Dettagli Recensione

 
Elizabeth a Rugen
 
Elizabeth a Rugen 2013-05-31 07:49:23 MCF
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
MCF Opinione inserita da MCF    31 Mag, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Descrizioni e pensieri di un'aristocratica

Molto carino questo libro di Elizabeth Von Arnim, narrato con il suo consueto senso dell’umorismo e condito con osservazioni argute e belle descrizioni.
Una giovane aristocratica si reca in vacanza a Rugen accompagnata dalla fida cameriera Gertrude e dal cocchiere che la chiamano “la nostra buona signora”; già il lettore prova un po’ di invidia per questa dama tanto riverita e si chiede se i due servitori le siano davvero affezionati o se in realtà sognino di strozzarla. Nella cornice di uno splendido panorama, la protagonista s’imbatte in una cugina femminista e in altre conoscenze piuttosto noiose; molto divertenti i suoi commenti in merito. Riporto altre simpatiche osservazioni: quando, in una giornata calda, invita Gertrude a fare il bagno con lei, chiedendole come faceva a resistere. “Ma era evidente che Gertrud poteva resistere benissimo. Adocchiò la meraviglia vivente del mare con lo sguardo di chi vi scorga semplicemente qualcosa che di un uomo asciutto ne fa uno bagnato. Disse che era raffreddata. “Domani allora” risposi speranzosa; ma lei replicò che i suoi raffreddori duravano giorni. “Insomma, appena ti passa” insistetti, pervicacemente e odiosamente speranzosa; a questo punto divenne profetica e disse che non le sarebbe passato mai più.”
O quando entra nella sala da pranzo in un albergo dove numerose famiglie stanno mangiando e ha l’impressione che tutti i bambini di Germania smettano di mangiare e la guardino; e il lettore ha l’impressione di essere là, in quella sala, sotto lo sguardo del piccolo esercito tedesco, consapevole della solidarietà e dello spirito patriottico che unisce questo popolo già soldato a un anno di vita. Ammirando il paesaggio, pensa che tanta bellezza entrerà nella sua anima addolcendola per sempre; avevo trovato una riflessione simile in una poesia del Pascoli in cui l’autore diceva che la gioia provata in un periodo della sua vita l’avrebbe gratificato per sempre. L’autrice ha uno stile brioso che compensa una trama piuttosto carente. In questo senso, ricorda “Ogni passione spenta” e “Passaggio a Teheran” di Vita Sackwille West e "Londra in scena" di Virginia Woolf, splendidi resoconti di pensieri e riflessioni e i film di Sofia Coppola in cui lo spettatore aspetta invano che succeda qualcosa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I libri di Virginia Woolf, Vita Sackwille West.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'uomo del porto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri