Sotto la città Sotto la città

Sotto la città

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Tutto comincia con il ritrovamento del cadavere di un presunto stupratore, con l'indagine sul suo passato e sui motivi che molte, troppe persone, avrebbero avuto per odiarlo: ma ben presto i contorni della vicenda si fanno assai più ampi e inquietanti e per il commissario Erlendur, solitario cinquantenne divorziato, alle prese con due figli invischiati in problemi di droga e alcol, l'indagine si rivela una vera e propria azione di scavo, alla ricerca di quello che si nasconde sotto una città apparentemente tranquilla come la sua Reykjavík. In un'atmosfera desolata e malinconica, appena sotto le vie tetre del suo mondo urbano, Erlendur scopre una città diversa e macabra, quasi uno specchio deformato di quella vissuta da tutti: la "città dei barattoli".


Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sotto la città 2015-10-01 16:33:56 mariaangela
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    01 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Io sono Lui.”

Gli autori nordici mi piacciono particolarmente, ma la criminologia islandese mi mancava.
Siamo nel centro di Reykjavík, nel quartiere di Nordurmyri, località che letteralmente significa palude.
E’ ottobre, Reykjavík è buia, fredda, cupa, piovosa, ventosa, quasi lugubre; ambientazione perfetta per questo romanzo che più giallo non potrebbe essere.

Prosa asciutta ed essenziale quasi scarna. Mi riporta ad Henning Mankell e al suo narrare in modo così impersonale. Senza fronzoli o situazioni eccessivamente dette o mostrate, dialoghi ridotti al minimo. Mancano slanci di amicizia, tenerezze, rapporti saldamente costruiti. Una penuria di dettagli che mi lascia leggermente insoddisfatta. Descrivere in pochissime parole.

Questo è il terzo romanzo della serie, il primo tradotto, mi viene il dubbio che nei primi due qualcosa in più venga svelato, ma non ci giurerei.

Il commissario Erlendur Sveinsson non è un affascinante uomo, non nel senso letterale del termine, almeno.
Cinquantenne, divorziato da tanti anni, ha interrotto i contatti con moglie e figli quando erano ancora piccoli. Di lui sappiano che ha una situazione familiare complicata, che è solo, che non mangia piatti cucinati da chissà quanto tempo e spesso indossa gli stessi abiti e dorme vestito sul divano.
Vive in un bilocale stracolmo di libri, nessuna foto della sua famiglia a tenergli compagnia, solo il triplo bip del forno a microonde.

La figlia, Eva Lind, tossicodipendente sempre alla ricerca di denaro.

Il figlio, Sindri Snaer, ormai al terzo ciclo di disintossicazione dall’alcol.

Agli inizi della carriera alla polizia investigativa, è stata Marion Briem a insegnargli tutto. Una donna di grandissima esperienza accumulata in una vita di indagini di routine. Memoria infallibile. Ancora oggi che è fuori dal giro ricorda tutto dei vecchi casi su cui ha lavorato. Anche di questo caso conserva ricordi abbastanza nitidi.

Non mi è mai capitato di provare autentica ammirazione per la capacità dell’autore nel descrivere situazioni psicologicamente toccanti, infondere quel pizzico di sana paura e insicurezza tanto da pensare…mah forse leggere così al buio non è il caso, magari una luce l’accenderei!!!! Sarà che non ho mai letto horror… erano queste le sensazioni che mi sarei aspettata di sentire leggendo ad esempio Lovecraft.

All’indagine principale si intreccia una sparizione a prima vista ad essa totalmente estranea; a rafforzare la tesi, semmai fosse necessario, che molte verità vengono nascoste sotto una palude di menzogne, di segreti inconfessabili…al limite del macabro. E non solo.

Insomma un romanzo da leggere, che pian piano si svela nel finale, ma volontariamente, nel senso che il punto interrogativo ad ogni costo non mi sembra sia l’obiettivo principale dell’autore, quanto quello di costruire una storia intricata, complessa, risalente a tanti tanti anni prima, senza sensazionali colpi di scena, ma certamente piacevole e suggestiva. In alcune ambientazioni anche troppo.

Io una lampada me la sono accesa…così…per aver tutto più chiaro intorno a me…

“Dal terrore dei nemici custodisci la mia vita.” Salmo numero 64 di Davide.

Buone prossime letture a tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Sotto la città 2010-11-02 16:18:42 Cristina V
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Cristina V Opinione inserita da Cristina V    02 Novembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

storia coinvolgente!


Questa è la prima storia con protagonista il commissario Erlendur; solitario, introverso, reso "aspro" dalle preoccupazioni e dai dolori.

Un matrimonio finito male; due figli problematici ( alcool, droga..)con cui ha rapporti difficilissimi...non c'è da essere molto allegri.
Eppure questo personaggio mi ha colpita fin dalla lettura del secondo romanzo, La signora in verde.

Come ho già avuto modo di di affermare, la lettura nell'ordine è d'obbligo, per gustare appieno le storie. Perchè, al di là della vicenda "gialla", c'è una sequenza della storia personale del commissario, che serve a mettere a fuoco maggiormente la persona ed i suoi comportamenti.

Il commissario inizia la sua indagine sull'assassinio di un vecchietto, e decide di volgere le sue ricerche sulla foto di una bimba morta trent'anni prima, trovata in casa della vittima!

Sembrerebbe un improbabile inizio, invece...

Indridason si rivela , con la sua trilogia, comprendente questo romanzo, La signora in verde e La voce, uno dei migliori scrittori nordici attuali.
Pur avendo apprezzato moltissimo la trilogia di Larsson, ho gradito allo stesso modo questi romanzi, che sono più...raccolti, senza azione nè clamori...ma assolutamente imperdibili!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il copista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove crollano i sogni
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cerchi nell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La natura è innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Olive, ancora lei
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Lo splendore del niente e altre storie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri