Narrativa italiana Romanzi storici Cristo si è fermato ad Eboli
 

Cristo si è fermato ad Eboli Cristo si è fermato ad Eboli

Cristo si è fermato ad Eboli

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Cristo si è fermato a Eboli è il resoconto del confino di Carlo Levi in Lucania durante il regime fascista, ed è riconosciuto come uno tra i romanzi più importanti della letteratura europea. Il viaggio verso sud e la permanenza nel piccolo paese di Gagliano permetteranno all'autore di conoscere luoghi e persone, usi e costumi, a lui fino ad allora sconosciuti. E in questo mondo contadino, così lontano da ogni possibile immaginazione e così vicino proprio perché reale e tangibile, Levi troverà un'umanità diversa, forte e affascinante. Il podestà Magalone e Donna Caterina, Sanaporcelle e il fido cane Barone, che lo accompagna ogni giorno nella sua passeggiata fino al cimitero. Il lento scorrere dei giorni in questa provincia meridionale degli anni Trenta è affollato di personaggi e vicende che l'autore descrive con toccante realismo in un racconto meditativo che lascia - ancora oggi - senza fiato.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 8

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.9  (8)
Contenuto 
 
4.9  (8)
Piacevolezza 
 
4.6  (8)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cristo si è fermato ad Eboli 2019-09-09 13:07:20 siti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    09 Settembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Anche gli dei dimoravano in alto...

L’opera nacque materialmente da un atto di scrittura che si colloca fra il Natale del 1943 e la fine di luglio del ’44 quando l’autore viveva clandestino a Firenze , nel momento più drammatico della guerra, e sentiva più accesa la comunanza emotiva con l’esperienza del confino in Lucania che lo aveva costretto a isolamento e presunta solitudine fra il 1935 e il 1936. Lo scritto in realtà si colloca nel solco delle esperienze precedenti dello scrittore: la nascita da famiglia borghese ebrea, i natali torinesi, la laurea in medicina, l’esordio artistico in qualità di pittore, la militanza politica antifascista convogliata poi nel movimento “Giustizia e libertà” ma già bisogno impellente fra i banchi del liceo e per finire l’esperienza reiterata del carcere. Apparve dopo la Liberazione , nel 1945, ma fu preceduto nel ’39 dallo scritto “Paura della libertà”, l’opera più importante dello scrittore, custode del suo pensiero, pubblicata solo nel ’46 e fortemente osteggiata dalla cultura militante dell’epoca. Fu preceduta anche dalla espressione pittorica rintracciabile nei numerosi quadri che Levi dipinse in Lucania, primo fermo immagine delle forti impressioni che la realtà contadina, a lui fino ad allora sconosciuta, impresse nel suo universo culturale da principio attraverso gli occhi per andare a depositarsi poi nel cuore, residenza eletta dell’universo emotivo. Il libro che scrisse nacque dunque da questo substrato, dall’esperienza diretta, dalla necessità di dare voce a una realtà prima che dimenticata, sconosciuta. La Lucania, una terra estranea e straniera in patria, sentita da principio dall’autore come lontana e incomprensibile quanto inaccessibili gli risultano i due paesi nei quali è costretto a dimora: Stigliano e Gagliano (Aliano, in realtà). Una terra ostile che si arrocca raggiungendo picchi dimenticati da Dio dove l’uomo vive in misere case circondate da calanchi. Un paesaggio aspro, suggestivo e variegato come l’umanità che lo popola. Una terra che lo accoglie e che lui impara a conoscere, apprezzare e amare.
È un’opera ibrida, né romanzo, né saggio, né memoriale; parte certo dal racconto di un’esperienza personale ma si colloca fra poesia, documento, saggio etnografico, racconto, pamphlet politico. La posizione di Levi è ben chiara: questo mondo arcaico e ancestrale è stato capace di preservare “il senso umano di un comune destino” perché si fonda su una “fraternità passiva”, su un “patire insieme”, su una “secolare pazienza”, l’immergersi in esso determina arricchimento umano e ulteriore allontanamento dalla barbarie del presente. Da leggere in ogni epoca.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Silone, Fontamara
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Cristo si è fermato ad Eboli 2018-09-08 13:16:11 Chiara77
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    08 Settembre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ai confini del mondo

Carlo Levi iniziò a scrivere “Cristo si è fermato a Eboli” il giorno di Natale del 1943, a Firenze. Erano passati già alcuni anni da quando l'autore aveva vissuto l'esperienza che si stava accingendo a mettere per iscritto. Non siamo di fronte ad un romanzo ma ad un memoriale, in cui Levi ricorda dei fatti reali accaduti a lui stesso e descrive, con uno stile notevole, ambienti, persone e società di un paesino della Lucania degli anni Trenta del Novecento.
Carlo Levi infatti, nato a Torino nel 1902, era un fervente oppositore del fascismo e fu condannato al confino in Basilicata, dove rimase negli anni 1935 e 1936. “Cristo si è fermato a Eboli” è il racconto di questo periodo trascorso in un luogo che all'autore sembrò lontanissimo dalla realtà sociale, culturale ed antropologica in cui era vissuto fino a quel momento. Iniziò la sua avventura rimanendo qualche settimana nel paese di Grassano, da cui fu poi allontanato e spedito nel più remoto e, se possibile, povero, Gagliano. (In realtà il nome esatto del paese è Aliano, ma nel testo di Levi si trova scritto, secondo la pronuncia locale, Gagliano). Carlo Levi era laureato in medicina ma non aveva mai esercitato la professione di medico, era invece un pittore e sicuramente era un intellettuale. Fu accolto in modo caloroso dai contadini di quelle terre che si resero subito conto che lui, pur avendo poca esperienza in campo medico, era comunque molto più informato, colto, attivo e in grado di curare rispetto ai “medicaciucci” inetti, incompetenti e parassiti che spadroneggiavano nel paese.
Il nostro autore, come un atipico ma ottimo studioso di antropologia culturale ci fa conoscere quel luogo lontanissimo dalla storia, dalla civiltà, dalla speranza, dal progresso e dalla libertà. La sua è un'analisi lucida delle cause che avevano provocato in quella parte d'Italia tanta povertà ed arretratezza e non mancano delle riflessioni su un possibile miglioramento di tali condizioni. L'opera non si limita però ad essere soltanto una razionale trattazione della “questione meridionale”, Carlo Levi sa descrivere in modo magistrale luoghi, persone, usanze, modi di fare, superstizioni e credenze, tanto che al lettore sembra quasi di essere ancora là, in quel mondo lontanissimo, quasi mitico, primitivo, duro e difficile ma in fondo anche affascinante perché in un certo senso magico.
Perché leggere o rileggere oggi “Cristo si è fermato a Eboli”? Alla fine non possiamo negare che la situazione descritta da Levi sia completamente cambiata, per fortuna. E' impressionante la descrizione fatta dalla sorella di Levi di Matera:

“ Io guardavo passando, e vedevo l'interno delle grotte, che non prendono altra luce e aria se non dalla porta. Alcune non hanno neppure quella: si entra dall'alto, attraverso botole e scalette. Dentro quei buchi neri, dalle pareti di terra, vedevo i letti, le misere suppellettili, i cenci stesi. Sul pavimento stavano sdraiati i cani, le pecore, le capre, i maiali. Ogni famiglia ha, in genere, una sola di quelle grotte per tutta abitazione e ci dormono tutti insieme, uomini, donne, bambini e bestie. Così vivono ventimila persone. Di bambini ce n'era un'infinità. In quel caldo, in mezzo alle mosche, nella polvere, spuntavano da tutte le parti, nudi del tutto o coperti di stracci. Io non ho mai visto una tale immagine di miseria: eppure sono abituata, è il mio mestiere, a vedere ogni giorno diecine di bambini poveri, malati e maltenuti. Ma uno spettacolo come quello di ieri non l'avevo mai neppure immaginato. [...]”

Chi potrebbe riconoscervi la splendida cittadina che sarà capitale europea della cultura nel 2019?
Eppure questo testo può ancora dirci molto, sullo sfruttamento, che purtroppo non è certo scomparso, sul desiderio di libertà, sulla necessità di essere una buona comunità in cui tutti gli uomini siano veramente considerati esseri umani.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cristo si è fermato ad Eboli 2016-02-01 17:13:05 Belmi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    01 Febbraio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il Sud raccontato da uno del Nord.

”- Noi non siamo cristiani, - essi dicono, - Cristo si è fermato a Eboli -…Le stagioni scorrono sulla fatica contadina, oggi come tremila anni prima di Cristo: nessun messaggio umano o divino si è rivolto a questa povertà refrattaria”.

Così comincia il romanzo che Carlo Levi scrisse sulla sua esperienza da confinato. Durante il periodo fascista fu spedito in un piccolo paesino della Lucania. Lui, pittore, scrittore e medico, dalla sua Torino, si ritrovò prima a Grassano e poi nell’ancora più sperduto paesino di Gagliano. Un paese in cui gli abitanti si raccontano così: "C'è la grandine, le frane, la siccità, la malaria, e c'è lo Stato. Sono dei mali inevitabili, ci sono sempre stati e ci saranno per sempre. Ci fanno ammazzare le capre, ci portano via i mobili di casa, e adesso ci manderanno a fare la guerra."

Un luogo in cui la vita segue le tradizioni, tradizioni che non permettono a una donna di andare da sola in casa di un uomo e che per la morte dei cari gli fa portare il lutto per anni; tradizioni che vedono lo spazio di un letto diviso in tre strati ("per terra le bestie, sul letto gli uomini, e nell'aria i lattanti") e che oltre alle streghe crede anche che un ritratto sottragga qualcosa alla persona ritratta.

Carlo Levi ci porta in Lucania, un territorio per me molto importante perché le mie origini paterne vengono proprio da li. Levi ci fa conoscere gli usi e la cultura del mondo contadino. Con le sue musiche, le sue fissazioni, i suoi pettegolezzi e l'amore per i propri cari e l'odio per i nemici, l'emigrazione verso l'America e le sensazioni che la guerra porta.

Uno spaccato di vita contadina che ci fa anche male per l'arretratezza e le manchevolezze che ci sono state "Finché gli affari del nostro paese, la nostra vita e la nostra morte, saranno in mano a quelli di Roma, saremo dunque sempre come bestie".

Un romanzo vero, vissuto e soprattutto lento, come la lentezza dello scorrere del tempo per il nostro protagonista.

Un libro che consiglio e che non lascia indifferenti e che ci fa conoscere uno stile di vita molto diverso dal nostro ma anche di quello di molte persone del 1935. Il Sud raccontato e vissuto da uno del Nord.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cristo si è fermato ad Eboli 2013-07-12 10:38:59 Pelizzari
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    12 Luglio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un mondo immobile

Questo romanzo autobiografico è riconosciuto come uno tra i romanzi più importanti della letteratura europea. Offre uno spaccato del mondo contadino del Sud negli anni Trenta, descritto con toccante realismo e con una lentezza, tipica del Sud, che permette di meditare in modo attento e che è profondamente riflessiva. Quello descritto è un mondo immobile, arretrato, ma anche estremamente vivo e caratteristico. Ogni descrizione è un capolavoro e più ancora i ritratti delle persone e il retrogusto che queste pagine lasciano, nel tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cristo si è fermato ad Eboli 2013-01-23 14:29:25 antares8710
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
antares8710 Opinione inserita da antares8710    23 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un mondo fuori dal tempo e dalla Storia

Non è facile scrivere una recensione su questo libro. Non lo è mai quando ci si trova davanti a un capolavoro della letteratura del Novecento. Qualsiasi cosa si scriva, potrebbe sembrare inutile o inefficace. Questo capolavoro di Carlo Levi suscitò un vivace dibattito nell'Italia di quell'epoca e ancora adesso è uno dei libri più discussi e commentati nelle scuole italiane.
Una volta venivano chiamati dai professori "romanzi di formazione", quelle letture obbligatorie, che dovevano far parte necessariamente del bagaglio culturale di ognuno di noi. Io penso che quella definizione sia più che pertinente per questo libro.

Si può vedere questo libro come un romanzo di impronta memorialistica, come un diario personale, come un saggio di inchiesta, come uno dei tanti romanzi di critica che la letteratura meridionalista ci ha regalati. Oppure può essere visto come uno studio dei costumi, dei luoghi e dei paesaggi della Lucania più sperduta e isolata. In realtà Cristo si è fermato ad Eboli, è ognuno di queste cose.

Levi in questo racconto ripercorre la sua condanna al confino a causa delle sue convinzioni antifasciste, a Gugliano, un piccolo paese della Lucania. Appena arrivato, il protagonista viene preso dallo sconforto e da un senso di morte che la vita oziosa e monotona del paese sembra suggerirgli. Si avverte subito, fin dalle prime pagine, il contrasto tra il protagonista da una parte, medico settentrionale, colto ed evoluto, e dall'altra parte l'ignoranza, le superstizioni e la grettezza che non riguardano solo i poveri contadini ma anche le "autorità" del paese (sindaco, segretario comunale, farmacista). E' bravissimo Levi nel far capire a pieno la distanza e l'alterità che c'è tra questi due mondi, destinati a non comunicare. Particolare importanza lo scrittore darà alle magie e alle credenze popolari che inevitabilmente sconvolgeranno il protagonista, forte della sua razionalità e delle sue convinzioni positivistiche.

Come dice il titolo, Cristo si è fermato ad Eboli, una cittadina campana dell'entroterra dove si fermano la strada e la ferrovia. Oltre Eboli c'è il nulla. Oltre Eboli non si è spinta la Storia e la civiltà.
Oltre Eboli c'è un altro universo, fatto di paganesimo e magia, di esseri umani la cui vita segue i ritmi della natura e della campagna. In loro non c'è nessun desiderio di riscatto (come possiamo trovarlo nei "cafoni" di Fontamara), e anche il fenomeno del brigantaggio viene focalizzato con estrema chiarezza da Levi come "un accesso di eroica follia, e di ferocia disperata: un desiderio di morte e distruzione, senza speranza di vittoria…". Il mondo di Gagliano è solo un universo a sé, popolato da personaggi estranei alla Storia, dove anche il Tempo non è più lo stesso…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Verga, Silone.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cristo si è fermato ad Eboli 2012-07-02 21:38:43 rakovic
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
rakovic Opinione inserita da rakovic    02 Luglio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

levi medico, pittore, scrittore

Il protagonista si ritrova confinato in Basilicata durante il ventennio fascista. Con le strade di allora, la mancanza di una vera lingua comune in Italia, si è ritrovato catapultato in un mondo dimenticato dagli uomini e da Dio; questo infatti è arrivato fino ad Eboli, ultimo baluardo della Campania, ma non ha avuto il coraggio di scendere in Basilicata... Levi, laureato in medicina, anche se in realtà ha esercitato ben poco, dà il suo contributo alla popolazione di quelle terre integrandosi bene con la gente del posto. Una versione drammatica e antesignana del film "benvenuti al Sud".
Là lascerà una parte importante della propria esistenza. Da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
13
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cristo si è fermato ad Eboli 2012-06-27 09:05:59 manu chan
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
manu chan Opinione inserita da manu chan    27 Giugno, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'Italia nascosta

Nel suo romanzo autobiografico, Carlo Levi vive il confino in Lucania, terra desolata e abbandonato al suo destino, che neanche Cristo ha voluto calpestare, perché appunto si è fermato ad Eboli, e lì è rimasto, trattenendosi anche l'evoluzione e la scienza. La storia ha dimenticato questa regione, l'ha lasciata all'indigenza, alla malaria e alle tradizioni che si uniscono alle arti magiche. Qui, dove le donne vanno vestite a lutto e dove i medicinali sono una rarità, dove le pietre si confondono con le case e dove le capre hanno uno spirito maligno, l'autore si è trovato a contatto con personggi differenti, molti dei quali sono stati consapevoli del distacco sociale da Roma, che ritengono l'artefice di una politica che li dimentica, annullandoli.
Anche in queste zone così desolate, Levi trova il modo di dare voce alle sue capacità, esercitando la professione di medico, sebbene nella civiltà in cui viveva prima non l'avesse mai fatto (a cui in realtà viene avvicinato quasi per caso) e trovando luogo per la sua arte, a cui gli spazi rocciosi e desolati si prestano per essere ritratti al pari degli uomini.
La scrittura, scorrevole e talvolta elaborata, permette al lettore di addentrarsi in un periodo storico difficile per l'Italia (rappresentata non dai cittadini, ma dal potere) e per gli italiani (a cui spetta il compito di subire).
Vale sicuramente la pena di affrontare questa lettura, che ci guida alla scoperta di un'Italia nascosta, indispensabile per la nostra cultura di cittadini.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Cristo si è fermato ad Eboli 2011-03-30 18:48:54 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    30 Marzo, 2011
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo Stato è lontano

Nel corso della lettura delle prime pagine viene istintivo un accostamento a Fontamara, il bellissimo romanzo di Ignazio Silone. Stessa è la miserabile condizione di indigenza trattata, anche se i luoghi sono diversi (là la Marsica, qua la Lucania), identica è l’attività di sostentamento dei protagonisti (là contadini, come qua), uguale è il profondo senso di scoramento, quel sentirsi lontani dallo Stato visto come un’entità oscura e quasi sempre vessatoria. Eppue le differenze ci sono e appaiono notevoli, a iniziare dalla narrazione, poiché se Fontamara è un romanzo con una trama simbolica, Cristo si è fermato a Eboli è un’autobiografia, limitata a un determinato periodo, tale da essere considerato dall’autore un’autentica rivelazione. E poi non occorre dimenticare la diversa estrazione sociale degli scrittori, con Ignazio Silone (all’anagrafe Secondino Tranquilli) rimasto quasi senza famiglia a seguito del terremoto che colpì Avezzano nel 1915, quindi parte della stessa gente che così mirabilmente descrive nel suo romanzo, un grido di dolore di un oppresso fra gli oppressi.
Carlo Levi, invece, borghese torinese, costretto a dimorare nel luogo della sua opera come confinato dal regime fascista, coglie lo stupore che gli ingenera lo scoprire una situazione di arretratezza economica e di emarginazione sociale che gli erano sconosciute, e lo fa dapprima quasi con riluttanza, poi con sempre più viva partecipazione al punto di riconoscere in quei reietti dei sentimenti di umanità, delle capacità di accoglienza, nonostante vi imperi l’ignoranza e la superstizione.
In entrambi i casi Ignazio Silone e Carlo Levi portano alla luce, nella sua drammaticità, la questione meridionale, una vasta parte dell’Italia così dissimile dall’altra, così abbandonata da apparire staccata, una propaggine importante, ma lasciata allo sbando, arretrata economicamente e socialmente, un luogo sulla carta geografica e nulla più.
Il contrasto fra il settentrionale, agiato, medico torinese e una realtà del tutto imprevedibile palpita nelle pagine, dotate di una dinamicità in contrasto con la staticità di quel mondo, abbandonato da tutti e perfino da Cristo, che oltre Eboli non è andato.
La fatica del vivere quotidiano, la tediosità di una situazione senza speranza, l’ignoranza sempre presente, unita alle superstizioni che accomuna quei diseredati alle pochè autorità (podestà, medici, farmacisti), ma soprattutto quel sentirsi lontani anni luce dallo stato, da questa istituzione sconosciuta e anzi vista con timore, come un Moloch che pretende sempre di più senza dare, sono descritte in modo mirabile da Carlo Levi.
Certamente per lui è una sorpresa scoprire questo mondo, di cui all’inizio anche diffida, ma poi, nei quotidiani contatti con la gente - fra cui indubbiamente critici quelli con il ceto borghese, non poco responsabile della situazione –, riesce a cogliere le virtù difficilmente percepibili a prima vista di questi vinti, si entusiasma, diventa partecipe dei piccoli e grandi fatti della comunità, finisce con il ritenere la sua condizione di confinato non tanto una condanna, ma un incidente di percorso, di fronte all’eterna condanna di un popolo senza patria.
Ci sono pagine che, pur nello stile elegante e non certo enfatico, muovono alla commozione, altre che fanno gridare di rabbia, come la descrizione di Matera che gli fa la sorella che è venuta a trovarlo. Abitazioni primitive in un mondo primordiale, una necropoli in cui si consumano esistenze che portano la fatica di esserci, i “Sassi” sono la realtà e l’emblema di una condizione, di un tempo che sembra fermo agli albori dell’umanità, senza cambiamenti, in un’infinta disperazione che si trascina di padre in figlio.
Levi sa cogliere anche nelle sfumature la tragedia di un mondo immobile e arretrato, dove tuttavia palpitano sentimenti, riescono anche a nascere gioie fra tanto dolore, e così quei cafoni, osservati dapprima con preconcetti borghesi, poco a poco diventano gli eroi di un’umanità derisa, calpestata, ma pronta a tendere la mano, a dividere il poco cibo e ad accogliere quel medico con la passione per la pittura, giunto da lontano, da un mondo che non conoscono e neppure immaginano.
Terminato il confino l’autore ripartirà per la sua città d’origine, con la promessa di ritornare fra quella gente che ora sente vicina a sé con il calore dell’affetto. Non sarà però così, ma Levi non verrà comunque meno all’impegno. Infatti, giace fra tanti illustri sconosciuti, nel cimitero di Aliano, quel paese la cui gente lo ha così toccato nel cuore.
Il romanzo, uscito nel 1945, incontrò subito un enorme successo, con diffusione in tutto il mondo e ha avuto anche una trasposizione cinematografica con la regia di Francesco Rosi e l’interpretazione di Gian Maria Volonté, Alain Cuny, Lea Massari e Irene Papas.
Cristo si è fermato a Eboli è una di quelle opere che lasciano un segno profondo nel lettore, che toccano nell’animo e invitano a riflettere, un romanzo che è impossibile dimenticare e che ogni tanto, ancor oggi, mi torna alla mente in certe sue pagine di struggente bellezza, emozioni e sensazioni che solo un capolavoro può dare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fontamara, di Ignazio Silone
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri