Narrativa straniera Racconti Le mie fiabe africane
 

Le mie fiabe africane Le mie fiabe africane

Le mie fiabe africane

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

"Il mio più profondo desiderio è che in Africa la voce del cantastorie possa non morire mai". Nelson Mandela raccoglie in questa antologia il meglio dell'immaginario fiabesco africano. Le storie più belle e antiche, raccontate nella forma in cui ce le restituiscono oggi le metamorfosi prodotte da secoli di peregrinazioni. Ma anche alcune storie nuove che fanno da corollario al corpus della tradizione. "C'è la lepre," osserva Mandela, "una piccola canaglia; il furbo sciacallo, nel ruolo dell'imbroglione; la iena, nella parte del più debole; il leone, in quella di sovrano dispensatore di doni; il serpente, che infonde paura e al contempo è un simbolo di virtù taumaturgiche; ci sono gli incantesimi che provocano sventura o salvezza; ci sono cannibali raccapriccianti che fanno paura ai grandi non meno che ai piccoli". Il popoloso universo di uomini e animali che abitano questo continente con la loro generosa umanità e l'istintiva disponibilità al sorriso è colto attraverso gli squarci folgoranti dell.arida essenza dell'Africa, tramite il caleidoscopio dei suoi colori assoluti, del bagliore accecante del sole, della foschia azzurra delle montagne. All'orizzonte il benevolo sollievo offerto dall'acqua e dalle foglie. "Le mie storie più care" le definisce Mandela. Storie antiche quanto l'Africa, raccontate attorno ai falò della sera da tempo immemorabile, universali nella loro capacità di ritrarre gli animali e la loro umanissima magia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le mie fiabe africane 2020-12-30 06:32:00 enricocaramuscio
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    30 Dicembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I valori universali

«Il mio desiderio è che in Africa la voce del cantastorie possa non morire mai, e che tutti i bambini africani abbiano la possibilità di sperimentare la magia dei libri senza smarrire mai la capacità di arricchire la loro dimora terrena con la magia delle storie.» Spinto dall'esigenza di far conoscere al mondo la cultura del suo continente e di mettere per iscritto storie che, oramai da secoli, si tramandano oralmente attraverso la figura dei cantastorie, Nelson Mandela raccoglie in questo volume trenta fiabe provenienti da diverse parti dell'Africa, che avvicinano il lettore ad una saggezza popolare semplice ma carica di significato. Allora abbandoniamoci all'accogliente calore di un fuoco trepidante, sotto un cielo notturno pieno di stelle e lasciamoci trasportare su e giù per il Continente Nero dalla voce narrante. Ci commuoveremo con "La madre che divenne polvere", struggente monito ad un migliore rapporto con la Madre Terra e con i propri simili. Sosterremo "Natiki", sorta di Cenerentola africana in cui la formula occidentale "vissero tutti felici e contenti" viene sostituita da una più pragmatica "le sue ciotole sono sempre piene di cibo". Rideremo e rifletteremo per "Lupo, Sciacallo e il barile di burro", tragicomica dimostrazione di come gli avidi, i furbi, riescano troppo spesso a soggiogare gli ingenui, gli onesti. Inoltre, una sfilza di animali dotati di un potentissimo simbolismo, piante dal carattere mistico, personaggi fantastici, gente comune con una vita ordinaria ma, non per questo, meno carismatica e affascinate dei vari principi, principesse, cavalieri e affini delle fiabe occidentali. Perché, anche se cambiano i protagonisti, le vicende, le ambientazioni, non variano invece la morale, il messaggio di fondo, il forte carattere educativo, a dimostrazione del fatto che i valori veri sono universali, non hanno latitudine, lingua, colore di pelle, che nessuna cultura può ritenersi superiore alle altre ma ognuna contribuisce ad arricchire l'esperienza umana di un particolare tratto, di una diversa sfumatura, parte fondamentale di un insieme che, si spera lo capiscano tutti al più presto, non può che essere indivisibile. "E in quello stesso giorno di ogni mese, la Luna guarda i suoi figli che litigano e discutono. Scorge le figlie guidate dalla giovane donna e indaffarate a curare e guarire, a servire e salvare, così come faceva lei prima. Ma i figli delle figlie della Luna continuano a litigare, a scontrarsi, a lamentarsi. E la Luna, vedendo tutto ciò, non può fare a meno di nascondere la faccia e piangere, prima di riavere la forza di tornare a guardare, mostrando solo metà del suo volto. Poi, poco alla volta si gira, finché la sua faccia piena risplende con amore. In quelle notti, qualcuno coglie quell’amore e lo fa circolare. Le figlie della Luna intonano allora il canto di chi si prodiga per gli altri, esprimendo ancora un desiderio: che tutti i figli possano imparare di nuovo ad amare la Madre".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le mie fiabe africane 2017-03-01 13:41:12 C.U.B.
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    01 Marzo, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Son tutte belle le fiabe del mondo

Scende la sera buia sul rosso tramonto. Il bagliore infiammato, scoppiettante tra le pietre, si diffonde dal fuoco che proietta grandi orme nere tutto intorno. I bambini siedono sulla nuda terra battuta, mentre il cantastorie si appresta a narrare :
“Noi non vogliamo, non vogliamo affatto intendere, che quel che ci accingiamo a raccontare sia vero. “

Con la medesima frase inizia questa antologia di fiabe africane, scelte da Nelson Mandela tra le piu’ antiche tramandate nei secoli. Salvo qualche rara incursione malese, si tratta di storie provenienti da vari paesi africani : l’uccello magico di Tanzania; il leone, la lepre e la iena del Kenia; il serpente di Zululand; la mantide e la luna del Sudafrica e tante altre.
Molte di questi racconti sono di una semplicita’ disarmante, brevi e stringati. Altri invece si fanno piu’ strutturati, ma per apprezzare il volume nella sua interezza ho avuto bisogno di qualche notte di attesa. Trascorso il tempo necessario, ho rivalutato l’opera tornando sui miei passi, che rischiavano purtroppo di calpestarla. Le favole, in fondo, sono metafore che con la fantasia parlano al popolo inscenando panorami in cui la societa’, effettivamente, vive la sua normalita'.
Se le fiabe giapponesi sono intrise di una saggezza antica ed esotica tra vecchine, ciliegi e volpi magiche, se quelle arabe godono di mille tesori, spade ,predoni e geni nelle lampade e se le favole europee pullulano di fate, principesse, carrozze e fastosi palazzi ... Qui siamo in Africa.
E’ fondamentale iniziare la lettura scevri da precedenti esperienze letterarie, consapevoli che questo e’ un Paese diverso. E’ luogo di poveri villaggi indigeni e di stregoni , di savana, di animali selvatici e di una luna imponente all'orizzonte.
Solo così potremo apprezzare la bellezza della scrittura di un ennesimo, diverso folclore. Intenerirci di fronte a Cenerentola che si chiamera’ Natiki e si preparera’ al ballo spalmandosi il corpo di grasso, spazzolandosi i capelli con un rametto spinoso e allacciandosi al collo una collana di perline di uovo di struzzo. Sorriderle, mentre davanti a un grande falò, danzera' con il suo cacciatore che la rendera’ felice sognando di tanti figli e di ciotole piene di cibo.
Un’umanità senza fronzoli, pienamente calata in un orizzonte fiabesco condiviso con il regno della terra e della natura.
E allora bello, buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri