Ali Ali

Ali

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


"Ali (1951), Il pino della Hama Rikyu (1951) e Cruciverba (1952) sono opere che presentai in occasioni diverse, mentre tentavo di perfezionare il mètier del racconto. Ali ha come sottotitolo " Una storia alla Gautier" , e racconta favolisticamente l'esperienza dolorosa di un giovane che sopravvisse suo malgrado, durante e dopo la guerra, alla morte dell'amata. Pensai d'aver scritto con molta sincerità di me stesso, in questo genere di racconti, invece, a quel tempo, nessuno si accorse della mia confessione. Probabilmente era la conseguenza di essere sempre apparso agli altri come chi non vuole mai dire nulla di sé." Yukio Mishima

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ali 2014-07-23 17:37:51 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    23 Luglio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Aspirazione al volo

Yukio Mishima, con “Ali”, compone un racconto che è un gioiello per stile (“Oltre l’ampio panorama, le nuvole si avvolgevano e si scioglievano come petali di iris”) e contenuti, in una storia che del gioiello ha le dimensioni minime e il prezioso splendore.

La relazione tra i due cugini Sugio e Yoko si alimenta di momenti intimi, a contatto con la natura, nella casa della nonna: tra un tenue senso del proibito (“Era abbastanza piacevole temere di essere visti insieme da qualcuno di casa, avrebbero potuto persino baciarsi, se lo avessero voluto”) e l’affinità di fondo (“Si somigliavano molto e venivano spesso scambiati per fratello e sorella”).
Poi interviene un’intuizione reciproca: “Nel treno affollato, ai due parve di sentire muoversi un’altra forza attorno alle loro schiene”. Sugio è convinto che Yoko abbia le ali e attende il momento propizio per vederle realmente. E viceversa. Ma questo è il dramma: “Purtroppo entrambi, credendo che solo l’altro avesse le ali, provarono un immenso sconforto perché erano sicuri che un giorno l’altro sarebbe volato via da solo”.
La metafora ontologica è vistosa: allude alla forza dell’amore (“Quando sentivano di riuscire a volare insieme, spinti dalla potenza dell’amore… l’idea di possedere le ali rendeva così reali le loro fantasie”), viene enfatizzata dal contesto bellico del 1943 (“la bellezza della natura nell’ultima fase della guerra sembrava scaturire dalla forza invisibile degli spiriti dei morti”) e antagonizza altre creature volanti che sono strumento di morte (“Rombò nel passare una pattuglia di aerei da ricognizione”).

Il pessimismo di Mishima tocca vette altissime nella raffigurazione di Sugio (“portando addosso le enormi ali che non servivano a nulla”) e nella fulminante valutazione autobiografica: “Le ali non sono adatte per camminare sulla terra”.
La bellezza disperata che stilla da ogni singola parola del racconto può soltanto avere un fondamento: Mishima aveva le ali (della poesia, dell'angoscia esistenziale, dell’amore) e ciò rende ragione delle righe introduttive: “Pensai d’aver scritto con molta sincerità di me stesso…”

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...lo consiglierei a quegli autori che in questi ultimi anni hanno prodotto copiosamente opere fantasy su angeli e creature alate.
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Ali 2014-07-21 08:27:14 C.U.B.
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    21 Luglio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tsubasa

Ali e' la storia di un sentimento mai consumato, leggiadro come le piume bianche di due grandi ali umane. Che ondeggiano dal basso all'alto verso il cielo blu di Tokyo, sostenendo la giovane figura dilaniata dalla guerra. Che ingrigiscono e lacerano le spalle gravandole di un peso immobile, quando inesistenti si impongono su quel corpo che alla guerra e' sopravvissuto. Privato del suo amore di promesse.

Racconto breve poco conosciuto e in via di estinzione nella forma cartacea, si trova facilmente  on-line ma il senso di questo libretto sta anche nella materia. Ben lontano dal richiamare l'idea  di una casa editrice nel lavoro tipografico e di rilegatura, il prodotto cartaceo e' un oggettino molto intimo. Minuscolo e di una carta quasi grezza, la copertina stilizzata che par scritta di pugno con dei pennarelli, dà l'idea di essere una copia casalinga, prodotta in un'unico esemplare. Stampalternativa una ne fa e un'altra ne pensa, all'interno ogni pagina italiana e' accostata all'equivalente giapponese, manoscritto dalla calligrafa Tomoko Senoo.
Intimo per la sinossi introvabile che ho voluto sostituire nella scheda di Qlibri con quel testo virgolettato inserito nel libriccino, in seconda pagina. Non e' facile trovare dei pezzi in cui Mishima si rivolga al suo pubblico in maniera così diretta e malinconica. 
Alla luce di quelle righe ALI acquisisce un numero sempre maggiore di sfumature ad ogni rilettura, il pavimento di pietra intiepidito da mani sudate che si stringono, dall' ombra delle azalee e dal ronzio delle api " come il respiro del giardino addormentato", accoglie ogni interpretazione che il lettore propone.
Non vuole essere una recensione questo commento, solo una dichiarazione d'amore come tante altre.
Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri