Cacciatori nel buio Cacciatori nel buio

Cacciatori nel buio

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice
Una vincita insperata in un casinò sul confine tra la Cambogia e la Thailandia, e Robert, un giovane insegnante inglese in vacanza, decide di non tornare più al torpido grigiore del Sussex. Resta in Cambogia come barang a tempo indeterminato: uno dei tanti espatriati occidentali che «cacciano nel buio», cercando la felicità in un mondo che non potranno mai comprendere appieno e che di solito li trascina alla deriva. E anziché la chiave d’accesso a una nuova vita, quella vincita si rivelerà l’innesco di una reazione a catena destinata a coinvolgere un americano incongruamente elegante, un poliziotto dal lugubre passato e la rampolla di un ricco cambogiano. Cacciatori nel buio è un sofisticato gioco del gatto col topo, ricco di colpi di scena e tanto più inquietante perché immerso in una terra di foschie, risaie, calura umida e piogge opprimenti, di fatiscenti architetture coloniali e templi inghiottiti dalla giungla – mentre su tutto aleggia la «natura nascosta» di Phnom Penh, solo apparentemente immemore dell’Anno Zero della Rivoluzione dei Khmer Rossi.


Recensione della Redazione QLibri

 
Cacciatori nel buio 2017-09-14 20:34:10 Valerio91
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    14 Settembre, 2017
Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Khmer e Barang

Nella mia vita non ho letto tantissimi romanzi di viaggio, nè ho mai letto altre opere di Lawrence Osborne, ma questo titolo mi ha attirato per la sua ambientazione, un luogo che almeno una volta nella vita vorrei visitare: la Cambogia, coi suoi templi(specialmente Angkor Wat) e le sue tradizioni.
L'ambientazione è ben descritta, forse anche troppo, considerati i detagli che spesso rendono la lettura meno scorrevole. E' un romanzo che richiede più impegno di quello che mi sarei aspettato, uno sforzo che viene però controbilanciato(anche se non del tutto), dalla resa perfetta dei luoghi descritti, dei profumi, dei sapori, delle tradizioni, di una cultura così diversa dalla nostra. E' ovvio che l'autore sa di cosa sta parlando e ne abbiamo la conferma nella pagina dei ringraziamenti, in cui omaggia un suo caro amico che è sopravvissuto a un campo di sterminio durante il genocidio cambogiano sotto il regime dei Khmer Rossi, il quale coi suoi racconti fati all'autore ha ispirato questa storia.

Incontriamo il nostro protagonista Robert durante la sua vacanza(anche se sarebbe meglio dire fuga) in Cambogia. Robert è un giovane professore d'inglese, stanco della vita che conduce da sempre in una terra natia che non gli manca affatto. Robert decide che, forse, la Cambogia è il luogo adatto per ricominciare, un luogo che sente affine alla propria anima nonostante gli innumerevoli difetti che presenta in bella mostra. Ad aiutarlo nella sua scelta di ricominciare da zero è un'importante vincita in uno dei tanti casinò del paese; vince una cospicua somma di denaro che gli regala una sicurezza economica pronta a spalancargli porte sprangate fino a poco tempo prima.
Un uomo che vince tali somme, però, non passa inosservato in un paese in cui gli abitanti sono pochi e i barang(bianchi) sono ancor meno, e Robert non è esente da questa regola. La sua vincita innescherà una serie di eventi e di incontri che gli cambieranno la vita, che lo porteranno a credere a cose che prima riteneva superstizioni impossibili, che lo avvicinerà a quella cultura che farà sempre più sua e che gli entrerà silenziosamente nell'anima.
Sullo sfondo, la Cambogia ancora sconvolta dal suo passato difficile, da una Rivoluzione che ha lasciato ferite non ancora cicatrizzate, ferite che hanno segnato un popolo ancora convalescente, ma che sta provando lentamente a rialzarsi. Al passato dei Khmer(cambogiani), rappresentati in questa storia dal controverso poliziotto Davuth, si contrappone il passato dei barang rappresentati dal nostro protagonista, e da questo contrasto nascerà una storia interessante, scritta discretamente, ma che vi terrà impegnati più di quanto crediate.
E' comunque uno di quei libri che lascia qualcosa, dunque vale la pena dargli un'occasione.

"Anche la loro tristezza era diversa. Veniva dagli anni Settanta, epoca che qualsiasi cinquantenne ricordava con lucidità. Era la tristezza delle generazioni che avevano perso tutta la gioventù per niente e la cui unica via d'uscita era dimenticare. La tristezza dell'Inghilterra, invece, stava precisamente nella sua portentosa memoria, nel rifiuto di dimenticare alcunché."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Giorni in Birmania di George Orwell.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La cercatrice di corallo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Parlarne tra amici
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Sorprendimi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini che restano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita riflessa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In
In
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Davanti agli occhi
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sera a Roma
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Lo spirito della fantascienza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hotel Silence
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La grande truffa
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il diavolo nel cassetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri