la semplicità e l'eleganza che lo contraddistingue.
Sono come delle pilloline (di tre pagine l'una)...così piccole che vanno giù anche senz'acqua.
Perdibili?...per qualcuno forse sí, ma non per me. 
Per me Carofiglio vale sempre la pena, anche in questo formato "piccoli pensieri in libertà".





Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Passeggeri notturni 2018-01-14 22:19:41 mariaangela
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    15 Gennaio, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Assolutamente si mi rende alquanto nervoso."

Sono nuovamente in viaggio con Gianrico Carofiglio. Viaggio in me stessa. Mi rilasso, mi conosco e mi riconosco, a volte rido, altre piango. Emozione. Commozione. Evocazione.
Memoria olfattiva …. le pagine del sussidiario. Si, funziona davvero.

Catturare l’attenzione in trenta racconti brevissimi, ciascuno due o tre pagine. Catturata.
Sono così realistici che mi chiedo se in ognuno non ci sia un pizzico di vita dell’autore.

“Andiamo in biblioteca ci serve un’arma.” Beh … sorrido compiaciuta, perché ho sempre pensato che in sala lettura avrei trovato leali alleati per difendermi dalle cattiverie della vita. Ma i due ragazzini riescono a sorprendermi … e a darmi un utile suggerimento!!!

Con “Articolo 29” riconosco lo scrittore che diventa messaggero di lezioni di civiltà. Grazie.

Racconti che sanno di oscuro e di dolcezza...
“Ehi ci sei?
Dov’eri?
Su un treno, tanti anni fa.”

“Le parole spesso servono a nascondere quello che pensiamo, invece di rivelarlo. Mentire con l’espressione del volto è più difficile. … indispensabile saper leggere i volti al di là delle parole.
Gli avverbi sono oggetti pericolosi, bisogna badarci, sia quando parlano gli altri, sia quando parliamo noi stessi. Le menzogne peggiori si nascondono dietro gli avverbi. E sai qual è l’avverbio più pericoloso di tutti? Assolutamente.
Assolutamente si è un’espressione che mi rende alquanto nervoso.”

Ciò che io banalmente chiamo mancanza di umiltà ed eccesso di autostima non sapevo fosse detto “self-serving bias”. Il concetto della moderna psicologia sociale che si riferisce alla tendenza a prenderci il merito dei nostri successi e ad attribuire ad altri - il prossimo, la società, la sfortuna, -la responsabilità dei nostri fallimenti. Sopravvalutare le nostre qualità e sminuire i nostri difetti e i nostri limiti.
“Bill Gates ha detto che il modo migliore per raggiungere il successo è raddoppiare il numero dei nostri fallimenti; Goethe che gli errori dell’uomo sono ciò che in realtà lo rendono amabile.”
Michael Jordan è stato più specifico, più dettagliato: “Nella mia carriera ho sbagliato più di 9000 tiri. Ho perso 300 partite. Per 36 volte i miei compagni si sono affidati a me per il canestro decisivo e io l’ho sbagliato. Ho fallito tante e tante volte nella mia vita. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto.”
Chi fallisce ha sempre vinto.

Saper cogliere e sottolineare la bellezza di ogni situazione, anche la più banale, che i più ed io per prima, per superficialità, non riescono a cogliere. Questo, insieme alla straordinaria capacità di racconto me lo fa apprezzare ogni volta come se fosse la prima.
Non smette mai di stupirmi. Quando voglio rilassarmi e sentirmi in compagnia di “amici” in libreria c’è sempre un suo scritto ad attendermi. A volte l’ho riletto volentieri e non mi ha mai delusa o annoiata.
E’ sempre una piacevole riscoperta.

“Com’era quella frase? Aiutami a ricordarla.
La morte non è niente. Io sono solo andato nella stanza accanto.”

Buone prossime letture.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Passeggeri notturni 2017-01-26 08:18:29 Mian88
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    26 Gennaio, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Passeggiate riflessive..

Con questa raccolta di trenta racconti di tre pagine ciascuno, Gianrico Carofiglio si cimenta in una delle più ardue imprese: riuscire a far riflettere il lettore su una molteplicità di temi con poche e semplici battute.
La forza di questo testo è infatti la sinteticità. L’autore riesce a far convergere l’attenzione su circostanze tra loro estremamente varie, circostanze che vanno dalle assurdità legali, alle ideologie politiche, al disagio sociale, alla filosofia morale, all’amicizia, ai legami familiari, alla perdita, alla capacità di leggere tra le parole dell’interlocutore di turno, e molto altro ancora, attraverso uno stile pulito, diretto, ironico, sarcastico.
L’approccio all’opera è in crescendo. Ab initio, scorrendo le prime pagine, viene spontaneo – soprattutto a chi già conosce la capacità dell’ex magistrato – chiedersi ove lo scrittore voglia andare a parare con questa serie di brevi storie quasi elencate con precisione matematica, poi però, un passo alla volta, il suo intento si manifesta con chiarezza e cristallinità. Da detto assunto deriva anche il naturale collegamento tra le une e le altre; vicende unite tra loro da un filo invisibile semplicemente indistruttibile.
Non forse il miglior Carofiglio, ma certamente una lettura intima da affrontare e vivere attraverso la propria personale esperienza e la propria e personale sensibilità.

«”Chesteron diceva che le fiabe non servono a spiegare ai bambini che i draghi non esistono. Questo i bambini lo sanno già”.
“E a che servono? – mi ha chiesto lei”
“Le fiabe servono a spiegare ai bambini che i draghi possono essere sconfitti» p. 10

«Il vero viaggio di scoperta non è cercare posti nuovi ma avere occhi nuovi» p. 49

«La morte non è niente. Io sono solo andato nella stanza accanto.» p. 94

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
si = a chi cerca un testo breve ma non per questo superfluo;
no= a chi ama il Carofiglio classico e non quello "della sperimentazione"
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri