Narrativa italiana Racconti Se mai un giorno
 

Se mai un giorno Se mai un giorno

Se mai un giorno

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Un uomo alle prese con i dentisti, un altro con i mutui bancari, entrambi esasperati e alla fine beffati. Un inquietante vicino di casa. Una imprevedibile trappola per ubriachi. L'intensa lettera alla figlia di un padre che ha speso la vita nei Servizi Segreti. Una bambina vittima di un padre orco. Due ragazzi che si avventurano di notte nei segreti di una biblioteca. Il lato buio di una vita normale... E tanti uomini e donne ancora, di questo e dell'altro mondo, tutti abitanti di un pianeta popolato di personaggi affascinanti, comici, drammatici, misteriosi, violenti o dolorosamente inermi, tutti a loro modo ribelli. Storie e destini che chiedono di essere ascoltati.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0  (2)
Contenuto 
 
2.0  (2)
Piacevolezza 
 
1.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Se mai un giorno 2018-11-27 15:23:30 ornella donna
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    27 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Marco Vichi narratore

Marco Vichi pubblica una raccolta di racconti con la casa editrice Guanda, intitolata Se mai un giorno.
Prometto che non sono un’amante né una estimatrice della formula “racconti”, ma devo dire che l’autore in questo caso merita comunque un plauso. Una vastità di storie e di argomenti, che si intrecciano e si confondono con abile maestria letteraria.
La raccolta è divisa in due parti: nella prima sono storie brevi, scritte con una prosa fresca e diretta, che mira all’essenziale; la seconda sono vicende ambientate in Bangladesh e sono riferite dall’autore direttamente dalla voce di chi le ha vissute. L’oggetto di studio sono il male e le perversioni di un’intera società che soggioga facilmente chi non può o non riesce a ribellarsi.
L’autore, certamente, conferiste una forza particolare al racconto breve. Resta, come sempre, irriverente, ironico, una fotografia precisa sul reale nel suo narrare. Tuttavia non mi ha convinto del tutto. Un po’ pesante. Preferisco il Vichi giallista, senza nulla togliere, però, al narratore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Se mai un giorno 2018-11-03 21:49:47 Pelizzari
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    03 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Umanità varia

Non sono abituata a leggere questo autore sotto forma di racconti. E’ la prima volta che lo conosco sotto questa veste e lo preferivo comunque come voce del commissario Bordelli. Le storie racchiuse in questa raccolta ci raccontano un’umanità varia, a volte impossibile, dal vicino di casa inquietante ai festival letterari, dall’incanto dei libri in una biblioteca a sparizioni improvvise. Una sezione è denominata microracconti e racchiude due piccole perle: “Messaggi” e “Musica”, mentre un’altra è dedicata ai racconti ispirati al Bangladesh, con tanto di nota dell’autore introduttiva. Fra tutti quelli presentati, il racconto per me meglio scritto è stato “Eppur si vive”, mentre quello più terribile e assurdo, dal punto di vista del contenuto, per me è stato “Il macellaio”, in cui un uomo si rivela un vero e proprio orco nei confronti di suo figlio Attila.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri