Narrativa straniera Racconti Non chiamarmi col mio nome
 

Non chiamarmi col mio nome Non chiamarmi col mio nome

Non chiamarmi col mio nome

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La prosa di Purdy potrebbe suonare anacronistica, con le sue didascalie, il suo marchiano "tell don't show", questi personaggi che fulminano a bruciapelo gli interlocutori con domande sul senso delle cose, stridenti nella loro chiarezza e crudeli nel loro essere stralunate. I neon di un cinema notturno piuttosto equivoco squillano "uomini uomini uomini", e nella sala buia qualche marchettaro è intento a conoscere col tatto corpi e fremiti propri e altrui. Così come gli Holden efebici che perlustrano gli anfratti più bui di un parco sordido varcano quel territorio di confine che è l'omosessualità, allo stesso modo la lingua di Purdy sta e si misura fra ciò che dice e ciò che esclude dall'esser detto, ciò che rimane fuori ma soprattutto sotto l'abito di parole confezionato da questo formalissimo sarto letterario. Sotto una spessa patina di urbanità e manierismi, pulsa una voragine di desiderio e gli interpreti azzimati e ossequiosi di queste turpitudini mai esibite, ma solo ruminate e vissute, hanno un'onomastica e una "quirkiness" tutta dickensiana. Nell'America che ha fatto una patologia della sua purezza, Purdy si prende il rischio di addossare la colpa alle vittime, con una prosa perturbante che non disvela e non smaschera, ma anzi fa più buio quando ci sono tutte le luci accese.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Non chiamarmi col mio nome 2022-05-24 10:46:11 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    24 Mag, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Marciume

Questi racconti di Purdy sono bellissimi e spietati. La cosa che colpisce è che tutti i rapporti umani di tutti i tipi sono basati sull'interesse, anche se non sempre sul calcolo. L'amore, l'affetto, l'amicizia non esistono. I protagonisti faticano a stare al mondo in qualsiasi ruolo. Spesso nei rapporti di coppia uno dei due non lavora per cui la dipendenza economica complica la situazione creando dipendenze che inducono all'ipocrisia. Sia i rapporti omo che eterosessuali sono similmente bacati fino ad arrivare all'ultimo racconto che è il più terribile perchè i protagonisti sono due bambini orfani, vagabondi e senzatetto. Il più grande dei due Fenton è un adolescente molto bello su cui molte persone hanno messo gli occhi. Fenton si trova in una situazione di estremo bisogno, di disperazione dopo la morte della madre, di solitudine. E' questo il momento in cui il mondo prova a corromperlo offrendogli qualcosa, ovviamente di materiale. Claire è il fratellino più piccolo che rifiuta ogni compromesso, è quasi un angelo e parla con Dio. Claire è di ostacolo al fratello nella sua nuova vita. Il libro trasuda disperazione. Non è il libro del classico gay rifiutato dalla società o con problemi di identità o di emarginazione. Ogni protagonista gay o etero non si trova mai a suo agio, a volte l'identità sessuale dei personaggi è dubbia nel senso che manca o è sfumata, in ogni condizione il personaggio si trova fuori posto in una condizione di estrema sofferenza. E' terribile che non ci sia nei racconti nessuna persona buona. E' un mondo di lupi, dove le pecore fanno una brutta fine. I ricchi non sono uccisi e rapinati, perchè i malintenzionati uccidono i bambini come Claire che non hanno cibo e un letto per dormire. La debolezza e l'essere senza macchia lo rendono un bersaglio. Mi sembra impossibile che Purdy abbia scritto anche un libro come il nipote dove invece tra tutti i personaggi si crea una specie di armonia che porta alla realizzazione di un posto che è una specie di paradiso in terra, un posto che non per niente si chiama Rainbow cioè Arcobaleno. Ma questo è un altro libro. Comunque i racconti sono bellissimi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Non chiamarmi col mio nome 2019-06-06 02:48:23 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    06 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sei tu che hai ordinato Fenton

Non chiamarmi col mio nome di James Purdy è una raccolta di racconti con un tema dominante: quello dell’inquietudine e dell’incapacità di interpretare e definire un disagio spesso sottaciuto e che non si manifesta in forma esplicita.

La raccolta culmina nel racconto lungo intitolato “63: Palazzo del sogno”, una storia complessa ove realtà, sogno e morte si fondono.

In un parco equivoco (“Qui gli uomini che venivano a vagare brancolando senza meta come lui erano ovviamente ombre dell’inferno”) lo scrittore Parkhearst – sempre a caccia di storie – arruola Fenton e lo conduce al cospetto della Granger, “la grandonna” (“Sei tu che hai ordinato Fenton”), una ricca signora che vive nel rimpianto dell’ex marito, Russell (“Pensavi che mi avrebbe ricordato Russel?”).

Fenton vive con il fratellino Claire (“Voleva disperatamente liberarsi di Claire e mentre sentiva questo sentiva più che mai amore e pietà per lui”) nell’indigenza e in un palazzo abbandonato, ma presto cede alle lusinghe e alle gelosie dell’ambiguo triangolo con gli adulti (“Lui voleva vivere quella nuova vita con la Granger e Parkhearst. Voleva essere un altro, voleva portare gli abiti di Russell, voleva la vita che gli si offriva e che Claire ostacolava”).

Poi Fenton incontra Bruno e, dopo una nottata di follia (“Le ore del mattino… segnarono il punto di non ritorno, non posero fine alla sua giovinezza ma la resero superflua, come l’età per un dio”), ritorna al palazzo per un macabro addio a Claire.

Giudizio finale: inquietante, oscuro, disadattato.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi di James Purdy
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bestiario sentimentale
Melancolia
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa