L'uomo che vorrei L'uomo che vorrei

L'uomo che vorrei

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di L'uomo che vorrei, romanzo di Kerstin Gier edito da Corbaccio. Kati è serena con Felix, ma dopo cinque anni di matrimonio incomincia a subentrare quel trantran che ti fa chiedere: «Sarà veramente una bella idea, quella di invecchiare insieme?» E quando conosce Mathias e se ne invaghisce, al punto di pensare a una relazione extraconiugale, la sua vita diventa parecchio più complicata. In particolare, quando scivola in stazione e cade sui binari, finendo in ospedale in coma e risvegliandosi… cinque anni prima, esattamente il giorno in cui avrebbe dovuto conoscere il suo futuro marito. Kati a questo punto pensa di avere una seconda chance e decide di giocare il tutto per tutto per dare una nuova impronta alla sua vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo che vorrei 2014-03-20 15:27:44 mia77
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
mia77 Opinione inserita da mia77    20 Marzo, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'uomo che vorrei di Kerstin Gier

Romanzo semplice e leggero, che ha come tema principale un viaggio nel tempo. Divertente il modo di scrivere, per trascorrere qualche ora in tranquillità, per l’uso di un umorismo leggero e ironico. La trama non è molto originale, ma i personaggi sono simpatici e ironici.
Questo libro ci pone l’interrogativo che quasi tutti ci siamo posti: come sarebbe la mia vita se potessi tornare indietro e avere un’altra possibilità?
E’ un romanzo senza pretese, ma scanzonato e carino da leggere durante le prossime vacanze pasquali, sdraiati sotto l’ombrellone.
Le frasi o le espressioni che mi sono piaciute:
“Non credo nel destino. Credo che ciascuno sia responsabile della propria felicità. Bisogna perseverare, per ottenere ciò che si vuole. O chi si vuole”;
“Tutto quello che accade succede per un motivo preciso… perché deve succedere”;
“Ci concediamo troppo poco tempo per le cose belle della vita…”;
“Mi sentivo meravigliosamente. Meravigliosamente viva. Meravigliosamente irragionevole. E meravigliosamente confusa;
Ad ogni capitolo ci sono anche frasi di personaggi famosi. Queste, a mio avviso, le migliori:
“Nella vita sarebbe meglio non commettere mai due volte la stessa stupidaggine, perché la scelta è davvero vasta” Bertand Russel;
“La morale è la strenua lotta contro la ribellione degli ormoni” Federico Fellini;
La ragione e la capacità di usarla sono due doti diverse” Franz Grillparzer;
“Chi non commette mai errori, non prova mai niente di nuovo” Albert Einstein;
“Non ci sino limiti al pensiero. Si può pensare quanto e ciò che si vuole” Ernst Jandl;
“La vita è come un gioco. Non si può vincere molto senza rischiare di perdere” Cristina di Svezia;
“Pensiamo di rado a ciò che abbiamo, ma sempre a ciò che ci manca” Arthur Scopenhauer.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo che vorrei 2013-08-08 07:44:29 Iry
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Iry Opinione inserita da Iry    08 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sottotono

Adoro la scrittura di Kerstin Gier, ma con questo romanzo, non è riuscita a trasmettermi quello che desideravo. Furbacchione protagonista è il destino. Kati è una donna felicemente sposata con Felix, ma quando incontra Mathias, viene risucchiata da un turbine di incertezze. Quando inizia a essere divorata dal senso di colpa, un incidente, la riporta di 5 anni indietro. Ecco, che può così, cambiare la sua vita facendo forse una scelta diversa.. ma sarà quella giusta?
Questo libro non mi ha convinto, l'ho trovato troppo lento, una trama che sembra non ingranare mai, con poca particolarità. Alcuni punti divertenti sicuramente non mancano, ma di solito la Gier, ne usa di più nei suoi libri e con più convinzione.
Un po' sotto le mie aspettative, ma comunque una storia carina da leggere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri